Infermiere Badanti: nuove specializzazioni secondo Repubblica

infermiere badanti per repubblica torino questa è la nostra vera specializzazione

Non finisce mai, l’attacco continuo nei confronti della professionalità infermieristica.

qui l’articolo imputato e la possibilità di un commento misurato 😉

Secondo Repubblica.it sezione Torino, il progetto finanziato dall’Unione Europea in cui 4 infermiere si occuperanno della popolazione geriatrica non devono essere chiamate infermiere di comunità, territoriale, di famiglia o anche geriatriche.

No, il termine giusto per delle professioniste simili è infermiere badanti

Eppure l’articolo era anche ben scritto e per nulla offensivo. Cadere in un errore simile, secondo la nostra redazione è il sintomo di una profonda ignoranza del lavoro dell’infermiere e del continuo pregiudizio professionale che ancora subiamo quasi ogni giorno.

Infermiere badanti, non è un errore!

E se qualcuno fosse tentato di supporre che tra l’autore e il social media manager ci fosse una differenza sostanziale e che sicuramente l’autore nel suo bel articolo mai e poi mai avrebbe fatto un simile errore, ecco la prova che fa cadere questa teoria:

infermiere badanti tag
infermiere badanti tag

Il contenuto è stato etichettato con il tag “infermiere badanti“, prova che l’autore avesse proprio questo in mente e farsi trovare su internet con questa keyword.

Cosa dire?

Bastava un pizzico di attenzione in più e l’articolo sarebbe stato componente di crescita per migliaia di persone che ogni giorno si impegnano ed evolvere nella propria professione. Eppure basta un attimo e si diventa badanti, in barba a decenni di lotta e di crescita.

Ma se per errore vi chiamassimo: “Pennivendoli”, “Giornalai”, “Edicolanti”, “Imbrattacarte”, come vi sentireste?

La redazione di DimensioneInfermiere chiede alla pagina di la Repubblica Torino di scusarsi con tutti gli infermieri per l’offesa. Non ci sono scuse.

Condividi

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO