Maxi concorso per infermieri in Umbria, via libera per 548 assunzioni

È stata deliberata sabato 5 giugno dal direttore generale dell’Azienda Usl Umbria 2 (Massimo De Fino), la graduatoria del maxi concorso unico regionale, aperto alle quattro aziende sanitarie dell’Umbria, indetto dalla Usl Umbria 2 (azienda capofila) e dall’Azienda Ospedaliera di Terni per l’assunzione a tempo indeterminato di 548 infermieri.

548 vincitori, 1270 infermieri in graduatoria

Di questi, 324 saranno impiegati all’Azienda Usl Umbria 2 mentre gli altri 224 saranno assunti dall’Azienda Ospedaliera Santa Maria di Terni e dall’Azienda Usl Umbria 1.

La graduatoria, di cui fanno parte 1270 professionisti, rimarrà comunque aperta e a disposizione delle quattro aziende sanitarie della Regione, così da far fronte a eventuali e nuove necessità di personale infermieristico.

Nei prossimi giorni le prime Pec

Da quanto si apprende, già nei prossimi giorni potrebbero partire le prime Pec per i professionisti in posizione utile, che saranno inviate dalla sede centrale Usl Umbria 2 di Terni in viale Bramante.

Con la finalità di rendere più veloce la procedura di reclutamento e di assegnazione degli incarichi, gli infermieri potranno scegliere la sede lavorativa e, contestualmente, l’azienda sanitaria di riferimento.

‘Passo in avanti di fondamentale importanza’

De Fino, come riportato dal Corriere dell’Umbria, ha espresso grande soddisfazione per il buon esito del concorso e per la conseguente creazione di una importante graduatoria di professionisti per la Regione Umbria: “Si tratta di un passo in avanti di fondamentale importanza per dare stabilità e prospettive di rilancio al sistema sanitario regionale e alle aziende territoriali e ospedaliere.

Con questa operazione potremo imprimere una forte spinta ai servizi nella fase di ripresa delle attività, dopo la lunga fase pandemica, e procedere con l’adeguamento della dotazione organica nei reparti e in tutti i servizi ospedalieri e territoriali delle aziende”.

9000 i candidati iniziali

Sono passati ’solo’ 15 mesi dall’inizio delle prove concorsuali; e se calcoliamo che i candidati erano ben 9000 e che il tutto si è svolto nel complicato marasma dell’emergenza pandemica, i tempi possono considerarsi come assolutamente accettabili. Complimenti all’Usl Umbria 2 e all’Azienda Ospedaliera di Terni.

Autore: Alessio Biondino

Infermieri assunti a tempo indeterminato, ma licenziati a fine emergenza: “Non hanno superato il periodo di prova”

Condividi
Infermiere di Emodinamica presso il Policlinico Umberto I di Roma e Redattore per Dimensione Infermiere (Maggioli Editore). Autore della raccolta di racconti "La suocera sul petto e altre storie vere" (Ianieri Edizioni, 2018), del romanzo "Buonanotte madame" (0111 Edizioni, 2014) e coautore del manuale di divulgazione scientifica "Assistenza respiratoria domiciliare - il paziente adulto tracheostomizzato in ventilazione meccanica a lungo termine" (Ed. Universitalia, 2013).

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO