Infermiere accoltella proprietario di un centro tamponi per soldi

Dopo essersi accusati a vicenda sul sequestro dei tamponi eseguiti presso un “salone di bellezza” di proprietà di un commercialista, l’infermiere lo ha atteso sotto casa per accoltellarlo. 

Infermiere accoltella proprietario di un centro tamponi

A fine novembre, nel “centro tamponi” accampato in un salone di bellezza sono stati riscontrati e sequestrati 1000 tamponi non omologati. Per un breve periodo l’infermiere ha lavorato presso il centro ed è stato coinvolto nelle indagini per l’uso di tamponi non regolari.

Dalla vicenda sono partite denunce e litigi tra i due, terminati in dissidi personali e in un contenzioso economico tra l’infermiere e il commercialista. Sembra che il mancato pagamento del periodo di lavoro svolto abbia spinto il collega con precedenti penali, ad aggredire il proprietario del centro in provincia di Bolzano.

L’infermiere è accusato di tentato omicidio

L’aggressione, avvenuta nella villetta dove il ferito viveva con alcuni parenti, è stata filmata da alcune telecamere di sorveglianza. L’aggressore è stato filmato con una felpa bianca mentre attendeva nascosto il rientro della vittima. Poco dopo l’una di notte e il rientro dell’auto del commercialista, l’aggressione finisce in un accoltellamento.

Le urla del commercialista attirano l’attenzione dei carabinieri che in quel momento erano su una volante riuscendo a prestare immediato soccorso al commercialista, e predisponendo il trasporto in un reparto di terapia intensiva.

I militari, sulle tracce dell’aggressore, hanno subito trovato l’infermiere ancora con il coltello in mano. Immediatamente fermato, il collega è stato arrestato con l’accusa di tentato omicidio aggravato. Il giudice ha convalidato l’arresto dell’accusato e disposto la sua custodia cautelare in carcere dove si è avvalso della facoltà di non rispondere.

In prognosi riservata, il commercialista presenta numerose ferite da taglio ma attualmente non vi sono notizie di un peggioramento delle sue condizioni.

Leggi anche:

Vogliono tamponi per tutta la famiglia: fingono coma e chiamano il 118

 

Condividi

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO