Infermieri Sicilia: Avviso per Test Covid in libera professione

Redazione 15/10/20
Scarica PDF Stampa
AVVISO PUBBLICO PER IL REPERIMENTO DI PERSONALE MEDICO E SANITARIO DISPONIBILE A EFFETTUARE UNA CAMPAGNA DI SCREENIG REGIONALE TRAMITE UTILIZZO DI TEST RAPIDI SU CARD PER LA RILEVAZIONE QUALITATIVA DI ANTIGENI SPECIFICI PER SARS-COV 2 DA TAMPONI RINO FARINGEI

Infermieri Sicilia: Avviso pubblico per incarico libero professionale per esecuzione Test Rapidi Covid19. Scade 7 giorni dalla pubblicazione.

Nell’ambito dell’emergenza sanitaria connessa alla diffusione del Covid-19 ed al fine di
contenere il contagio del virus, l’Assessorato della Salute della Regione Siciliana intende
procedere ad avviare una campagna di screening rivolta ai cittadini siciliani, su base
volontaria, su tutto il territorio della Regione per il tramite dell’utilizzo di test rapidi su card
per la rilevazione qualitativa di antigeni specifici per Sars-Cov 2 da tamponi rino faringei,
considerata l’attuale situazione epidemiologica in corso e la possibile evoluzione verso un
aumento dei cluster territoriali anche domiciliari.

Al fine di determinare le modalità concrete di realizzazione del suddetto screening, il
quale interesserà l’intero territorio regionale, appare necessario preliminarmente accertare le disponibilità di professionalità mediche e sanitarie, sia come persone fisiche che come soggetti muniti di personalità giuridica che, per il tramite del suddetto Avviso, potranno manifestare, nei termini che seguono, la propria adesione.

Art. 1 – Professionisti medici e sanitari ammessi

1.1.Persone fisiche

  • a) medici specialisti;
  • h) Collaboratore Professionale Sanitario – Infermiere;
  • i) Biologi e Biotecnologi;
  • j) Operatori socio sanitari;

Per i cittadini di stato estero non facente parte dell’Unione Europea, è necessario allegare
regolare permesso di soggiorno in corso di validità.

Art. 2 – Prestazioni

Ai professionisti ed ai soggetti muniti di personalità giuridica che aderiranno al presente Avviso è richiesta la effettuazione di test rapidi su card per la rilevazione qualitativa di antigeni specifici per Sars-Cov 2 da tamponi rino-faringei da effettuare ai cittadini volontari che si presenteranno nei giorni e nei luoghi che verranno successivamente comunicati
dall’Assessorato della Salute.

In relazione agli Operatori socio sanitari, la prestazione richiesta è riferibile e limitata alle
attività di supporto al personale sanitario. E’ richiesta la disponibilità a effettuare la suddetta prestazione nelle seguenti fasce orarie (“turni”):

  • 8.00 – 14.00 oppure 14.00 – 20.00
  • senza distinzione tra giorni feriali e giorni festivi.

I professionisti coinvolti con il presente Avviso e di cui all’art. 1 potranno svolgere un solo
turno oppure entrambi i turni.

CORONAVIRUS COVID-19

La storia ci insegna che da sempre le società umane combattono, ciclicamente, la loro guerra contro le epidemie, questo nemico astuto, insidioso, implacabile, e soprattutto, privo di emozioni e scrupoli. Eppure, le società umane hanno sempre vinto. Oggi il progresso scientifico e tecnologico sembra librarsi ad altezze vertiginose. Ma, nella guerra contro le epidemie, le armi dell’umanità sono e saranno probabilmente le stesse di quelle che avevamo a disposizione quando questo inarrestabile progresso aveva appena cominciato a svilupparsi, come nel XV secolo della Repubblica di Venezia, nell’800, nei primi anni del ’900. Oggi, è vero, la comunità internazionale può contare su un’incrementata capacità di sorveglianza epidemiologica, su una solida esperienza nella collaborazione tra Stati, su laboratori in grado di identificare i virus e fare diagnosi, su conoscenze scientifiche in continuo progresso, su servizi sanitari sempre migliori, su agenzie internazionali come l’OMS, l’ISS italiano e il CDC americano. Ma oltre alle conoscenze, ai vaccini e ai farmaci, all’organizzazione dei servizi sanitari, per affrontare con successo le epidemie è molto importante il senso di appartenenza alla comunità, la solidarietà sociale e l’aiuto reciproco fra persone. Di fronte ad una minaccia sanitaria, la fiducia nello Stato e nelle scelte delle autorità sanitarie, la consapevolezza del rischio e la solidarietà umana possono aver la meglio sull’ignoranza, l’irrazionalità, il panico, la fuga e il prevalere dell’egoismo che in tutti gli eventi epidemici della storia hanno avuto grande rilevanza.     Walter Pasiniè un esperto di sanità internazionale e di Travel Medicine. Ha diretto dal 1988 al 2008 il primo Centro Collaboratore dell’Organizzazione Mondiale della Sanità per la Travel Medicine.

Walter Pasini | 2020 Maggioli Editore

9.90 €  7.92 €

Art. 3 – Compenso

A fronte dell’erogazione delle suddette prestazioni è previsto un compenso omnicomprensivo per singolo turno:

✓ per i medici di cui alle lettere da a) a g) ed il personale biologo di cui alla lettera i) è
previsto un conferimento di incarico libero professionale con compenso per singolo
turno pari ad 200 € lordi;
✓ per il personale infermieristico di cui alla lettera h) è previsto un conferimento di incarico libero professionale con compenso per singolo turno pari ad 120 € lordi;
✓ per gli operatori sanitari di cui alla lettera j) è previsto un conferimento di incarico
libero professionale con compenso per singolo turno pari ad 80 € lordi;

E’ previsto, altresì, un compenso variabile aggiuntivo per turno nel caso in cui, durante il
singolo turno di screening, il professionista (medico o sanitario) effettui più di 100 tamponi
rino faringei per turno, così determinato:

✓ per i medici di cui alle lettere da a) a g) ed il personale biologo di cui alla lettera i) è
previsto un compenso aggiuntivo per singolo turno pari ad 100 € lordi;
✓ per il personale infermieristico di cui alla lettera h) è un compenso aggiuntivo per singolo turno pari ad 60 € lordi;

I compensi di cui sopra verranno corrisposti soltanto al completamento effettivo dei turni e
della/e giornate di screening, previa attestazione da parte dell’Azienda Sanitaria e/o
Ospedaliera competente o per il tramite di loro delegato (Dipartimento di Prevenzione,
Commissario ad acta, etc.). Non sono previsti né ammessi rimborsi spese a qualsiasi titolo riconducibili alle attività di screening svolte dai professionisti incaricati (quali, ad esempio, spese di spostamento, vitto, alloggio etc.)

La durata dell’incarico, i turni e le relative giornate di screening verranno comunicate
dall’Azienda Sanitaria Provinciale territorialmente competente al professionista, in
considerazione della programmazione regionale che verrà definita dall’Assessorato della
Salute, tenendo conto della disponibilità manifestata e del perdurare della necessità di
effettuare le suddette prestazioni.

Art. 4 – Individuazione Aziende referente regionale.

Ai fini del più celere reperimento del suddetto personale e per la raccolta delle singole istanze e/o manifestazioni di interesse, è individuata l’Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico “G. Martino” di Messina, quale Azienda referente regionale.

L’Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico “G. Martino” di Messina provvederà ad attivare la propria piattaforma telematica per la ricezione delle domande nei termini previsti dal successivo art. 5. All’esito della suddetta ricezione, l’Azienda referente regionale provvederà tempestivamente alla trasmissione dei dati aggregati per provincia e per comune al Dipartimento A.S.O.E. dell’Assessorato della Salute.

Art. 5 – Modalità di presentazione della manifestazione di interesse

Per la partecipazione al presente Avviso gli aspiranti devono compilare ed inviare la
manifestazione di interesse in via telematica, a pena di esclusione, utilizzando la specifica
applicazione informativa disponibile sul sito internet dell’Azienda referente regionale
(www.polime.it – Amministrazione Trasparenza – Sezioni Concorsi) seguendo le relative istruzioni formulate dal sistema informatico entro e non oltre il settimo giorno (compreso) con decorrenza dalla data di pubblicazione del presente bando sul sito internet dell’Aziende referente e per quanto previsto dal successivo art. 7.

Vedi anche il bandoAvviso per Test Covid in libera professione

L’applicazione informatica richiederà necessariamente il possesso di un indirizzo di posta
elettronica certificata e/o ordinaria per poter effettuare la registrazione al sistema e presso il quale ricevere ogni comunicazione in ordine all’Avviso.

L’istanza dovrà contenere i dati anagrafici del candidato, i recapiti di riferimento, e
l’indicazione della provincia e dei comuni opzionati dal candidato presso i quali si manifesta la disponibilità. Le informazioni sono obbligatorie: il sistema informatico non consentirà l’invio di domande prive delle informazioni richieste.

La manifestazione di interesse dovrà essere compilata ai sensi del DPR 445/2000 allegando
anche un Curriculum formativo professionale, datato e firmato, compilato sotto forma di
dichiarazione sostituiva.

La presentazione dell’istanza da parte del candidato implica il consenso al trattamento dei
propri dati personali, compresi i dati sensibili, a cura del personale assegnato all’ufficio
preposto alla conservazione delle domande ed all’utilizzo delle stesse per lo svolgimento della procedura.

Per informazioni relative alla suddetta procedura, l’istante potrà rivolgersi al Settore Risorse
Umane ai n.ri 0902213431-3901-3694 dell’Azienda referente regionale.

L’Assessorato della Salute della Regione Siciliana può in qualsiasi momento modificare,
sospendere, annullare e/o revocare la suddetta procedura qualora non più rispondente
all’interesse pubblico sotteso, tenuto conto dell’andamento epidemiologico della diffusione da Covid-19 e delle eventuali iniziative che le Autorità nazionali e/o regionali potrebbero adottate nelle more della conclusione della suddetta procedura o della campagna di screening (nuovi strumenti di rilevazione, misure di contenimento, limitazioni delle circolazione etc.).

Art. 6 – Conferimento dell’incarico

A seguito della formulazione degli elenchi delle manifestazioni di interesse che si
determineranno sulla base delle istanze presentate, con provvedimento autorizzativo adottato dall’Assessorato della Salute, l’Azienda referente regionale trasmetterà i suddetti elenchi alle singole Aziende Sanitarie Provinciali che provvederanno alla conseguenziale
contrattualizzazione nel rispetto di quanto previsto all’art. 2 e 3 del presente Avviso.

Tali elenchi non rappresentano una graduatoria e, pertanto, non viene individuato un criterio numerico o cronologico di chiamata né sono idonei a far sorgere alcun diritto e/o pretesa assuntiva da parte degli istanti nei confronti dell’Amministrazione regionale e aziendale.

Art. 7 – Pubblicità

Art. 8 – Trattamento dei dati personali

I dati personali trasmessi con la domanda verranno trattati nel rispetto di quanto previsto dal GDPR n. 679/2016 e del D.Lgs.vo n. 196/2003.

Redazione