Linee guida: via libera con l’attuazione dell’art. 5 della Legge Gelli

Linee guida: via libera con l'attuazione dell'art. 5 della Legge Gelli
Linee guida: via libera con l'attuazione dell'art. 5 della Legge Gelli

L’entrata in vigore della Legge Gelli-Bianco e il contestuale ampliamento del ruolo assegnato alle linee guida e alle buone pratiche clinico-assistenziali, ha stravolto il sistema usuale di valutazione inerente all’addebito della responsabilità professionale in capo al professionista della sanità. Valutata con sempre maggiore incidenza la necessità di rapportarsi alle linee guida e limitata, di contro, l’importanza dell’Ars medica, che da sempre ha rappresentato il nodo essenziale per la crescita e lo sviluppo dell’intero mondo sanitario, il sistema attuale si trova a gestire la nuova valenza delle linee guida con non pochi dubbi.

Alcuni dei quali vengono almeno parzialmente spazzati via dal decreto del ministro della Salute mediante cui è stato reso attuativo l’articolo 5 della legge Gelli, e dal via libera in Stato- Regioni all’intesa sullo schema di decreto del ministro della Salute, mediante il quale si è tentati di dare il via ad un riordino del Sistema nazionale linee guida, istituito nel 2004.

Secondo l’attuale disciplina, attraverso tale sistema, si potrà dar vita ad una organica quanto strutturale valutazione e pubblicazione delle linee guida sotto la nuova vigenza delle attuali norme codicistiche di riferimento. Sarà compito dell’Istituto superiore di Sanità, attraverso il SNLG, di  fungere da filtro per il loro accesso. Tale compito sarà svolto in relazione alle singole prestazioni sanitarie che devono essere eseguite da medici e infermieri.

 

Gli ultimi 20 anni di storia infermieristica:

Professione infermiere: alle soglie del XXI secolo

Professione infermiere: alle soglie del XXI secolo

Caterina Galletti, Loredana Gamberoni, Giuseppe Marmo, Emma Martellotti, 2017, Maggioli Editore

La maggior parte dei libri di storia infermieristica si ferma alla prima metà del ventesimo secolo, trascurando di fatto situazioni, avvenimenti ed episodi accaduti in tempi a noi più vicini; si tratta di una lacuna da colmare perché proprio nel passaggio al nuovo millennio...



Ruolo fondamentale è attribuito al Comitato strategico, a cui è conferita la gestione del sistema nella sua interezza. Coordinato dal presidente dell’Istituto superiore di Sanità, il Comitato può avvalersi, nell’esercizio delle sue funzioni, anche del lavoro di esperti in materia sanitaria, rappresentanti di comitati cittadini, rappresentanti di enti di ricerca, federazioni degli Ordini delle professioni sanitarie, esperti provenienti da società scientifiche e associazioni tecnico- scientifiche.

Ecco i criteri che saranno utilizzati dal Comitato strategico, per la definizione e aggiornamento delle tematiche cliniche e di salute pubblica delle quali sarà investito:

1) impatto epidemiologico delle malattie sulla popolazione italiana;

2) variabilità delle pratiche professionali non giustificate dalle evidenze disponibili;

3) diseguaglianze di processi ed esiti assistenziali;

4) benefici potenziali derivanti dalla produzione di linea guida;

5) tipo c qualità delle evidenze disponibili;

6) rischio clinico elevato;

7) Istanze sociali e bisogni percepiti dalla popolazione.

Particolare attenzione sarà poi messa in atto al fine di promuove un sistema efficiente di produzione di linee guida nazionali, evitando la duplicazione e sovrapposizione. Saranno monitorati annualmente lo sviluppo del Sistema nazionale linee guida, il numero delle linee guida proposte per l’inserimento e successivamente inserite nel Sistema,  i tempi di produzione delle linee guida e le criticità emerse nella fase di loro valutazione e il tasso di diffusione e recepimento delle linee guida da parte dei destinatari e l’impatto sugli esiti.

L’Istituto superiore di sanità, entro trenta giorni dall’adozione del decreto, definisce e pubblica sul proprio sito istituzionale gli standard metodologici per la predisposizione delle linee guida e i criteri di valutazione delle evidenze scientifiche dichiarate a supporto delle raccomandazioni contenute nelle linee guida.

Inoltre provvede alla loro valutazione e al loro inserimento nel Sistema nazionale linee guida dopo la verifica della conformità della metodologia adottata agli standard e ai criteri previsti.

Il  tempo tra l’ammissione della proposta di linea guida registrata nella piattaforma informatica e la sua presentazione all’Istituto Superiore di  Sanità  per  il  giudizio  di merito non può essere superiore ai due anni né inferiore a sei mesi. 

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO