Aniarti al Ministro: Sistema di Emergenza Urgenza, un’occasione persa

infermieri in ambulanza

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa dell’Aniarti, una lettera al Ministero della Salute On. Giulia Grillo, nelle parole del nostro autore Gaetano Romigi e membro del direttivo dell’Associazione Nazionale Infermieri di Area Critica. 


Il Sistema di Emergenza Urgenza Sanitaria:
persa una occasione

di Dott. Gaetano Romigi – Membro Direttivo Aniarti

Nonostante si dica che il valore degli Infermieri non è in discussione, o che non si vuole disperdere le competenze infermieristiche avanzate e specialistiche acquisite e messe in campo, quanto accaduto a Siena dove, per rispondere alla richiesta del Comune, si chiude il progetto dell’ambulanza infermierizzata durato 1 anno, per passare da dicembre prossimo alla nuova sperimentazione dell’ambulanza medicalizzata, sa di vero e proprio smacco e a nulla servono le morbide giustificazioni.

IL Direttore Generale dell’Ausl Toscana sud est afferma che, nonostante non siano registrate criticità, né quantomeno segnalazioni sull’inadeguatezza del servizio da parte dei cittadini, a fine anno partirà una nuova sperimentazione con il medico a bordo dei mezzi di soccorso.

La domanda che sorge spontanea è “Perché?

L’Aniarti, associazione nazionale infermieri di area critica, rileva come la sperimentazione del medico a bordo avvenga non per criticità rilevate nel sistema dell’ambulanza con soli infermieri, ma “perché lo chiede un soggetto politico”. Alla fine della “sperimentazione”, si chiede Aniarti, “quale sarà l’indicatore che il modello provato è più o meno migliorativo? La soddisfazione personale dell’Assessore o gli indici predittivi e gli indicatori di esito?

Aniarti, in qualità di Società Scientifica accreditata al Ministero della Salute, preferisce attenersi a quanto suggerisce la letteratura scientifica, all’Evidence Based Practice, alla ricerca, agli indicatori di esito ed ai criteri di appropriatezza”.

Avere ambulanze infermieristiche – evidenzia il Presidente Fabrizio Moggia – è una scelta ed una modalità organizzativa efficace e non, come esplicitamente insinuano alcuni, di ‘recupero contabile dei costi’ e nulla toglie alla sicurezza del paziente che viene gestito in autonomia o, in caso di complessità, in sinergia tra professionisti sanitari”. In definitiva, “il modello professionale di ambulanza infermierizzata funziona e non bisogna permettere che se ne metta in dubbio la validità e la sicurezza, instillando nei cittadini il sospetto di non avere un servizio di qualità nel momento del soccorso”, conclude il presidente Aniarti.

Immaginiamo e ci auspichiamo che nei prossimi giorni il dibattito possa diventare virale e le posizioni ferme. Tutti gli Infermieri uniti dovrebbero urlare a gran voce che le parole non bastano. Ciò che serve invece è il coraggio di sostenere i sistemi quando è dimostrato scientificamente che funzionano e quando i cittadini li apprezzano. In questa occasione le istituzioni locali e sanitarie hanno perso una opportunità, quella di valorizzare la risorsa infermieristica nell’area dell’urgenza-emergenza.

Guida al monitoraggio  in Area Critica

Guida al monitoraggio in Area Critica

a cura di Gian Domenico Giusti e Maria Benetton, 2015, Maggioli Editore

Il monitoraggio è probabilmente l’attività che impegna maggiormente l’infermiere qualunque sia l’area intensiva in cui opera.Verrebbe da dire che non esiste area critica senza monitoraggio intensivo. Il monitoraggio non serve per curare, ma fornisce informazioni...



PER APPROFONDIRE:

  • Borowicz A, Nadolny K, Bujak K, Cieśla D, Gąsior M, Hudzik B. Paramedic versus physician-staffed ambulances and prehospital delays in the management of patients with ST-segment elevation myocardial infarction. Cardiol J. 2019 Jul 17. doi: 10.5603/CJ.a2019.0072. [Epub ahead of print]
  • Bloemhoff A, Schoonhoven L, de Kreek AJ, van Grunsven PM, Laurant MG, Berben SA. Solo emergency care by a physician assistant versus an ambulance nurse: a cross-sectional document study. Scand J Trauma Resusc Emerg Med. 2016 Jun 29;24:86. doi: 10.1186/s13049-016-0279-3.
  • Nor AM, McAllister C, Louw SJ, Dyker AG, Davis M, Jenkinson D, Ford GA. Agreement between ambulance paramedic- and physician-recorded neurological signs with Face Arm Speech Test (FAST) in acute stroke patients. Stroke. 2004 Jun;35(6):1355-9. Epub 2004 Apr 29.
  • https://www.quotidianosanita.it/regioni-e-asl/articolo.php?articolo_id=76236
  • https://www.aniarti.it/wp-content/uploads/2019/08/lettera-per-ministro-Grillo.pdf
Condividi
Coordinatore e Tutor Corso di Laurea in Infermieristica e Master area critica – Università Tor Vergata sede ASL Roma 2 – Prof a c. Infermieristica clinica in area critica e Membro Nazionale del Direttivo di Aniarti

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO