In malattia dal 15 ottobre per non esibire il green pass…?

Scarica PDF Stampa

Lo scorso 15 ottobre è entrato in vigore l’obbligo di esibire il green pass sul luogo di lavoro. E, sarà un caso, ma proprio da quel momento diversi lavoratori (furbetti…?) si sono messi in malattia, eludendo momentaneamente i controlli ed evitando così le sospensioni.

Dialisi in ginocchio: 6 infermieri in malattia 

Un caso limite, segnalato da cronachepicene.it, arriva dall’ospedale Mazzoni di Ascoli (Area Vasta 5), dove la dialisi è stata messa a dura prova dall’assenza simultanea di ben sei infermieri, a casa malati proprio dal giorno 15.

Sarà senz’altro una coincidenza, ma il fatto che proprio il giorno dell’entrata in vigore della suddetta norma ben 6 lavoratori abbiano marcato visita e risultino tuttora in malattia suona davvero strano: la Asur Marche, infatti, sta procedendo spedita con le sospensioni dei sanitari ‘ribelli’ che vengono man mano segnalati.

‘Di fronte a un certificato medico alziamo le mani’

Come spiegato dal direttore Cesare Milani, “Io non sono tenuto a sapere se queste persone si sono vaccinate oppure no. Ma è un dato di fatto che si sono messi in malattia tutti insieme. Del resto, di fronte a un certificato medico che attesta la malattia dobbiamo alzare le mani”.

Nessun disservizio

Il direttore, però, ha voluto sottolineare che nonostante si tratti “di personale altamente specializzatodifficile da sostituire e per cui occorrono “6-7 mesi per un’adeguata formazione”, “siamo riusciti a non creare disservizi all’utenza.

Abbiamo chiesto dei sacrifici, è vero, al personale in forza ed abbiamo distaccato anche un’infermiera dalla dialisi del San Benedetto. Ma i cittadini non perderanno nemmeno una seduta”.

Autore: Alessio Biondino

Infermiera di terapia intensiva si dichiara no vax a Rai 3: sospesa

Tag