Nuovo farmaco fa perdere fino a 22 Kg, ecco come funziona

Si chiama Tirzepatide, è un nuovo e rivoluzionario farmaco contro il diabete (al centro di ricerche recentemente pubblicate sulla rivista The Lancet) e i suoi effetti si sono rivelati molto interessanti anche per contrastare l’obesità.

Controllo di glicemia, peso e non solo

Come spiegato a Fanpage (VEDI) dal professor Francesco Giorgino (direttore dell’Unità Operativa Complessa di Endocrinologia del Policlinico di Bari), il Tirzepatide è un farmaco che appartiene alla nuova classe dei doppi agonisti recettoriali.

Agisce mimando l’azione di due ormoni naturali prodotti dall’intestino che controllano la glicemia e agiscono sul senso di sazietà (attivando sia il recettore del GLP-1 sia il polipeptide insulinotropico glucosio-dipendente ‘GIP’).

La vera innovazione sta nel fatto che i ricercatori sono riusciti a modificare una molecola per renderla bivalente: con una sola terapia, infatti, si possono controllare glicemia, peso, statosi epatica, pressione arteriosa e forse addirittura il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari (è ancora in corso lo studio SURPASS-CVOT).

Contro diabete e obesità

Nella sperimentazione SURPASS-3 tenutasi al Policlinico di Bari e conclusasi da poco, è risultato evidente come il preparato riesca a normalizzare i livelli di glicemia in un paziente su due.

Ma non solo: nelle persone affette da Diabete Mellito, a seguito dell’assunzione del farmaco si è registrato un calo di peso medio di 12-14 Kg. Per non parlare di quello verificatosi sui pazienti non diabetici: dai 20 ai 22 Kg!

Ciò va a confermare quanto già evidenziato dal recente studio SURMOUNT-1, i cui dati sono stati presentati al congresso dell’American Diabetes Association (ADA) 2022 e pubblicati contemporaneamente sul New England Journal of Medicine.

Primi risultati dopo 45 giorni

Già dopo un mese e mezzo dall’inizio della terapia, si vedrebbero i primi significativi miglioramenti nei livelli di glicemia a nella perdita di peso, risultati che poi accompagnerebbero in modo costante il paziente per tutto il periodo della cura (un anno e mezzo).

Tra un anno in Italia

Il Tirzepatide sarà disponibile qui in Italia tra circa un anno: è già disponibile in USA a seguito dell’approvazione della Fda e, non appena sarà approvato anche dall’Ema, irromperà nel mercato dei paesi Ue.

Proteggersi dal sole ‘pericoloso’ tramite una app? Oggi si può

Condividi
Infermiere di Emodinamica presso il Policlinico Umberto I di Roma e Redattore per Dimensione Infermiere (Maggioli Editore). Autore della raccolta di racconti "La suocera sul petto e altre storie vere" (Ianieri Edizioni, 2018), del romanzo "Buonanotte madame" (0111 Edizioni, 2014) e coautore del manuale di divulgazione scientifica "Assistenza respiratoria domiciliare - il paziente adulto tracheostomizzato in ventilazione meccanica a lungo termine" (Ed. Universitalia, 2013).

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO