Lavoratore depresso e indennizzo Inail: quando?

Scarica PDF Stampa

Una recente sentenza della Cassazione (Cass. civ., sez. lav., 11 ottobre 2022, n. 29611) ha fatto luce sulla depressione che colpisce il lavoratore e l’eventuale indennizzo Inail.

Il dipendente in oggetto ha agito nei confronti dell’Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro per ottenere il ristoro del danno biologico da malattia professionale, causato da un «disturbo dell’adattamento con umore depresso ed ansia compatibili con situazione lavorativa anamnesticamente avversativa».

La sua domanda, però, è stata rigettata sia in primo sia in secondo grado e nelle motivazioni la Corte di Appello di Brescia dichiarava come estraneo alla copertura INAIL il danno psichico subito dai lavoratori per situazioni di costrittività organizzativa, peraltro non tabellata dal T.U. n. 1124/1965.

Eppure, il suddetto T.U. n. 1124/1965, recita che «sono indennizzabili tutte le malattie di natura fisica o psichicala cui origine sia riconducibile al rischio del lavoro, sia che riguardi la lavorazione, sia che riguardi l’organizzazione del lavoro e le modalità della sua esplicazione; dovendosi ritenere incongrua qualsiasi distinzione in tal senso, posto che il lavoro coinvolge la persona in tutte le sue dimensioni, sottoponendola a rischi rilevanti sia per la sfera fisica che psichica».

E la situazione è stata totalmente ribaltata in Cassazione, a cui il lavoratore si è rivolto denunciando la violazione e la falsa applicazione dell’art. 2087 c.c., del D.P.R. n. 1124 del 1965, dell’art. 1,2,3.4,13 comma 2 lett. a) e dell’art. 139 (in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3).

Gli Ermellini, come spiegato da Responsabilità Civile, hanno infatti ribadito che le patologie (di natura fisica o psichica) la cui origine è riconducibile al rischio lavorativo (riguardante la lavorazione, l’organizzazione del lavoro e/o le modalità della sua esplicazione), sono meritevoli di tutela in quanto l’attività lavorativa coinvolge la persona in tutte le sue dimensioni e la sottopone a rischi più o meno importanti.

Per quanto riguarda la mancata tabellatura della malattia psichica denunciata, la Suprema Corte ha specificato che «ogni forma di tecnopatia che possa ritenersi conseguenza di attività lavorativa risulta assicurata all’INAIL, anche se non è compresa tra le malattie tabellate o tra i rischi tabellati, dovendo in tale caso il lavoratore dimostrare soltanto il nesso di causa tra la lavorazione patogena e la malattia diagnosticata».

Gli infermieri italiani, perpetue vittime di sfruttamento, di stress lavorativo, di turni da incubo, di riposi saltati, di demansionamento sistematico, di aggressioni e di scarso riconoscimento sociale, sono ora avvisati.
AddText 01 13 06.39.17
Infermiere – Manuale per i concorsi e la formazione
FORMATO CARTACEO
L’infermiere Il manuale, giunto alla X edizione, costituisce un completo e indispensabile strumento di preparazione sia ai concorsi pubblici sia all’esercizio della professione di infermiere. Con un taglio teorico-pratico affronta in modo ampio ed esaustivo tutte le problematiche presenti. La prima parte concettuale ricostruisce l’organizzazione del mercato sanitario e affronta gli elementi tipici del processo di professionalizzazione dell’infermiere, a seguito delle novità della Legge Lorenzin n. 3/2018. La stessa parte evidenzia gli aspetti innovativi della professione avendo cura di offrire al lettore un’ampia panoramica sulle teorie del Nursing e l’utilizzo dei nuovi strumenti operativi. Al termine di ogni capitolo, test di verifica e risposte commentate permettono di verificare il grado di preparazione raggiunto e di allenarsi in vista delle prove concorsuali. La seconda parte applicativa prevede l’adozione di casi clinici quale strumento di attuazione della teoria alle procedure tipiche dell’assistenza infermieristica di base, specialistica e pre e post procedure diagnostiche, presentandosi come un validissimo supporto tecnico e metodologico all’esercizio della professione. Il manuale risulta essere uno strumento prezioso sia per lo studente sia per chi già opera nelle strutture sanitarie, in quanto offre al lettore la possibilità di valutare passo a passo le conoscenze acquisite attraverso la risoluzione dei test di verifica presenti alla fine di ogni capitolo e l’analisi motivata delle risposte. Nella sezione online su www.maggiolieditore.it, accessibile seguendo le istruzioni riportate in fondo al volume, saranno disponibili eventuali aggiornamenti normativi.   Cristina FabbriLaurea magistrale in Scienze infermieristiche e ostetriche. Laureata in Sociologia, Professore a contratto di Infermieristica, Università degli Studi di Bologna, corso di Laurea in Infermieristica-Cesena. Dirigente Professioni sanitarie Direzione Infermieristica e Tecnica Azienda USL Romagna, ambito Ravenna.Marilena MontaltiInfermiere, Dottoressa in Scienze infermieristiche e ostetriche. Master II livello in Ricerca clinica ed epidemiologia, prof. a.c. C. di Laurea in infermieristica, Università di Bologna. Responsabile Infermieristico Dipartimento Internistico, Azienda della Romagna Ambito di Rimini. Marilena Montalti, Cristina Fabbri | Maggioli Editore 2020
32.30 €