Mancano Infermieri? Pagate meglio e verranno. È il mercato, baby!

Mancano Infermieri Pagate meglio e verranno. È il mercato, baby

L’emergenza Covid19 ha sottratto alle RSA e alle strutture private centinaia di infermieri che giustamente hanno preferito rispondere alla chiamata del pubblico, dove, gli stipendi sono maggiori del 30% e la qualità del lavoro è migliore, poiché ferie e diritti sono (spesso) garantiti.

Risultato? Mancano infermieri nelle strutture private. Appelli istituzionali, testate giornalistiche che urlano della grave situazione, presidenti di cooperative e responsabili delle strutture che si strappano i capelli.

Ma di soldi, neanche a parlarne!

Mancano Infermieri: se li volete, pagate meglio e verranno. È il mercato, baby!

Eppure è assurdo che le regole del mercato valgano solo quando a beneficiarne è il profitto degli imprenditori e dei datori di lavoro, mentre quando il vento gira e l’offerta di infermieri è scarsa e preziosa, ecco che la soluzione deve darla lo Stato.

No cari miei, la soluzione è nel mercato. Se mi date due minuti cercherò di spiegarmi meglio.

Il mercato del venditore: quando l’infermiere è prezioso

Miei cari datori di lavoro a differenza di qualche anno fa quando, a causa dell’eccessivo numero di infermieri disoccupati in cerca di lavoro, potevate fare il prezzo che volevate perché il mercato vi avvantaggiava, ad oggi ci troviamo nella situazione opposta: il vento è cambiato, ci ritroviamo nel cosiddetto mercato del venditore.

La condizione economica chiamata mercato del venditore è quella situazione in cui i datori di lavoro hanno bisogno di infermieri (domanda), ne hanno molto bisogno (bene prezioso = forte domanda), mentre il numero di infermieri disposti a lavorare nel privato è ridotto (offerta scarsa).

Cosa succede in base alla legge di domanda e offerta quando la domanda è alta e l’offerta è scarsa?

Bravi, il prezzo del bene aumenta. Non c’è altra soluzione allora! Non c’è Governo, Regione o Comune che possa aiutarvi in questo momento, se volete un infermiere dovete convincerlo a lavorare per voi per un prezzo più alto e condizioni di lavoro migliori. Probabilmente guadagnerete un po’ meno ma sono sicuro che riuscirete a sopravvivere fino al prossimo ciclo economico.

Lo “spiegone” per chi vuole saperne di più sul perché è il momento giusto per cambiare le cose.

In questo caso il venditore è l’infermiere che “vende” un servizio e una competenza che ha raggiunto con studio e sacrificio. Il mercato del venditore è vantaggioso per il venditore in quanto la domanda è superiore alla proposta di infermieri.

Quando la domanda è superiore all’offerta, chi ha un servizio prezioso e necessario, ad esempio durante una pandemia globale, ha più controllo sui prezzi stabiliti e sulle condizioni attraverso cui viene effettuata la vendita. Nel mercato di un venditore, inoltre, il professionista vende i propri servizi all’acquirente che paga il prezzo più alto.

L’esempio delle case e del mercato immobiliare

La casa è un bene necessario ed essenziale, non se ne può fare a meno. Immaginiamo un mondo in cui ci siano pochi costruttori e quindi poche case e quelle che ci sono non bastano per tutte. Tutti hanno bisogno di una casa e sono disposti ad acquistarne una, ma le case sono poche e quindi tutti andranno in competizione tra di loro.

Che succede? Aumenterà il prezzo delle case, e chi sarà disposto a pagarle di più se ne aggiudicherà una, gli altri rimarranno a contendersi le altre.

Foto di mohamed Hassan da Pixabay

Mancano infermieri quindi sono loro che fanno il prezzo non il contrario!

In una situazione come questa, durante una pandemia mondiale, l’infermiere è il bene necessario ed essenziale e gli acquirenti, in questo caso i datori di lavoro di RSA, cliniche ed ospedali privati, sono obbligati a rispettare il prezzo e le condizioni di chi fornisce il servizio, ovvero l’infermiere.

Mancano infermieri quindi è l’infermiere che stabilisce il prezzo e non il contrario. Colleghi e datori di lavoro tutti, se volete che gli infermieri lavorino presso le vostre strutture pagateci bene e meglio e vedrete che arriveremo.

Ah, dimenticavo: niente di personale, è il mercato baby!

Autore: Dario Tobruk (FacebookTwitter)

Professione infermiere: alle soglie del XXI secolo

Professione infermiere: alle soglie del XXI secolo

Caterina Galletti, Loredana Gamberoni, Giuseppe Marmo, Emma Martellotti, 2017, Maggioli Editore

La maggior parte dei libri di storia infermieristica si ferma alla prima metà del ventesimo secolo, trascurando di fatto situazioni, avvenimenti ed episodi accaduti in tempi a noi più vicini; si tratta di una lacuna da colmare perché proprio nel passaggio al nuovo millennio...



Leggi anche:

La retorica dell’eroe: per salvarsi, gli infermieri devono cambiare mentalità

Foto di PublicDomainPictures da Pixabay

Condividi
Infermiere di Unità Coronarica e Cardiologia, Master in Tecniche ecocardiografiche (UniCattolica). Web Content Editor medico-scientifico, iscritto al Master in Giornalismo e Comunicazione istituzionale della scienza. Nel 2016, in collaborazione con la casa editrice Maggioli, ha fondato DimensioneInfermiere.it.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO