Iniezione sottocutanea – Procedura Infermieristica con Video

Iniezione sottocutanea - Procedura Infermieristica con Video
Iniezione sottocutanea Procedure Infermieristiche Video

Un’iniezione sottocutanea è una via per somministrare farmaci destinati ad un lento assorbimento. Difatti il sottocute rilascia molto lentamente il farmaco distribuendolo con la stessa lentezza al torrente circolatorio sanguigno. In genere i farmaci somministrati con iniezioni sottocutanee più comuni sono insulina ed eparina. Vediamo come proseguire con la procedura per iniezioni sottocutanee.

Come fare una puntura tramite iniezione sottocutanea?

Valutazione iniziale

Verificata la prescrizione, valutare se il pz non sia allergico al farmaco, che lo stesso farmaco non sia scaduto e che l’integrità del farmaco non sia compromessa. Verificare nei pazienti con terapie a lungo termine (esempio i diabetici) il sito d’inserzione: in genere il pz fa un ciclo rotazionale di sedi per non irritare troppo lo stesso tessuto.

Le sedi usate per la l’iniezione sottocutanea:

  • braccio dx e sx, due dita sotto l’acromion (sporgenza ossea della clavicola), o nella zona del tricipite dove il tessuto adiposo è generalmente pronunciato.
  • intorno all’addome, verso i fianchi adiposi, lontano almeno 4 cm dall’ombelico
  • parte superiore della coscia (tipica nell’autosomministrazione).

Materiale

  • Siringa (ad UI se destinata all’insulina), guanti, tampone antisettico, farmaco.

Devi studiare per i concorsi?

I test dei concorsi per infermieri

I test dei concorsi per infermieri

Ivano Cervella, 2017, Maggioli Editore

Il volume costituisce uno strumento utile per quanti si apprestano a sostenere un concorso pubblico per infermiere. Gli oltre 4600 quiz a risposta multipla, infatti, sono il frutto di un attento studio degli argomenti più spesso oggetto d’esame e dei quesiti effettivamente somministrati...



Procedura per somministrare un’iniezione sottocutanea

  • Lavarsi le mani ed indossare i guanti.
  • Preparare la siringa con il farmaco, se non già preriempita (tipo clexane).
  • Scegliere il sito d’inserzione e disinfettare con il tampone.
  • Prendere tra le dita una plica di tessuto e indirizzare l’ago a circa 45° dal piano orizzontale della superficie del pz. In caso di pz normo o sotto peso e con poco tessuto adiposo aumentare l’inclinazione. A 90° in presenza di pz obeso o sovrappeso con ricco tessuto adiposo. Inserire l’ago con un colpo deciso a dardo.
  • Effettuare la Manovra di Stiller (tirare indietro lo stantuffo per verificare se si è in vena e si corra il rischio di somministare il farmaco in circolo) solo in caso di farmaci a base di lidocaina, perché questo farmaco non deve essere irrorato direttamente nel torrente cardiocircolatorio in quanto sia anestetico sia antiaritmico.
  • Somministrare lentamente il farmaco.
  • Retrarre l’ago e tamponare senza frizionare.
  • Smaltire la siringa.
  • Togliere i guanti e lavarsi le mani.
  • Infine verificare possibili reazioni allergiche o formazione di ematomi. In caso di somministrazione di insulina verificare dopo qualche minuto nuovamente la glicemia con l’HGT.
  • Documentare il tutto.

La procedura in questo video si basa sui protocolli dell’azienda in cui è praticata e può non corrispondere alla procedura qui sotto elencata. Il video appartiene al canale Youtube ufficiale del Corso di Laurea in Infermieristica di Faenza, Alma Mater Studiorum – Università di Bologna, Scuola di Medicina e Chirurgia, Campus di Ravenna. Il video è qui raggiungibile: https://www.youtube.com/watch?v=7nW4YgY6RP4

Continua ad informarti:

Campo sterile per asepsi e ambiente asettico – Procedura con video

Condividi
Infermiere di Unità Coronarica presso ASST Garda, frequenta il Master in Tecniche ecocardiografiche presso UniCattolica di Brescia. Tra i molti interessi, ha una certa vocazione per tutto ciò che viene percorso da "corrente elettrica": computer, macchine, internet. Da grande, nel futuro, spera di curare i cyborg.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO