L’allarme dell’Opi: “In un anno 109 infermieri si sono cancellati dall’Albo”

Scarica PDF Stampa

Da “eroi” a ultime ruote del carro da prendere a insulti, a schiaffi, a calci, addirittura a coltellate. Con uno stipendio da fame e con zero possibilità reali di carriera. Sfruttati e demansionati in nome della perpetua carenza di personale e del “bene del paziente”. Nuovamente ignorati dalla politica (al momento sono ricominciate solo le promesse, VEDI) e consapevoli che forse, anche stavolta, non cambierà proprio nulla.

È per questo che moltissimi infermieri italiani non ce la fanno proprio più e, alla prima vera occasione, mollano la professione per dedicarsi a qualcos’altro. Cancellandosi dal proprio Albo.

Stavolta, l’allarme arriva da Remo Galaverna, infermiere coordinatore dei due Day hospital (oncologico e medico) dell’ospedale di Cuneo e presidente dell’OPI del capoluogo piemontese.

Secondo i dati dell’Ordine aggiornati al 2022, infatti, in un anno si sarebbero cancellati dall’Albo ben 109 infermieri (su 4764 iscritti), gruppo composto per la maggior parte da ex infermieri che hanno scelto di lasciare la professione.

E se a ciò aggiungiamo il fatto che nell’anno in corso le iscrizioni al corso di laurea in Infermieristica sono calate del 7%, gli scenari preannunciati dal Censis (un futuro senza infermieri, VEDI) sembrano sempre più reali e vicini.

E questo “nonostante la grande visibilità della nostra professione, in particolare con l’esplosione del Covid” sottolinea Galaverna. Che ricorda, altresì, come i problemi della professione siano tanti, uno su tutti: lo stipendio, il secondo più basso d’Europa, a fronte di responsabilità da professione vera e da un carico lavorativo, umano ed emotivo oggi insostenibile.

Per il presidente gli altri nodi da sciogliere per risollevare l’Infermieristica sono sempre gli stessi: quello del “vincolo di esclusività per chi lavora nelle aziende pubbliche” e una formazione post-laurea che quasi sempre conviene solo ed esclusivamente a chi la eroga (…).

Ma non solo. Per Galaverna c’è anche un altro lavoro da fare: “Ancora adesso, in molti non sanno che gli infermieri sono dei laureati. E’ anche su questa percezione che l’Ordine sta lavorando, a livello nazionale e locale. La popolazione sta invecchiando, gli infermieri sono e saranno figure sempre più strategiche e importanti. Serve formazione ma serve anche che questa sia riconosciuta”.

Nessuna parola sul demansionamento, ovviamente, che in moltissime realtà relega quelli che dovrebbero essere dei professionisti dotati di scienza e di coscienza al ruolo di inservienti o poco più (VEDI), cosa che non aiuta affatto la già scarsa attrattività professionale e che a 28 anni dal decreto 739/94 non migliora minimamente l’immagine che i cittadini (giornalisti, dirigenti aziendali e politici inclusi) hanno degli infermieri, ma… A questo siamo abituati oramai da tempo.
AddText 12 30 11.04.40
Infermiere – Manuale per i concorsi e la formazione
FORMATO CARTACEO
L’infermiere Il manuale, giunto alla X edizione, costituisce un completo e indispensabile strumento di preparazione sia ai concorsi pubblici sia all’esercizio della professione di infermiere. Con un taglio teorico-pratico affronta in modo ampio ed esaustivo tutte le problematiche presenti. La prima parte concettuale ricostruisce l’organizzazione del mercato sanitario e affronta gli elementi tipici del processo di professionalizzazione dell’infermiere, a seguito delle novità della Legge Lorenzin n. 3/2018. La stessa parte evidenzia gli aspetti innovativi della professione avendo cura di offrire al lettore un’ampia panoramica sulle teorie del Nursing e l’utilizzo dei nuovi strumenti operativi. Al termine di ogni capitolo, test di verifica e risposte commentate permettono di verificare il grado di preparazione raggiunto e di allenarsi in vista delle prove concorsuali. La seconda parte applicativa prevede l’adozione di casi clinici quale strumento di attuazione della teoria alle procedure tipiche dell’assistenza infermieristica di base, specialistica e pre e post procedure diagnostiche, presentandosi come un validissimo supporto tecnico e metodologico all’esercizio della professione. Il manuale risulta essere uno strumento prezioso sia per lo studente sia per chi già opera nelle strutture sanitarie, in quanto offre al lettore la possibilità di valutare passo a passo le conoscenze acquisite attraverso la risoluzione dei test di verifica presenti alla fine di ogni capitolo e l’analisi motivata delle risposte. Nella sezione online su www.maggiolieditore.it, accessibile seguendo le istruzioni riportate in fondo al volume, saranno disponibili eventuali aggiornamenti normativi.   Cristina FabbriLaurea magistrale in Scienze infermieristiche e ostetriche. Laureata in Sociologia, Professore a contratto di Infermieristica, Università degli Studi di Bologna, corso di Laurea in Infermieristica-Cesena. Dirigente Professioni sanitarie Direzione Infermieristica e Tecnica Azienda USL Romagna, ambito Ravenna.Marilena MontaltiInfermiere, Dottoressa in Scienze infermieristiche e ostetriche. Master II livello in Ricerca clinica ed epidemiologia, prof. a.c. C. di Laurea in infermieristica, Università di Bologna. Responsabile Infermieristico Dipartimento Internistico, Azienda della Romagna Ambito di Rimini. Marilena Montalti, Cristina Fabbri | Maggioli Editore 2020
32.30 €