Guarda il Video integrale del Webinar: “Gestione del paziente traumatizzato in ambiente extra-ospedaliero”

Redazione 16/06/21
Scarica PDF Stampa

Guarda il Video integrale del Webinar: “Gestione del paziente traumatizzato in ambiente extra-ospedaliero”

YouTube video

Il webinar gratuitoGestione del paziente traumatizzato in ambiente extra-ospedaliero” nasce dall’esigenza di sviluppare una metodica di approccio e trattamento del paziente traumatizzato in fase preospedaliera, basata sulle migliori evidenze disponibili e adatta alla realtà nazionale, nella quale l’intervento è spesso assicurato da personale con competenze disomogenee.
Perché l’intervento sanitario comporti dei vantaggi, gli operatori devono avere assoluta padronanza di tutte le manovre previste ed essere inseriti in un contesto organizzativo che offra al traumatizzato la possibilità di usufruire rapidamente delle migliori risorse. L’evento intende fornire un metodo di approccio standardizzato per la gestione del paziente traumatizzato in fase pre-ospedaliero in linea con le attuali evidenze scientifiche e con i diversi profili di competenza degli operatori sanitari.
Quanto sopra, al fine di assicurare quel continuum assistenziale, che consentirebbe di far giungere il paziente traumatizzato presso il nosocomio ospedaliero più appropriato, nel minor tempo possibile e nelle migliori condizioni cliniche possibili.

Guida al monitoraggio in Area Critica

Il monitoraggio è probabilmente l’attività che impegna maggiormente l’infermiere qualunque sia l’area intensiva in cui opera.Non può esistere area critica senza monitoraggio intensivo, che non serve tanto per curare quanto per fornire indicazioni necessarie ad agevolare la decisione assistenziale, clinica e diagnostico-terapeutica, perché rilevando continuamente i dati si possono ridurre rischi o complicanze cliniche.Il monitoraggio intensivo, spesso condotto con strumenti sofisticati, è una guida formidabile per infermieri e medici nella cura dei loro malati. La letteratura conferma infatti che gli eventi avversi, persino il peggiore e infausto, l’arresto cardiocircolatorio, non sono improvvisi ma solitamente vengono preannunciati dal peggioramento dei parametri vitali fin dalle 6-8 ore precedenti.Il monitoraggio è quindi l’attività “salvavita” che permette di fare la differenza nel riconoscere precocemente l’evento avverso e migliorare i risultati finali in termini di morbilità e mortalità.Riconosciuto come fondamentale, in questo contesto, il ruolo dell’infermiere, per precisione, accuratezza, abilità nell’uso della strumentazione, conoscenza e interpretazione dei parametri rilevati, questo volume è rivolto al professionista esperto, che mette alla prova nelle sue conoscenze e aggiorna nel suo lavoro quotidiano, fornendo interessanti spunti di riflessione, ma anche al “novizio”, a cui permette di comprendere e di utilizzare al meglio le modalità di monitoraggio.   A cura di:Gian Domenico Giusti, Infermiere presso Azienda Ospedaliero Universitaria di Perugia in UTI (Unità di Terapia Intensiva). Dottore Magistrale in Scienze Infermieristiche ed Ostetriche. Master I livello in Infermieristica in anestesia e terapia intensiva. Professore a contratto Università degli Studi di Perugia. Autore di numerose pubblicazioni su riviste italiane ed internazionali. Membro del Comitato Direttivo Aniarti.Maria Benetton, Infermiera presso Azienda ULSS 9 di Treviso. Tutor Corso di laurea in Infermieristica e Professore a contratto Università degli Studi di Padova. Direttore della rivista “SCENARIO. Il nursing nella sopravvivenza”. Autore di numerose pubblicazioni su riviste italiane. Membro del Comitato Direttivo Aniarti.

a cura di Gian Domenico Giusti e Maria Benetton | 2015 Maggioli Editore

15.00 €  12.00 €

Programma:

  • Concetti Teorici e algoritmo del Pre Trauma Care
  • Megacode In scenario operativo
  • Domande e chiusura seminario

Docenti:

  • Dr.Vincenzo Mauro Giaconella, Infermiere. Istruttore presso la Medical Branch dell’International Special Training Centre in Pfullendorf (GER)
  • Dr. Antonio Gentile, 1° luogotenente Infermiere EI, impiegato in missioni estere e Direttore corsi IRC sul Trauma

Responsabile scientifico:

  • Dr Gaetano Romigi

Presentazione e moderazione:

  • Dr Gaetano Romigi vice presidente Aniarti, Associazione nazionale infermieri di area critica
  • Dr Dario Tobruk Direttore responsabile Dimensione Infermiere
Redazione