Se ti sono stato utile fino ad oggi, posso esserti utile a tempo indeterminato!

Sanitari e infermiere nel futuro
Sanitari e infermiere nel futuro

Accogliamo, riceviamo e pubblichiamo questo testo a firma de “L’esercito dei precari di tutta Italia“. La battaglia dei colleghi precari non può terminare con una pacca sulla spalla: il numero spropositato di colleghi che ha lottato contro il Covid merita quantomeno una risposta istituzionale.


SE TI SONO STATO UTILE FINO AD OGGI, POSSO ESSERTI UTILE A TEMPO INDETERMINATO!!!!!

A scrivere è il gruppo dei PRECARI della sanità italiana, anzi mi correggo L’ESERCITO dei precari di tutta Italia. Si, perché ormai i PRECARI in Italia sono un esercito e sono coloro che permettono a tutti gli ospedali italiani di garantire i LEA ed il regolare svolgimento delle cure e contribuiscono a tenere in vita tutto quello che è l’assetto ospedaliero e il sistema sanitario.

Nessun precario ha mai chiesto nulla, nessun precario ha mai chiesto in regalo il posto di lavoro o di essere agevolato in qualsivoglia modo particolare, I PRECARI CHIEDONO SOLO RISPETTO E RICONOSCIMENTO DEI PROPRI DIRITTI LAVORATIVI E ANCHE UMANI. La maggior parte dei precari italiani ha superato un avviso pubblico con prove scritte ed orali tra migliaia di candidati, i precari da anni in servizio si sono formati sul luogo di lavoro, hanno acquisito esperienza e hanno migliorato la propria preparazione praticamente sul campo, preparazione che sicuramente deve essere considerata un supplemento alla preparazione teorica e non un demerito solo perché si è stati assunti tramite avviso pubblico.

I precari non possono pagare le colpe di anni ed anni di turn over bloccati e di blocco dei concorsi e di una politica che non bandiva concorsi pubblici ma solo avvisi pubblici,gli unici quindi a cui si poteva partecipare. Se il Governo ha offerto per anni solo avvisi pubblici, i sanitari in cerca di lavoro hanno potuto partecipare solo a quelli, non è che hanno potuto scegliere altro. Per questo motivo negli anni si sono accumulati precari su precari, non per scelta di quello che viene definito precario ma per un sistema di assunzioni deciso e gestito in questo modo DAL GOVERNO.

Se c’è stata necessita di avere personale e soprattutto di averlo in tempi brevi, allo stesso modo adesso questo personale deve essere preso in considerazione, rispettato, tutelato e messo nelle condizioni di poter lavorare per sempre perché deve essere ritenuto UNA RISORSA per la sanità e non un precario, quasi un appestato, una ciabatta usata che non piace piu. Non prorogare la legge MADIA, non consentire ai tanti precari di poter essere stabilizzati anche per gli anni a venire, significa non rendersi conto della situazione, non assumersi la responsabilità delle scelte fatte in passato e significa essere un Governo distruttivo invece che costruttivo , soprattutto considerato il momento storico che stiamo vivendo.

E all’aspetto pratico della cosa va aggiunto l’aspetto MORALE ED UMANO,poiché i tanti precari sono esseri umani con una famiglia, con un cuore ed un’anima e se non si dà loro energia, stimoli, appoggio, credo che anche al migliore sanitario del mondo venga la voglia di mollare e di sentirsi inutile, usato e beffeggiato. Sono tantissimi i sanitari precari che hanno contratto il COVID 19,numerosissimi coloro che sono deceduti. Tutti i precari sono coinvolti in innumerevoli ore di straordinario, turni massacranti e difficili in questo periodo, un periodo che va avanti gia da un anno ormai.

Un Governo che vuole il bene del suo popolo, non può chiudere gli occhi su tutto questo e dare importanza ad altre cose come il bonus monopattino, il bonus bicicletta e tante altre cose che non dovrebbero avere la precedenza rispetto a tutto questo. Inoltre non prorogare la legge MADIA significa creare una grande discriminazione lavorativa dal momento che fino al 2020 tutti gli altri colleghi sono stati stabilizzati. Non crediamo possano sussistere motivazioni o giustificazioni per non continuare a stabilizzare tutti gli altri precari. Siamo certi che questa lettera possa essere letta, compresa, analizzata e che possa smuovere le coscienze di chi al Governo ha il potere di far approvare la proroga della legge Madia.

Abbandonare ora i precari di tutta Italia significa condannare a morte la sanità italiana e in questo momento significa mettere quindi a rischio la salute di tutti.

A firma di tutti i precari d’Italia.

Test dei concorsi per Infermiere

Test dei concorsi per Infermiere

Ivano Cervella, 2019, Maggioli Editore

Il volume costituisce uno strumento utile per quanti si apprestano a sostenere un concorso pubblico per infermiere. I 5000 quiz a risposta multipla, infatti, sono il frutto di un attento studio degli argomenti più spesso oggetto d’esame e dei quesiti effettivamente somministrati durante le...



Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO