“Noi infermieri diciamo basta all’ingrato ruolo di ultimi della classe!”

Scarica PDF Stampa


Gli infermieri saranno i nuovi poveri? Il sindacato Nursing Up, in un nuovo comunicato firmato dal suo presidente nazionale (Antonio De Palma), rilancia l’allarme dato qualche mese fa (VEDI): gli infermieri italiani, col progressivo aumento del costo della vita, rischiano di trovarsi coinvolti nel bel mezzo di un vero e proprio disastro sociale.


«Non bastavano i recenti dati della Ragioneria dello Stato, aggiornati al 2020, a sancire, con il magro di stipendio medio di 1780 euro mensili, addirittura compresi di premialità e straordinari, che gli infermieri italiani non reggono affatto il passo del mutato costo della vita, alle prese con una inflazione che stringe alla gola le famiglie e che lascia senza fiato.


Arrivano adesso anche i nuovi dati mondiali dell’Ocse, sempre aggiornati al 2020, che di danno un quadro più ampio della materia, e che mettono  in evidenza come gli infermieri italiani, e conseguentemente le altre professioni sanitarie del comparto, così come in passato, a livello non solo europeo, ma mondiale, siano mestamente collocati in una classifica decisamente imbarazzante, a causa delle amare cifre di uno stipendio che racconta di professionisti decisamente lontani da quella valorizzazione economica di cui il nostro nuovo contratto regala solo barlumi.


La strada per costruire un futuro economico degno di tal nome è decisamente in salita, lo dimostrano i numeri impietosi dei quali parliamo, e che non possono essere certo ignorati, da parte di un nuovo Governo a cui spetta il duro compito, di concerto con le Regioni, di ricostruire una sanità che non può prescindere dalla figura degli infermieri. Noi diciamo basta, all’ingrato ruolo di ultimi della classe.


Lo stesso Ministro della Salute Schillaci nelle sue prime uscite non ha mancato di denunciare gli allarmanti contenuti dell’Ocse, promettendo iniziative per far crescere i salari del personale sanitario.


E andando a vedere i numeri più aggiornati forniti proprio dall’Ocse nel suo portale Health statistics e riferiti all’anno 2020 (stavolta in dollari) il quadro che emerge conferma come i nostri professionisti (nelle statistiche Ocse sono presenti i dati solo di medici e infermieri ndr.), a parità di potere d’acquisto, guadagnano meno di molti nostri partner europei e mondiali. Tutto questo si aggiunge al fatto che, a livello nazionale, tra gli stipendi dei  medici e quelli di infermieri e delle altre professioni sanitarie esiste già un profondo ed inaccettabile divario, per ridurre il quale bisognerà lavorare alacremente con il prossimo contratto. 


Per quanto riguarda proprio gli infermieri, in Italia, lo stipendio medio del 2020 (sempre a parità di potere d’acquisto e in dollari) è di circa 39 mila dollari, numeri ben distanti dagli 87 mila dollari che percepiscono gli infermieri belgi e dagli 81 mila dollari di quelli statunitensi. Ma i numeri sono più bassi del 51% anche se riferiti ai tedeschi (59 mila dollari nel 2018 ultimo dato presente), agli spagnoli che percepiscono 56 mila dollari e ai britannici (48 mila dollari). Facciamo meglio solo di Grecia e Ungheria ma in questo caso la forbice è molto stretta.


Lo denunciamo da mesi, nelle nostre campagne stampa, e questi autorevoli report non fanno che corroborare i nostri ripetuti campanelli di allarme: gli infermieri e le altre professioni sanitarie italiane, rischiano concretamente di incarnare il triste ruolo dei nuovi poveri, nel nostro Paese, alla luce di uno stipendio che non permette certo di sorridere e guardare al futuro con ottimismo. 


Chiediamoci, doverosamente, fino a che punto dovremo inghiottire bocconi amari di questo tipo, e chiediamoci anche fino a quando dovremo leggere report che certamente rendono sempre meno appetibile questa professione, agli occhi di chi deve decidere se intraprenderla, mentre la fuga dei nostri infermieri all’estero, alla ricerca di ben altre isole felici proprio a causa di queste cifre impietose, rischia di assumere dimensioni davvero preoccupanti».

La valutazione del paziente con ulcere croniche

FORMATO CARTACEO

La valutazione del paziente con ulcere croniche

Quando, nelle corsie dei reparti, o dai lettini degli ambulatori, oppure durante gli eventi formativi o in occasione degli stage/ tirocini dei corsi di laurea e master universitari, si pone la fatidica domanda: “Cosa serve per ottenere la guarigione di un’ulcera cronica?”, comunemente la risposta è un lungo elenco di medicazioni, dispositivi e tecnologie tra i più disparati. Oggi più che mai è invece necessario (ri)orientare l’assistenza limitata e limitante generata da questa prospettiva che non riesce ad andare oltre al “buco che c’è nella pelle”, restituendo centralità alla persona con lesioni cutanee; occorre riaffermare che il processo di cura deve essere basato su conoscenze approfondite, svincolate da interessi commerciali, fondate su principi di appropriatezza, equità, sostenibilità e in linea con il rigore metodologico dell’Evidence Based Nursing/Medicine che fatica ad affermarsi. Questo testo, pensato e scritto da infermieri con pluriennale esperienza e una formazione specifica nel settore del wound management, propone nozioni teoriche e strumenti pratici per capire quale ulcera e in quale paziente abbiamo di fronte, e de- finire quali obiettivi e quali esiti dobbiamo valutare e devono guidare i nostri interventi. Nello specifico, la prima sezione del volume affronta alcune tematiche propedeutiche alla valutazione delle ulcere croniche, offrendo al lettore una discussione approfondita sui meccanismi della riparazione tessutale normale e quelli attraverso cui un’ulcera diventa cronica; segue una panoramica di questa tipologia di lesioni cutanee. La seconda sezione entra nel dettaglio delle varie fasi in cui si articola il percorso strutturato della valutazione con cui realizzare la raccolta di informazioni e dati sulla base dei quali formulare un giudizio clinico e guidare, in maniera consapevo- le e finalizzata, gli interventi di trattamento delle ulcere croni- che, come è richiesto ai professionisti della salute di oggi.Claudia Caula, infermiera esperta in wound care. Direzione delle Professioni Sanitarie. AUSL Modena.Alberto Apostoli, podologo; infermiere esperto in wound care; specialista in assistenza in area geriatrica; specialista in ricerca clinica in ambito sanitario. Azienda ASST Spedali Civili di Brescia.Angela Libardi, infermiera specializzata in wound care. ASST Sette Laghi – Varese.Emilia Lo Palo, infermiera specializzata in wound care. Ambulatorio Infermieristico Prevenzione e Trattamento Lesioni Cutanee; Direzione delle Professioni Sanitarie. Azienda ASST Papa Giovanni XXIII di Bergamo.

Claudia Caula – Alberto Apostoli – Angela Libardi | Maggioli Editore 2018