Commento e Intervista a Zega (OPI Roma) su esclusività e campagna vaccinale

Gaetano Romigi 22/03/21
Scarica PDF Stampa
Abbiamo intervistato il dott. Maurizio Zega, Presidente dell’OPI di Roma all’indomani delle decisioni del governo d’implementare la campagna vaccini con il contributo determinante della professione infermieristica.

 

Intanto lo ringraziamo per la sua disponibilità e approfittiamo subito per entrare nel merito della questione che, in questo momento, è sotto i riflettori.

Siamo certamente soddisfatti delle decisioni prese dal governo con il Decreto Sostegni, con le quali – risponde il dott. Maurizio Zega – è stato allentato il vincolo di esclusività che impediva agli infermieri del Servizio Sanitario di dare il loro essenziale contributo alla campagna di vaccinazione di massa. Si potranno ora liberare migliaia di ore per la vaccinazione della popolazione laziale. Si va nella direzione giusta, meno vincoli più salute.”

Commento del redattore: dopo le decisioni del governo, è stata avviata online una manifestazione di interesse degli OPI del Lazio per mostrare alle istituzioni quanti Infermieri si rendono disponibili e sappiamo che sono già migliaia coloro che hanno risposto e questo numero in questi ore è destinato ad aumentare.

Quindi, chiediamo al Presidente dell’OPI di Roma che cosa possiamo immaginare per il futuro, dopo questa storica, anche se parziale decisione.

Ripetiamo con forza che il vincolo di esclusività, che il decreto sospende soltanto per le misure anti-Covid19, resta una norma incomprensibile e ingiusta. Una norma in cui si possono riscontare resistenze corporative e ritardi culturali, ma nessuna razionalità scientifica o anche soltanto logica.

Commento del redattore: Queste dichiarazioni sembrano preventivare un implicito impegno per eliminare il vincolo dell’esclusività non solo per le misure anti-Covid.

L’ infermiere di famiglia e di comunità

Nella dialettica tra comunità, persona, famiglia e sistema solidale, una dialettica oggi sempre più difficile a causa dei mutamenti demografici in atto, si inserisce l’infermiere di comunità e di famiglia: due aree di competenza differenziate e complementari, che obbligano a un ripensamento profondo del ruolo e della professione, dal punto vista clinico, sociale e organizzativo. In queste pagine l’attenzione si concentra su storie che riuniscono, senza soluzione di continuità, bambini, adulti, anziani e le loro comunità. Storie dove le competenze e le capacità tecniche storiche dell’infermiere sorreggono quelle innovative. in cui le relazioni intense dei protagonisti mettono in moto la creatività e la capacità di attivare risorse, anche eterodosse, per sviluppare interventi partecipati di prevenzione e percorsi assistenziali condivisi e personalizzati. Apparirà ancora più chiaro che l’assistenza non può e non deve essere standardizzata, ma deve essere personalizzata a seconda delle esigenze delle persone e delle caratteristiche delle comunità. “Questo libro – tecnico e coinvolgente – dovrebbe finire in mano a tante persone… Sono pagine che parlano alle nostre esistenze. Alla vita di chi ha dedicato le proprie giornate al sociale. a chi si è appena affacciato a quello che, probabilmente, domani sarà il suo lavoro. a coloro che comunque nutrono interesse, più con il cuore che con la mente, a fatti e vicende che toccano uomini e donne soprattutto nel periodo della difficoltà e dell’abbandono” (dalla Presentazione di don Mario Vatta).

Maila Mislej, Flavio Paoletti | 2008 Maggioli Editore

16.00 €  12.80 €

Sappiamo che l’OPI di Roma e la FNOPI sono impegnate per il raggiungimento di obiettivi che non sono soltanto legati alla questione emergente della campagna vaccinazioni, peraltro prioritaria in questa fase, ma che vanno anche in direzione del massimo coinvolgimento degli Infermieri nell’avvio dei passi operativi necessari ad identificare chi, quanti Infermieri con quali competenze, inquadramento giuridico e sviluppi futuri potranno lavorare sul territorio e domicilio affiancando medici di medicina generale, farmacisti, specialisti ed altro.

Quella per esempio dell’Infermiere di Famiglia e di Comunità ci sembra l’unica, semplice e logica soluzione per decongestionare Servizi di emergenza territoriale, Pronto soccorsi e terapie intensive, per tornare a garantire servizi e prestazioni ieri routinarie, ma oggi difficili nel corso dell’emergenza ed infine per non farsi mai più trovarsi impreparati di fronte ad una pandemia.

Autore: Gaetano Romigi


Ti stai perdendo i nostri migliori articoli? Perché non iscriversi alla nostra Newsletter?
Ogni settimana riceverai i migliori contenuti e articoli scientifici che abbiamo scritto per voi. In più tanti contenuti esclusivi che stiamo preparando per gli abbonati alla newsletter come interviste, podcast, estratti libri, ecc…

Iscriviti alla newsletter di DimensioneInfermiere.it