Lavoratrice discriminata perché incinta, ospedale condannato

Scarica PDF Stampa
Nel 2022 è davvero possibile che una lavoratrice, assunta presso un’azienda ospedaliera, sia discriminata perché incinta? Incompatibilità coi reparti Covid Sembra proprio di sì. Tanto che il giudice del lavoro del Tribunale di Potenza, riconoscendo i suo diritti, ha condannato l’Ospedale San Carlo di Potenza reo di non averle rinnovato il contratto di lavoro per incompatibilità dei reparti Covid col suo stato di gravidanza.

Come spiegato dalla Consigliera regionale di parità, Ivana Pipponzi, “si è dovuti arrivare a chiedere l’intervento del magistrato perché accertasse la condotta discriminatoria tenuta dall’Azienda ospedaliera nei confronti di una lavoratrice in maternità”.

E così è stato, secondo quanto riportato da basilicata24.it: Pipponzi, occupandosi del caso e sostenendo l’operatrice coinvolta, si è subito affidata all’avvocato giuslavorista Salvatore Paolo Guarino.
Invece i colleghi… E in giudizio sarebbero emersi dei dettagli che avrebbero evidenziato la discriminazione: altri colleghi della donna, dapprima impiegati come lei in reparti Covid, avrebbero ricevuto una proroga del loro contratto di lavoro e sarebbero stati poi assegnati ad altre unità dove non vi era alcuna condizione di rischio. Una sentenza importante La lavoratrice, perciò, “risultava palesemente discriminata rispetto ai colleghi solo in ragione del suo stato di maternità, sottolinea la Consigliera. Una condotta per cui “il giudice del lavoro ha duramente sanzionato l’Ospedale San Carlo, condannandolo al risarcimento del danno in favore della lavoratrice, alla ricostruzione della sua posizione lavorativa e alla condanna alle spese di giudizio.

Sempre maggiori sono i casi di lavoratrici discriminate sul posto di lavoro che si rivolgono al mio Ufficio per chiedere tutele, segno tangibile della acquisita consapevolezza di far valere i propri diritti”.

Una cosa è certa: La sentenza appena emessa segna una linea molto importante sul contrasto alle discriminazioni di genere sul posto di lavoro conclude Pipponzi.
ECG facile: dalle basi all’essenziale
FORMATO CARTACEO
ECG facile Quando un infermiere entra in un nuovo contesto lavorativo, viene investito da un’onda di gigantesche proporzioni di protocolli, nozioni, dinamiche, relazioni e migliaia di cose da sapere. Fortunatamente, però, la saggezza professionale insegna che le cose hanno, alla fine, sempre la stessa dinamica: prima è tutto difficile, poi diventa normale, e prima o poi le cose si faranno semplici. È un ciclo che si ripete. Quale che sia il reparto o il servizio, prima si affronterà la montagna e prima si potrà godere della vista incantevole dei picchi a fianco delle nuvole, e scendere a valle soddisfatti del cammino, pronti per la prossima sfida. L’interpretazione dell’elettrocardiogramma è una di queste sfide. Lo scopo di questo breve manuale è guidare il sanitario, per quanto sia possibile, verso il pendio più semplice da scalare, aiutandolo passo dopo passo ad acquisire gli strumenti per non cedere mai di fronte alle avversità. A differenza dei numerosi manuali di autoapprendimento all’interpretazione dell’ECG disponibili nelle librerie e sul mercato, questo testo non è stato pensato per medici, ma è scritto e pensato per il personale sanitario come l’infermiere o, se volete, il tecnico sanitario perfusionista o di radiologia, che ogni giorno si confrontano con questo meraviglioso strumento di indagine. Il manuale tra le vostre mani ha il solo scopo di farvi sviluppare un unico superpotere: saper discriminare un tracciato normale da uno patologico, sapere quando dovrete segnalarlo al medico, e possibilmente salvare la vita del paziente. Scusate se è poco! Dario Tobruk Infermiere di area critica, ha lavorato in Cardiologia e UTIC e si è specializzato in ambito cardiologico. Da sempre persegue l’obiettivo di occuparsi di informazione, divulgazione e comunicazione medico-scientifica. In collaborazione con la casa editrice Maggioli, ha fondato dimensioneinfermiere. it, che tuttora dirige. Dario Tobruk | Maggioli Editore 2021
14.00 €
Tag