Santoro (NursingUp): “necessario decentralizzare l’assistenza e formare infermieri specialisti”

Redazione 30/12/22
Scarica PDF Stampa Allegati
Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR), Intervento M6C2 2.2 b) “Sviluppo delle competenze tecnico-professionali, digitali e manageriali del personale del sistema sanitario – Corso di formazione in infezioni ospedaliere”. Accertamento dell’importo complessivo di euro 4.502.272,50 sul capitolo di bilancio E0000227248 a carico del Ministero della Salute, esercizi finanziari 2022, 2023 e 2024. Ho colleghi che già si chiedono se tutto ciò riguarderà tutti o solo pochi e rari eletti?

Parliamo d’infezioni ospedaliere, ma succede sempre più spesso di avere ospedali senza sapone per le mani, salviette o altri metodi asciuga mani e carta igienica. Prima dei corsi per formare manager stratosferici io mi preoccuperei dei beni di prima necessità, affinché si possa ottemperare a fattori importanti come il lavaggio delle mani, primo baluardo della prevenzione delle infezioni. 

Serve un manager formato alle infezioni ospedaliere che già esistono, per dare indicazioni per non far mancare beni di prima necessità, come sopra indicati e/o dispositivi di protezione individuale, come mascherine, copriscarpe, tute ecc. ?

Ignác Semmelweis, già nella seconda metà del 1800, dimostrò l’importanza del lavaggio delle mani e le possibili conseguenze, in assenza di una ordinaria cura delle mani di professionisti sanitari.   Il medico si chiese come mai un alto numero di donne che partorivano in ospedale, morivano di febbre puerperale, più frequentemente delle donne che partorivano in casa?

A tutt’oggi, si tende a centrare tutto negli ospedali. L’assistenza sanitaria, soprattutto nella Regione Lazio, è ospedale e medico centrica. Si creano un’infinità di titoli e ruoli, …ma sono veramente finalizzati a cosa, senza uomini, mezzi e strumenti?

Se si vuole ridurre le infezioni nosocomiali, le idee e i principi sono noti da fin troppo tempo!   Si può e si deve decentrare, verso il territorio, ciò che è possibile, nel rispetto e tutela del paziente. Un esempio sono i consultori, rimasti a 135, …spesso con poco o scarso personale!

Se i 135 consultori, nati con la legge 194 (più nota come legge pro aborto), la regione Lazio avrebbe potuto fare cultura per una procreazione consapevole, …ma anche prevenzione contro le infezioni urogenitali e dei tumori della cervice uterina.  Ogni consultorio, secondo la regione Lazio, dovrebbe avere, un minimo di professionisti sanitari, come ad esempio le ostetriche. Se queste ultime, che per profilo professionale, possono fare pap test, i 135 consultori avrebbero potuto eseguire 22.000 pap test l’anno! 

Successivamente solo le donne positive, una volta valutate dal ginecologo, potrebbero dover essere dirottate in un ospedale.  Prevenzione e disingolfamento degli ospedali, che si occuperebbero delle necessità delle donne con indicazioni ad un intervento chirurgico.  

Potrei proseguire all’infinito, parlando dell’importanza, fondamentale, delle strutture territoriali. Abbiamo necessità di professionisti infermieri, come quei colleghi formati alla cura e prevenzione ferite difficili, come potrebbero essere le piaghe da decubito.

Gli infermieri, formati con corsi wound care, è recente la pubblicazione di un lavoro che dimostra l’importanza della presa in carico dell’infermiere specialista, in wound care, dei pazienti con lesioni cutanee (Specialized Nurse-led Care of Chronic Wounds During Hospidalization and After Discharge: A Randomized Controlled Trial).  …ma quando l’assistenza domiciliare esiste, viene affidata a società esternalizzate, che discutibilmente trattano e/o pagano il personale male, il quale, nonostante l’esperienza acquisita, alla prima chance, migliore, abbandonano l’assistenza domiciliare. …il personale, soprattutto se capace e qualificato, non ha grandi difficoltà a trovare di meglio!  …ma l’esperienza e la qualità nel Lazio, non hanno valore! Solo fumo per povera gente!

Bando alle ciance, vogliamo fatti! Cordialmente

Laura Rita Santoro – Coordinamento Regionale Nursing Up Lazio
Redazione

Tag