Infermiere: professione più colpita da Covid e iniziative di sostegno FNOPI

Il 5° report dell’INAIL (Istituto nazionale Assicurazione Infortuni sul Lavoro), dati aggiornati al 15 giugno, conferma un dato sconcertante: i più colpiti dal Covid-19 sono gli infermieri. Il report specifica che l’83% della categoria professionale più colpita dal Coronavirus, ovvero i “tecnici della salute“, sono proprio gli infermieri. Facendo un rapido calcolo (la percentuale di una percentuale!), scopriamo che la categoria infermieristica è il 34% del totale dei lavoratori colpiti dal Covid-19, subito dopo gli operatori socio-sanitari con il 21,3% e i medici con il 10,7%.

La professione più colpita dal Covid-19 è quella infermieristica

49.021 casi segnalati alla data del 15 giugno, con 236 decessi (qui sono i medici con il 9,9% la singola professione più coinvolta) di cui il 12,8% sono tecnici della salute (professioni sanitarie non mediche accorpate dall’istituto) e di questi il 61% infermieri.

Il profilo più coinvolto dal contagio da Covid è quindi: donna, spesso residente in Lombardia, tra i 50 e i 64 anni. Mentre tra le denunce d’infortunio con esito mortale da Covid-19 il profilo più comune è invertito nel genere: uomo, sempre tra i 50 e i 64 anni, per quasi la metà residente in Lombardia.

#NoiConGliInfermieri: la FNOPI organizza una raccolta fondi per aiutare gli infermieri

La FNOPI considerata la necessità di sostenere, anche economicamente, l’enorme numero d’infermieri colpiti, il pesante carico di decessi e le loro famiglie, ha deciso di promuovere la campagna di raccolta fondi #NoiConGliInfermieri.

Con il patrocinio di moltissime associazioni infermieristiche e il supporto economico di tante aziende private come Enel, Aperol e il social TikTok, attualmente, l’obiettivo di raccogliere 6 milioni di euro è a metà dall’essere raggiunto.

Inoltre, con l’evento social #NonChiamateciEroi, La Federazione Nazionale Ordini Professioni Infermieristiche vuole invitare tutti i promotori e gli ambasciatorigiovedì 25 giugno alle ore 21, a personalizzare il seguente logo con un proprio ritratto e condividerlo tramite i propri social:

 

Copia e personalizza con il tuo ritratto questo logo e condividilo domani 25 giugno alle 21:00

Come aiutare gli infermieri in difficoltà?

Così Barbara Mangiacavalli commenta le numerose campagne di supporto all’infermiere promosse dalla FNOPI: “Usare disegni ed esibirli su balconi e finestre ha rappresentato una modalità nuova di comunicare e di essere vicini: gli infermieri alle persone e le persone agli infermieri. L’abbiamo imparata durante il lockdown ed è stata ideata perché i cittadini potessero comunicare tra loro e all’esterno lo stato d’animo, le emozioni e spesso la gratitudine che in questi mesi non sono davvero mancate. Ora, nella Fase 2, la fanno propria gli infermieri che in quei giorni erano, come lo sono ancora oggi, in prima linea contro la pandemia per non lasciare solo nessuno. E la fanno propria per promuovere un’iniziativa per poter aiutare chi finora ha aiutato gli altri, anche mettendo in gioco la propria salute e spesso purtroppo la stessa vita”.

Per accedere alla campagna e donare è attivo il sito:

In alternativa, si può donare utilizzando questo IBAN:

  • IT91P0326803204052894671510 (Banca Sella) intestato a Federazione Nazionale Ordini Professioni Infermieristiche usando come causale: Fondo di solidarietà NOI CON GLI INFERMIERI.

Autore: Dario Tobruk (Facebook, Twitter)

Fonti:

Condividi
Infermiere di Unità Coronarica presso ASST Garda, frequenta il Master in Tecniche ecocardiografiche presso UniCattolica di Brescia. Tra i molti interessi, ha una certa vocazione per tutto ciò che viene percorso da "corrente elettrica": computer, macchine, internet. Da grande, nel futuro, spera di curare i cyborg.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO