RCP, individuato il perfetto rapporto velocità/profondità delle compressioni?

In recenti clinical reports riguardanti gli esiti di arresto cardiaco extraospedaliero a seguito di rianimazione cardiopolmonare (RCP), è stato evidenziato (VEDI) come una bassa o inadeguata qualità delle compressioni toraciche fosse molto spesso associata a morte dei pazienti o a outcome nefasti per ciò che concernei recupero di una accettabile funzionalità neurologica.

Ed è proprio sull’onda di questi dati che il dott. Paul Pepe, della University of Texas Southwestern Medical Center di Dallas, ha deciso di coordinare uno studio di coorte piuttosto interessante per individuare il ritmo delle compressioni toraciche e la loro profondità ideali, ovvero associate alla massima probabilità di sopravvivenza funzionalmente favorevole (scala di Rankin modificata), dopo un arresto cardiaco extra-ospedaliero.

Lo studio

La ricerca, intitolata “Optimal Combination of Compression Rate and Depth During Cardiopulmonary Resuscitation for Functionally Favorable Survival” e pubblicata lo scorso 14 agosto 2019 sulla rivista scientifica Jama Cardiology, ha portato a dei risultati molto interessanti: una combinazione di 107 compressioni al minuto a una profondità di 4,7 cm costituirebbe il target ottimale per la rianimazione cardiopolmonare.

Il campione di studio, ottenuto utilizzando i dati del database della rete di studi clinici del National Institutes of Health (NIH), ha incluso 3.643 pazienti (età media, 67,5 anni; 64,4% di sesso maschile) che avevano avuto un arresto cardiaco extra-ospedaliero e per cui erano stati simultaneamente registrate velocità di compressione e profondità grazie a dei sensori collegati a defibrillatori e a monitor elettrocardiografici.

La ricerca ha evidenziato che quando i valori di profondità e velocità delle compressioni si tenevano vicini (entro il 20%) ai valori ideali di 4,7 cm e 107 bpm, la probabilità di sopravvivenza era significativamente più elevata (ben il 6,0% contro il 4,3% al di fuori di tale range!). E ciò indipendentemente dal ritmo cardiaco trattato con la RCP, dall’età e dal sesso del paziente o dall’uso o meno di un particolare dispositivo meccanico per le compressioni.

Il commento degli autori

Secondo gli scienziati, consci delle limitazioni della propria analisi e riconoscendo che i suoi risultati potrebbero non essere universalmente applicabili, sarebbe necessario approfondire meglio con ulteriori studi la combinazione ideale per garantire ai pazienti vittime di arresto cardiaco extraospedaliero dei soccorritori meglio addestrati e di conseguenza il migliore outcome possibile. 

Gli autori concludono che qualora i loro dati fossero universalmente confermati, la combinazione compressioni/profondità da loro descritta (con un’efficacia del 6% rispetto al 4% di altre “combinazioni”) sarebbe in grado di salvare, ogni anno, diverse migliaia di vite solo negli Stati Uniti.

Alessio Biondino

Fonte: “Optimal Combination of Compression Rate and Depth During Cardiopulmonary Resuscitation for Functionally Favorable Survival” (Jama Cardiology)

Articoli correlati:

Controllare le aritmie grazie al primo “monitor cardiaco iniettabile”

Quando l’eccellenza italiana rimane “nel cuore” dei turisti: intervista alla dott.ssa Alice Paccagnini, infermiera di Emodinamica

Condividi
Alessio Biondino è un infermiere, un articolista e uno scrittore italiano. Lavora presso l'unità di Emodinamica interventistica del Policlinico Umberto I di Roma, vanta al suo attivo diverse pubblicazioni e è autore di 3 libri, tutti ispirati al proprio percorso professionale: la raccolta di racconti "La suocera sul petto e altre storie vere" (Ianieri Edizioni, 2018), il romanzo "Buonanotte, madame" (0111 Edizioni, 2014) e il manuale informativo "Assistenza respiratoria domiciliare - Il paziente adulto tracheostomizzato in ventilazione meccanica a lungo termine" (Universitalia, 2013).

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO