ANIARTI esprime la propria solidarietà al Dott. Venturi radiato dall’Ordine dei Medici

Aniarti comunicato stampa sergio venturi
Aniarti comunicato stampa sergio venturi

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa dell’ANIARTI (Associazione Nazionale Infermieri di Area Critica) di giorno 02 Dicembre 2018. L’associazione esprime la propria solidarietà al Dott. Venturi ‘reo’ di aver concesso al sistema di emergenza territoriale di evolvere attraverso l’impiego di infermieri specializzati (così come in gran parte dei paesi civilizzati).


 

COMUNICATO STAMPA: INFERMIERI DI AREA CRITICA ED EMERGENZA EXTRAOSPEDALIERA

Aniarti (Associazione Nazionale Infermieri di Area Critica) apprende con profonda preoccupazione gli avvenimenti che nella Regione Emilia Romagna stanno interessando l’Assessorato alla Politiche per la Salute (ANSA.it).

Gli Infermieri di Area Critica, vogliono testimoniare la vicinanza al Dott. Venturi che si è sempre speso per la collettività di una Regione che, si è distinta negli anni non solo per la qualità dell’assistenza che eroga, ma per essere stata quella dove è nato il moderno Sistema di Emergenza Territoriale con la forte partecipazione degli infermieri.

Gli infermieri operanti nei servizi 118/112 oltre ad essere impegnati nell’assistenza diretta nei vari mezzi di soccorso e nelle Centrali Operative, hanno partecipato alla costruzione delle norme e delle Linee Guida che regolano il nostro sistema di emergenza-urgenza.

Chiediamo con forza che questo clima di contrapposizione, che si sta presentando anche in altre Regioni, esprimendo posizioni anacronistiche, venga abbandonato a garanzia dei diritti dei cittadini e dei professionisti.

Aniarti come espresso in precedenti comunicati stampa (Comunicato 1, Comunicato 2), ritiene che, solo attraverso un approccio multidisciplinare e multiprofessionale si possa rispondere in modo efficace alle emergenze sanitarie.

IL COMITATO DIRETTIVO ANIARTI

RAPALLO 2 Dicembre 2018

Guida al monitoraggio  in Area Critica

Guida al monitoraggio in Area Critica

a cura di Gian Domenico Giusti e Maria Benetton, 2015, Maggioli Editore

Il monitoraggio è probabilmente l’attività che impegna maggiormente l’infermiere qualunque sia l’area intensiva in cui opera.Verrebbe da dire che non esiste area critica senza monitoraggio intensivo. Il monitoraggio non serve per curare, ma fornisce informazioni...



Vedi anche:

Sanzioni ai Medici di Bologna e l’arte di tagliare l’arto in cancrena

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO