L’appello della CRI: “Donate il sangue prima di andare in vacanza!”

Gli ospedali sono a corto di sangue e plasma. E la carenza lievita di giorno in giorno, tanto da far pensare che a breve potrebbe materializzarsi una nuova/vera emergenza in tal senso.

Un momento drammatico

Come spiegato da Paolo Monorchio, referente nazionale della Croce rossa italiana per la donazione sangue, “I dati in nostro possesso ci parlano di un rallentamento delle donazioni. Come se non bastasse, le regioni virtuose sono in affanno e non riescono a rispondere al fabbisogno di altre”.

Entrando più nei dettagli, il rappresentante della CRI parla di momento drammatico: Lazio, Campania e Sardegna sono in difficoltà, soprattutto per quanto concerne la cura dei pazienti talassemici. Realtà come Toscana e Lombardia, che prima fornivano sangue per compensare le mancanze di altre regioni, faticano a restare a regime”.

Si ritardano gli interventi

Ma non è tutto: “A rendere ancora più grave la situazione è quanto accade, ad esempio, negli ospedali della Campania, strutture nelle quali, proprio a causa della mancanza di sangue, si stanno ritardando gli interventi chirurgici”.

Ed è a causa di tutto questo che la CRI fa un appello alla popolazione: “Chiediamo uno sforzo straordinario ai cittadini, in particolare ai giovani: prima di partire per le vacanze estive, recatevi nei centri trasfusionali e donate!

Donare sangue può salvare molte vite

Perché, come ricorda il referente nazionale, donare il sangue è un atto di solidarietà, un gesto semplice con il quale è possibile salvare molte vite”.

C’è carenza di sangue, Opi Toscana e Avis lo chiedono agli infermieri

Condividi
Infermiere di Emodinamica presso il Policlinico Umberto I di Roma e Redattore per Dimensione Infermiere (Maggioli Editore). Autore della raccolta di racconti "La suocera sul petto e altre storie vere" (Ianieri Edizioni, 2018), del romanzo "Buonanotte madame" (0111 Edizioni, 2014) e coautore del manuale di divulgazione scientifica "Assistenza respiratoria domiciliare - il paziente adulto tracheostomizzato in ventilazione meccanica a lungo termine" (Ed. Universitalia, 2013).

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO