Infermiere rumeno che seda paziente e la stupra, cosa dire?

abuso infermiere rumeno su paziente.

Se ci occupiamo del caso dell’infermiere rumeno che seda e stupra una paziente cinese è perché crediamo nella categoria infermieristica, perché riportare semplicemente la notizia è troppo semplice, troppo angusto l’ambito di riflessione se non ci si sofferma un attimo; un infermiere che abusa sessualmente di una sua paziente è un fatto pazzesco e di invereconda bruttura.

Infermiere rumeno seda paziente e la stupra

Lui, rumeno di 41 anni, in servizio presso l’ospedale di Padova, qualche giorno fa ha drogato e poi approfittato di una 58enne. Cose da matti e inizia la girandola di riflessioni, opinioni razziste sui social, viene indagata la nazionalità dell’infermiere, il reportage del fallimento italiano in tema di collocamento dei nostri giovani al lavoro è elemento sul quale fondare teoremi dal dubbio valore argomentativo, ma tant’è, il dado è tratto.

Noi sappiamo cosa voglia dire essere infermieri, lo sappiamo, e ci si vergogna di poter essere accostati a tali figure, ma la disamina è più complessa: se si deve parlare di potenziamento delle strutture italiane con giovani laureati italiani è doveroso farlo, ma non è questa la sede, non è un uomo folle a giustificare la coltre di razzismo che ha ricoperto i colleghi stranieri, la loro migrazione dalla povertà è come la nostra.

Fa rabbia, lo so, fa rabbia sentire che quel posto sarebbe potuto essere ricoperto da un nostro cittadino costretto a emigrare, è il paradosso di un’Italia distratta, strafalciona, ma non vogliamo essere anche l’Italia razzista, l’Italia del distacco, noi siamo l’Italia dell’accoglienza, trasversale e autentica. Non riusciremo a riportare indietro i laureati italiani colmando i social network di becero risentimento xenofobo, è ancora una volta più complesso, è ancora una volta occasione di crescita che non deve essere sprecata.

Oggi, abbiamo tutti una piccola sfida da vincere: portare avanti la battaglia della scelta giusta, se fosse così, se si attivasse veramente un circuito di impegno costruttivo,  si potrebbe meglio tutelare la posizione di chi è costretto ad andare via, perché qui non si è apprezzati o non si è pagati. Non vogliamo più accettare il ricatto del lavoro, e non vogliamo pessimi professionisti di altre nazionalità solo perché costano di meno, vogliamo che siano solo i migliori operatori sanitari a scegliere l’Italia, e che l’Italia rappresenti l’eccellenza. Per fare questo ci vuole impegno, forse di tutti.

Tutto questo è oggi, tutto questo non c’entra nulla con la vicenda di un uomo orrendo, casualmente infermiere, casualmente straniero; noi indaghiamo la matrice di una vicenda le cui intime sfaccettature non devono essere più lasciate al caso, e vorremmo di più per chi lavora e per chi viene preso in carico dalle strutture italiane, lo vorremmo per tutti. Per costruire un paese migliore.

Condividi
esperto di diritto sanitario, copywriter, scrittore. amo curiosare fra gli aspetti sempre nuovi di ciò che ancora ho da scoprire, perdermi e ricominciare.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO