Riforma universitaria nelle professioni sanitarie: cosa cambierà per gli infermieri?

Riforma universitaria nelle professioni sanitarie cosa cambierà per gli infermieri
Riforma universitaria nelle professioni sanitarie cosa cambierà per gli infermieri

E’ stato presentato a settembre scorso su iniziativa parlamentare della senatrice Paola Boldrini (PD) il disegno di legge n.2396. Si tratta di una vera e propria Riforma dei percorsi di formazione universitaria che riguardano i professionisti della salute non medici, e in particolare gli Infermieri. 

Riforma universitaria nelle professioni sanitarie: cosa cambierà per gli infermieri?

Secca, asciutta e articolata nei seguenti quattro punti l’ipotetica Riforma:

  1. Nuovo indirizzo per il Corso di Laurea Magistrale in Scienze infermieristiche ed Ostetriche
  2. Istituzione della facoltà di scienze infermieristiche
  3. Nuovo requisito formativo per svolgere funzioni di Coordinamento
  4. Attivazione di Scuole di specializzazione

Cerchi un manuale per imparare a leggere e interpretare l’elettrocardiogramma in maniera semplice ed efficace? 

ECG Facile: dalle basi all’essenziale” è il manuale perfetto per imparare a interpretare l’elettrocardiogramma. Un testo pensato principalmente per professionisti sanitari non medici che vogliano possedere la giusta dimestichezza con quest’arte.

Il manuale ha il solo scopo di farvi sviluppare un unico superpotere: saper discriminare un tracciato normale da uno patologico, sapere quando dovrete segnalarlo al medico, e possibilmente salvare la vita del paziente.


Non è una novità che, in aderenza a quanto già avviene nel resto d’Europa, l’indirizzo della corso di laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche ed Ostetriche si estenda oltre le competenze avanzate in ambito gestionale, educativo-formativo, anche alle competenze avanzate nell’ambito clinico-specialistico prevedendo le seguenti aree:

    1. area della cure primarie e della sanità pubblica
    2. area intensiva e dell’emergenza e urgenza
    3. area medica
    4. area chirurgica
    5. area neonatologica e pediatrica
    6. area della salute mentale e delle dipendenze

Che fosse giunto il tempo di attivare una Facoltà di Scienze Infermieristiche autonoma, in considerazione del fatto che attualmente la maggior parte degli iscritti alla Facoltà di Medicina non sono rappresentanti dagli studenti dello stesso Corso di laurea in Medicina, ma da coloro che frequentano corsi di Laurea in Infermieristica, Laurea Magistrale in Scienze infermieristiche ed Ostetriche, Master di 1° e 2° livello e Dottorati indirizzati agli Infermieri, rappresenta un fatto oggettivamente condivisibile.

Certamente più complessa è l’operazione di rendere necessaria la Laurea Magistrale in Scienze infermieristiche ed Ostetriche per svolgere funzioni di Coordinamento, laddove fino ad oggi il requisito formativo previsto era ed è un Master di 1° livello ad hoc strutturato.

Interessante, ma da da concertare con tutte le rappresentanze istituzionali, sindacali, politiche e professionali ed assieme ai Ministeri direttamente e indirettamente coinvolti, per non renderla vana e fine a se stessa, l’attivazione di Scuole di Specializzazione. Si legge nel testo che tali Scuole di Specializzazione si dovranno occupare di “ulteriore approfondimento disciplinare, scientifico e metodologico per l’esercizio di attività di alta qualificazione in campi innovativi dell’infermieristica e nelle aree di specializzazione infermieristica.”

Impossibile in questa fase fornire un giudizio oggettivo sul ddl perché sarebbe prematuro. Ci auspichiamo certamente una densa discussione sia al Senato che alla Camera che coinvolga possibilmente gli attori principali di questo cambiamento, cioè gli Infermieri

Quello che servirà è la definizione attenta, e parallelamente correlata all’idea di esercizio professionale, di obiettivi, contenuti e programmi dei nuovi percorsi così come ripensati, ma soprattutto servirà evitare di disperdere le competenze e le esperienze sin qui maturate, specie negli ultimi anni, da parte dei colleghi depositari della disciplina infermieristica e della sua evoluzione.

Ci pare che questa proposta possa e debba armonizzarsi con una più ampia Riforma del lavoro che riveda ruolo, funzioni e attività infermieristiche revisionando l’oramai vecchio ed anacronistico Profilo Professionale risalente al 1994 e aprendo una stagione straordinaria di trattative contrattuali.

Una riflessione conclusiva è se dovremmo attenderci ostruzionismo da parte di categorie professionali abituate da sempre a governare certi cambiamenti. La risposta potremo averla solo vivendo.

Qui si può leggere il testohttps://www.senato.it

Autore: Gaetano Romigi

Condividi
Coordinatore e Tutor Corso di Laurea in Infermieristica e Master area critica – Università Tor Vergata sede ASL Roma 2 – Prof a c. Infermieristica clinica in area critica e Membro Nazionale del Direttivo di Aniarti

1 COMMENTO

  1. gentile Gaetano
    sono un’infermiera AFD classe 1976, ho il diploma regionale di infermiera+ il titolo di AFD, non posseggo la maturità e quindi si può dire che ho il diploma di terza media… coordino laureati triennali e magistrali…
    considerato che dovrò lavorare ancora 20 anni e che al momento della mia assunzione avevo i requisiti per svolgere il coordinamento non credo che a nessuno venga in mente di mettere in discussione la mia posizione.
    cordiali saluti
    Federica

LASCIA UN COMMENTO