“Infermiere al posto del medico su automedica durante le feste”

Scarica PDF Stampa

Secondo quanto denunciato in una nota dal consigliere regionale del Polo Liberale Walter Zalukar, durante le recenti festività in provincia di Udine l’infermiere sarebbe stato utilizzato al posto del medico sui mezzi di soccorso: «A Latisana, durante le festività natalizie, non c’era nessun medico disponibile a coprire i turni di automedica il 22, 24, 25 dicembre e il primo gennaio.

In tali casi il servizio viene sospeso, non potendo evidentemente garantire l’automedica senza il medico a bordo. Invece questa volta l’automedica è rimasta operativa pur in assenza del medico: al suo posto è stato messo un infermiere e l’automedica ha continuato a sfrecciare per la Bassa Friulana con sirena e luce blu in soccorso dei codici rossi e gialli, solo che invece del medico arrivava l’infermiere. Così l’apparenza era salva».

A detta del consigliere, «a segnalare questa situazione, a dir poco incredibile sono stati gli stessi operatori. L’Aaroi Emac, organo di rappresentanza di anestesisti rianimatori e medici dell’emergenza urgenza, ha diffidato l’Azienda sanitaria dal reiterare tale gestione, chiedendo anche chi sta autorizzando e non controllando la somministrazione di farmaci (non salvavita) da parte di personale non medico».

E ciò rappresenterebbe un «interrogativo molto grave perché sembra presupporre che durante questo originale impiego dell’automedica senza medico siano stati utilizzati farmaci, e allora potrebbero sorgere profili di illiceità, perché come noto solo al medico è consentita la prescrizione di farmaci.

E in tale contesto ci si chiede quale ruolo abbia avuto la Sores, la sala operativa di Palmanova, visto che mentre altre volte aveva prontamente segnalato l’assenza di risorse, in questa occasione ha stranamente taciuto, senza dare informazione all’utenza». 

L’esponente del polo liberale insinua che, così facendo, «si alimenta il sospetto di un’eventuale complicità in questo camuffamento del servizio di automedica, e sorgono ancor più inquietanti interrogativi sul futuro, giacché la bozza del nuovo Piano di emergenza urgenza (Peu) prevede che la responsabilità di tutti i mezzi di soccorso sul territorio passi in capo alla Sores di Palmanova». 

Zalukar conclude che la sua intenzione è quella di presentare un’interrogazione alla Giunta regionale per sapere quali sono le responsabilità organizzative e gestionali dei fatti accaduti a Latisana.
AddText 01 09 11.13.38
FORMATO CARTACEO
Guida al monitoraggio in Area Critica Il monitoraggio è probabilmente l’attività che impegna maggiormente l’infermiere qualunque sia l’area intensiva in cui opera.Non può esistere area critica senza monitoraggio intensivo, che non serve tanto per curare quanto per fornire indicazioni necessarie ad agevolare la decisione assistenziale, clinica e diagnostico-terapeutica, perché rilevando continuamente i dati si possono ridurre rischi o complicanze cliniche.Il monitoraggio intensivo, spesso condotto con strumenti sofisticati, è una guida formidabile per infermieri e medici nella cura dei loro malati. La letteratura conferma infatti che gli eventi avversi, persino il peggiore e infausto, l’arresto cardiocircolatorio, non sono improvvisi ma solitamente vengono preannunciati dal peggioramento dei parametri vitali fin dalle 6-8 ore precedenti.Il monitoraggio è quindi l’attività “salvavita” che permette di fare la differenza nel riconoscere precocemente l’evento avverso e migliorare i risultati finali in termini di morbilità e mortalità.Riconosciuto come fondamentale, in questo contesto, il ruolo dell’infermiere, per precisione, accuratezza, abilità nell’uso della strumentazione, conoscenza e interpretazione dei parametri rilevati, questo volume è rivolto al professionista esperto, che mette alla prova nelle sue conoscenze e aggiorna nel suo lavoro quotidiano, fornendo interessanti spunti di riflessione, ma anche al “novizio”, a cui permette di comprendere e di utilizzare al meglio le modalità di monitoraggio.   A cura di:Gian Domenico Giusti, Infermiere presso Azienda Ospedaliero Universitaria di Perugia in UTI (Unità di Terapia Intensiva). Dottore Magistrale in Scienze Infermieristiche ed Ostetriche. Master I livello in Infermieristica in anestesia e terapia intensiva. Professore a contratto Università degli Studi di Perugia. Autore di numerose pubblicazioni su riviste italiane ed internazionali. Membro del Comitato Direttivo Aniarti.Maria Benetton, Infermiera presso Azienda ULSS 9 di Treviso. Tutor Corso di laurea in Infermieristica e Professore a contratto Università degli Studi di Padova. Direttore della rivista “SCENARIO. Il nursing nella sopravvivenza”. Autore di numerose pubblicazioni su riviste italiane. Membro del Comitato Direttivo Aniarti. a cura di Gian Domenico Giusti e Maria Benetton | Maggioli Editore 2015
14.25 €