Ricerca: Trial controllati randomizzati, studi caso-controllo e studio su coorte.

trial controllati randomizzati, studi caso-controllo e su coorte

Identificati come l’elezione al fine di ricavare gli elementi probanti da una ricerca, i trial controllati randomizzati (RCT), se tale ricerca è positivistica, rappresentano nella piramide delle evidenze il modo migliore di valutare un intervento, per constatare possibili relazioni tra cause ed effetti o eventuali variabili.

I trial controllati randomizzati

Gli RCT sono modelli sperimentali per manipolare variabili all’interno di un campione di soggetti coinvolti nell’indagine mentre un successivo gruppo di persone, in cui una data variabile non viene modificata, costituisce il gruppo di controllo.

I ricercatori per non modificare i comportamenti degli operatori e dei pazienti stessi, assegnano un codice ad ogni gruppo, o eventualmente diversi codici per ogni persona. Lo scopo di non mostrare chi appartiene al gruppo di controllo o al campione di soggetti a cui viene alterata in qualche modo la variabile studiata (chiamato doppio cieco), è quello di ridurre al minimo gli errori, cercando di garantire che ogni effetto osservato sia dovuto alla variabile studiata e manipolata.

Ovviamente per ottenere risultati supportati da forte evidenza è necessario possedere un campione statisticamente significativo.

Studio caso-controllo e studio su coorti.

I partecipanti allo studio caso-controllo sono reclutati tra coloro che presentano la patologia o situazione oggetto di ricerca, mentre il gruppo controllo comprende partecipanti non ammalati, ma che è possibile includere nello studio per tutti gli altri aspetti di indagine, consentendo quindi il confronto.

Studio caso-controllo

Un modello caso-controllo è appropriato quando si vuole tentare di identificare la causa di una malattia oppure gli effetti rari di una prestazione. Risulta invece inadeguato se si vuole valutare l’efficacia di un intervento quando invece sarebbe appropriato, in questo caso, un RCT.

L’assunto che sottende la scelta di questo modello è che osservando retrospettivamente ed effettuando un buon confronto fra i due gruppi di analisi, sia possibile identificare una ipotetica relazione di causa-effetto, pur senza la possibilità di dimostrarla.

Studio su coorte

Lo studio su coorte rappresenta un modello adeguato per identificare effetti rari o indesiderati dei trattamenti, oppure per valutare differenti approcci o mutamenti nell’erogazione del servizio, nella gestione o nell’organizzazione.

Questo modello può quindi essere usato per stabilire la causa di una malattia, oppure per valutare l’esito di un trattamento, nei casi in cui non sia possibile ricorrere ad un trial controllato randomizzato.

Piaciuto il contenuto? È tratto da:

L’infermiere

L’infermiere

Cristina Fabbri - Marilena Montalti , 2015, Maggioli Editore

L’ottava edizione di questo apprezzato manuale affronta in modo ampio ed esaustivo tutte le problematiche presenti all’interno dei sistemi sanitari assistenziali con una metodologia moderna e di grande efficacia operativa.
Per le sue caratteristiche, infatti, questo manuale...



 

Se ti interessa l’argomento continua ad informarti!

Assistenza basata sulle evidenze: Come attuare l’EBN?

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO