Tangenti per appalti sanità in Alto Adige: 7 ordinanze di custodia cautelare.

Tangenti per appalti sanità

Sette ordinanze di custodia cautelare agli arresti domiciliari e altre misure per due società che operavano nella sanità altotesina, implicate in appalti truccati di fornitura sanitaria ed elettromedicali. Questi, gli esiti di un’indagine della Procura, in collaborazione con i carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico e la squadra mobile della polizia di Trento.

In base ai risultati dell’indagine, l’organizzazione, con diverse società intestate a prestanome e faccendieri specializzati nel commercio di forniture sanitarie, grazie alla complicità dei dipendenti interni dell’Azienda sanitaria, pilotava e vinceva le gare di appalto per forniture di ricambi elettromedicali e materiale vario.

Quaranta i capi d’imputazione contestati ai destinatari delle sette misure cautelari. Invischiati nei reati, diversi attori tra cui un consulente aziendale esperto nel settore, due tecnici, un farmacista dirigente, un professionista trentino, insieme ad un dipendente e un direttore tecnico e operativo di una delle multinazionali con sede a Roma. Al consulente aziendale, inoltre, gli investigatori hanno perquisito l’abitazione e quindi sequestrato, documenti, computer e cellulari, utili a rafforzare l’impianto accusatorio.

Manuale critico di sanità pubblica

Manuale critico di sanità pubblica

Francesco Calamo-Specchia, 2015, Maggioli Editore

Qual è il contesto complessivo in cui si inquadrano i problemi della Sa- nità pubblica? Quali sono questi problemi, e a quali situazioni ritrovabili in quel contesto è possibile collegarli? Come si può agire per risolverli? Quali azioni generali e più specificamente sanitarie o mediche è...



Le misure cautelari sono state eseguite in diverse regioni del centro e del nord, Trentino Alto Adige, Lazio, Emilia Romagna e Lombardia, grazie all’ausilio delle squadre mobili e i comandi provinciali carabinieri di Roma, Bolzano, Mantova, Pordenone e Brescia. Le due società coinvolte operavano indisturbate presso le proprie sedi centrali in Roma e Trapani.

Leggi anche:

Il Futuro della Sanità in Italia è in pericolo, mancato turn-over e corruzione le cause.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO