Aran: “Difficile che la firma del contratto arrivi entro settembre”

Il presidente Aran, Antonio Naddeo, ha definitivamente smorzato la speranza degli infermieri di ricevere in tempi brevi i tanto agognati arretrati del triennio 2019-2021.

L’ennesima triste notizia

“Purtroppo devo fare un ulteriore aggiornamento sulle sorti dell’ipotesi di accordo del CCNL sanità 2019-2021, comunica sul suo blog.

Per poi continuare: “Alle osservazioni e richieste di chiarimenti del MEF fatte in data 1 agosto e a cui l’ARAN ha prontamente risposto, lo stesso MEF ha inviato un’ulteriore nota nella quale si prende atto di alcune risposte dell’ARAN, ma ha anche chiesto ulteriori chiarimenti su norme del contratto non citate nella prima nota.

Anche in questo caso l’Agenzia sta predisponendo la risposta, ma è difficile che tutto si possa definire per la sottoscrizione definitiva entro il mese di settembre, visto che poi il contratto deve essere certificato dalla Corte dei conti (entro 15 giorni)”.

Le solite lungaggini burocratiche

“Vorrei solo ricordare a tutti che la norma che regola la procedura di contrattazione e il relativo controllo dell’Ipotesi di accordo è l’art. 47 del decreto legislativo 165/2001. In particolare il comma 4 stabilisce che l’ARAN trasmetta, entro 10gg dalla sottoscrizione, l’ipotesi di accordo corredata da una relazione tecnica ai comitati di settore e al Governo (FATTO in questo caso).

Il Consiglio dei Ministri (in pratica il MEF) può esprimere osservazioni entro 20 giorni dall’invio del contratto da parte dell’ARAN. Sono passati più di 60 giorni, NO COMMENT conclude il presidente Aran.

Obbligo ECM, la FNOPI annuncia: rischio di sanzioni “fino alla radiazione”

Condividi
Infermiere di Emodinamica presso il Policlinico Umberto I di Roma e Redattore per Dimensione Infermiere (Maggioli Editore). Autore della raccolta di racconti "La suocera sul petto e altre storie vere" (Ianieri Edizioni, 2018), del romanzo "Buonanotte madame" (0111 Edizioni, 2014) e coautore del manuale di divulgazione scientifica "Assistenza respiratoria domiciliare - il paziente adulto tracheostomizzato in ventilazione meccanica a lungo termine" (Ed. Universitalia, 2013).

3 Commenti

  1. Alessandro infermiere d6 vorrei dire due parole in merito al rinnovo del contratto sanità 19/21 come è possibile che sto naddeo dal 31/8/22 ha dichiarato su tutte le testate giornalistiche che a fine settembre avrebbero firmato il contratto Sanità facendo credere a tutti che ci sarebbero stati anche gli arretrati ma nulla di fatto perché il mef ha chiesto ulteriori chiarimenti e possibile che sto presidente del c non sapesse nulla e come è possibile tutto questo ritardo da parte del mef credo proprio che hanno preso per il culo una’altra volta tutte le categorie sanitarie e particolar modo gli infermieri dopo 10 anni ci hanno date 60 euro ora dopo 4 ancora nulla mi fanno un po schifo tutti e spero che questa mia considerazione sia condivisa da tutta la categoria .Possibile che nessun sindacato abbia detto qualcosa in merito ?tutti d’accordo .

LASCIA UN COMMENTO