Sciopero degli infermieri in Sicilia: il diritto di manifestare per la tutela di tutti

La notizia di uno sciopero degli infermieri fa sempre notizia, non solo perché consente di far capire qualcosa del malessere sotteso e imperante che agita la vita degli infermieri siciliani, ma serve anche a fare prendere coscienza, se mai ce ne fosse ancora bisogno, che la professione infermieristica, non è statica, non è arrendevolmente prona al volere di chi comanda, l’infermiere è vivo e conosce sempre più i propri diritti.

Per tornare alla vicenda in questione, si evidenzino gli elementi caratterizzanti dello sciopero indetto per il 21 marzo a Messina dal Nursind  regionale (il sindacato delle professioni infermieristiche) che ha ad oggetto una serie di manifestazioni itineranti per sensibilizzare i partecipanti e non solo, sulle tematiche in questione. Quali? In realtà sono sempre più o meno le stesse e riguardano la questione delle assunzioni bloccate, delle spese pro capite per i siciliani a raffronto con quelle del nord, degli organici sottodimensionati, del clima di tensione e aggressione che caratterizza in modo inequivocabile lo spettro di possibilità lavorative entro cui il personale sanitario è costretto a muoversi, fanno riflettere e lasciano sgomenti in tal senso i numerosi attacchi personali e fisici rivolti a medici e infermieri  negli ultimi mesi.

Tematiche che evidentemente non scandalizzano più, non fanno più notizia, noi sappiamo invece quanto sia fondamentale far conoscere i problemi che vivono gli infermi, vogliamo che si sappia cosa vuole dire lavorare in un contesto precario con organici ristretti e inadatti alla mole di lavoro.

Antologia del miglioramento rapido nella Pubblica Amministrazione e nella Sanità italiana

Antologia del miglioramento rapido nella Pubblica Amministrazione e nella Sanità italiana

Giuseppe Negro, 2016, Maggioli Editore

Ogni amministratore, dirigente, responsabile, operatore troverà, nelle quaranta storie di miglioramento rapido qui raccontate, soluzioni che possono essere trasposte nel proprio contesto lavorativo. L'opera è ricca di spunti e indicazioni per migliorare tutte le funzioni di...



Ma la questione coinvolge le vite di molti, e deve importare soprattutto ai cittadini, sono loro, infatti, a vivere sulla pelle il dramma dell’attuale situazione, sono loro a vivere disagi e disservizi, motivo per cui, vorrei vedere tutti partecipare attivamente a queste tipologie di manifestazioni.   

Lo sciopero previsto per fine marzo si chiamerà “NurSind Capital City”; raccogliamo di seguito le parole schiette e sincere del dirigente nazionale Nursind Osvaldo Barba: “puntiamo molto sulle manifestazioni itineranti previste per far sì che i problemi insoluti legati all’esercizio della professione infermieristica siano conosciuti e, se possibile, dibattuti con la cittadinanza. L’infermiere è il catalizzatore di quelli che sono i bisogni dell’utente rapportati all’organizzazione del lavoro, molto spesso inesistente per gli organici sottodimensionati degli ospedali. Le aggressioni cui molto spesso sono vittime gli infermieri, altro non sono che il risultato di una politica sanitaria nazionale e ancor più regionale, che tra annunci “faraonici” e auto acclamazioni, produce come unico risultato uno stallo organizzativo-procedurale pericolosissimo, tanto per gli esercenti la professione infermieristica quanto per l’utenza”.

 

Condividi
Avvocato; giornalista pubblicista; copywriter. Esperto di diritto sanitario a seguito di un percorso formativo in ambito legale con il conseguimento della laurea magistrale in Giurisprudenza presso l'Università degli studi di Catania ed il successivo ampliamento delle conoscenze in ambito sanitario e giornalistico.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO