FNOPI promette azioni legali contro diffamazione e danno d’immagine

Redazione 21/04/21
Scarica PDF Stampa
FNOPI promette azioni legali contro le recenti diffamazioni, ingiurie e danni d’immagine da parte di quotidiani sanitari e gruppi di infermieri.


Sei interessato ad imparare a leggere e interpretare l’elettrocardiogramma? Perché non iscriversi al webinar gratuito “ECG Facile”? 

Clicca qui per maggiori informazioni!


In merito alle affermazioni circa “guadagni d’oro” che verrebbero corrisposti al portavoce della Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche (10 mila euro al mese), Tonino Aceti, la FNOPI smentisce categoricamente tale notizia.

Al portavoce – come è verificabile nell’area “amministrazione trasparente” della Federazione dalla relativa delibera regolarmente pubblicata e basata sui presupposti descritti dalla legge 150/2000 per quel che attiene la figura del portavoce, è corrisposta una cifra annuale lorda pari a 90mila euro, in linea con quella percepita da figure analoghe di altri Enti, che diventa al netto delle tasse versate allo Stato pari a circa 52mila euro e quindi inferiore a quanto mendacemente dichiarato.

E questo a fronte di un’attività di comunicazione, dialogo e interlocuzione istituzionale costante, che ha dato finora ben più di un risultato.

“Non può essere dimenticato  – afferma il Comitato centrale della Federazione – come il ruolo e le funzioni del portavoce all’interno della struttura organizzativa della Federazione, siano stati presentati all’intero Consiglio Nazionale e da questo   condivisi e apprezzati, attraverso la Relazione programmatica della Presidente e del Comitato Centrale per il 2019. Allo stesso modo e nella stessa riunione del 15 dicembre 2018 – aggiunge –  tutti i presidenti degli OPI grazie all’approvazione all’unanimità del bilancio di previsione 2019, analiticamente presentato in tutti i suoi dettagli dal tesoriere della FNOPI, e a tutt’oggi regolarmente pubblicato nella relativa sezione ‘Amministrazione Trasparente’ del sito web istituzionale della Federazione, hanno verificato e approvato l’impegno economico relativo proprio alla figura del portavoce”.

Con successiva delibera infine n. 224/18 il Comitato Centrale ha regolarmente conferito l’incarico di Portavoce a Tonino Aceti, confermando così la totale trasparenza del proprio operato.  Il compenso poi è erogato sulla base di un contratto co.co.co a termine, con regolare busta paga e sono altrettanto regolarmente versati, come detto, gli oneri dovuti allo Stato.

La Fnopi e i componenti del nuovo Comitato centrale, eletto recentemente, è stata sottoposta finora a attacchi pretestuosi e strumentali, anche attraverso notizie che con la professione infermieristica non hanno nulla a che fare e che comunque sono superate e chiarite nei fatti e nelle dinamiche.

Per questo la Federazione intende evitare ulteriori danni di immagine a singoli e alla professione rispetto ad affermazioni di soggetti che, incapaci di instaurare un dialogo costruttivo, non condividono probabilmente per questioni personali, le azioni politiche e le scelte conseguenti.

A questo punto quindi, proprio per la tutela della professione infermieristica, considerando anche la presa di posizione di altri soggetti istituzionali, la FNOPI intende intraprendere la strada della difesa giudiziale e della tutela professionale e deontologica non solo del singolo, affiancando il portavoce nella azione legale che promuoverà per essere stato accusato ingiustamente, ma della comunità infermieristica nel suo insieme, per quella parte di essa che con certi atteggiamenti non ha davvero nulla a che fare.

LEGGI ANCHE / Lettera aperta a FNOPI

Inoltre, data la natura e gli strumenti utilizzati per l’attacco diretto, la querela verrà inoltrata all’ordine dei giornalisti competente per territorio, all’ordine nazionale dei giornalisti e alla sezione stampa del Tribunale competente anch’esso per territorio in quanto in conflitto con il ”Testo unico dei doveri del giornalista” in vigore dal 1° gennaio 2021 in cui si specifica che “è diritto insopprimibile dei giornalisti la libertà d’informazione e di critica, limitata dall’osservanza delle norme di legge dettate a tutela della personalità altrui ed è loro obbligo (dei giornalisti, n.d.r.) inderogabile il rispetto della verità sostanziale dei fatti, osservati sempre i doveri imposti dalla lealtà e dalla buona fede”, Obbligo evidentemente disatteso in questo caso.

Fonte: FNOPI.it

Professione infermiere: alle soglie del XXI secolo

La maggior parte dei libri di storia infermieristica si ferma alla prima metà del ventesimo secolo, trascurando di fatto situazioni, avvenimenti ed episodi accaduti in tempi a noi più vicini; si tratta di una lacuna da colmare perché proprio nel passaggio al nuovo millennio la professione infermieristica italiana ha vissuto una fase cruciale della sua evoluzione, documentata da un’intensa produzione normativa.  Infatti, l’evoluzione storica dell’infermieristica in Italia ha subìto un’improvvisa e importante accelerazione a partire dagli anni 90: il passaggio dell’istruzione all’università, l’approvazione del profilo professionale e l’abolizione del mansionario sono soltanto alcuni dei processi e degli avvenimenti che hanno rapidamente cambiato il volto della professione. Ma come si è arrivati a tali risultati? Gli autori sono convinti che per capire la storia non basta interpretare leggi e ordinamenti e per questa ragione hanno voluto esplorare le esperienze di coloro che hanno avuto un ruolo significativo per lo sviluppo della professione infermieristica nel periodo esaminato: rappresentanti di organismi istituzionali e di associazioni, formatori, studiosi di storia della professione, infermieri manager. Il filo conduttore del libro è lo sviluppo del processo di professionalizzazione dell’infermiere. Alcune domande importanti sono gli stessi autori a sollevarle nelle conclusioni. Tra queste, spicca il problema dell’autonomia professionale: essa è sancita sul terreno giuridico dalle norme emanate nel periodo considerato, ma in che misura e in quali forme si realizza nei luoghi di lavoro, nella pratica dei professionisti? E, inoltre, come si riflettono i cambiamenti, di cui gli infermieri sono stati protagonisti, sul sistema sanitario del Paese? Il libro testimonia che la professione è cambiata ed è cresciuta, ma che c’è ancora molto lavoro da fare. Coltivare questa crescita è una responsabilità delle nuove generazioni. Le voci del libro: Odilia D’Avella, Emma Carli, Annalisa Silvestro, Gennaro Roc- co, Stefania Gastaldi, Maria Grazia De Marinis, Paola Binetti, Rosaria Alvaro, Luisa Saiani, Paolo Chiari, Edoardo Manzoni, Paolo Carlo Motta, Duilio Fiorenzo Manara, Barbara Man- giacavalli, Cleopatra Ferri, Daniele Rodriguez, Giannantonio Barbieri, Patrizia Taddia, Teresa Petrangolini, Maria Santina Bonardi, Elio Drigo, Maria Gabriella De Togni, Carla Collicelli, Mario Schiavon, Roberta Mazzoni, Grazia Monti, Maristella Mencucci, Maria Piro, Antonella Santullo. Gli Autori Caterina Galletti, infermiere e pedagogista, corso di laurea magistrale in Scienze infermieristiche e ostetriche dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, Roma.Loredana Gamberoni, infermiere, coordinatore del corso di laurea specialistica/ magistrale dal 2004 al 2012 presso l’Università di Ferrara, sociologo dirigente della formazione aziendale dell’Aou di Ferrara fino al 2010. Attualmente professore a contratto di Sociologia delle reti di comunità all’Università di Ferrara.Giuseppe Marmo, infermiere, coordinatore didattico del corso di laurea specialistica/ magistrale in Scienze infermieristiche e ostetriche dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, sede formativa Ospedale Cottolengo di Torino fino al 2016.Emma Martellotti, giornalista, capo Ufficio stampa e comunicazione della Federazione nazionale dei Collegi Ipasvi dal 1992 al 2014.

Caterina Galletti, Loredana Gamberoni, Giuseppe Marmo, Emma Martellotti | 2017 Maggioli Editore

32.00 €  25.60 €

Sullo stesso argomento leggi anche:

https://www.dimensioneinfermiere.it/lettera-aperta-a-infermieri-e-fnopi-dopo-il-suo-invito-alla-comprensione/

Redazione