Lea? Più che un’infermiera sembra una badante

Scarica PDF Stampa

È arrivato sugli schermi “Lea”, una fiction dove i protagonisti, una volta tanto, sono gli infermieri. O meglio, un’infermiera, interpretata da Anna Valle. Un moderno E. R. insomma, per dare finalmente spazio ai professionisti dell’assistenza quasi del tutto ignorati nelle altre fictions. O no…?

Non sembra un’infermiera

Il dubbio sorge spontaneo, perché da ciò che si è visto nella prima puntata, la cara Lea di infermiera non ha praticamente nulla: alza e abbassa sponde del letto che è una meraviglia, movimenta pazienti col sorriso, li abbraccia a tutto spiano, trasporta carrelli e spinge sedie a rotelle in lungo e in largo. Una sorta di badante tuttofare, insomma, dal ruolo assai poco definito. Altro che infermiera e quindi professionista responsabile dell’assistenza infermieristica.


Cerchi un manuale per imparare a leggere e interpretare l’elettrocardiogramma in maniera semplice ed efficace? 

ECG Facile: dalle basi all’essenziale” è il manuale perfetto per imparare a interpretare l’elettrocardiogramma. Un testo pensato principalmente per professionisti sanitari non medici che vogliano possedere la giusta dimestichezza con quest’arte.

Il manuale ha il solo scopo di farvi sviluppare un unico superpotere: saper discriminare un tracciato normale da uno patologico, sapere quando dovrete segnalarlo al medico, e possibilmente salvare la vita del paziente.

ECG Facile Banner


L’ennesima occasione sprecata

Chi si aspettava un qualcosa di un po’ più aggiornato che, al termine della pandemia (o almeno si spera), facesse finalmente luce sulla professione infermieristica e che la mostrasse, finalmente, agli occhi dei cittadini per quella che è (o che dovrebbe essere) realmente, sarà rimasto sicuramente deluso.

Ritorno al passato

Perché con Lea sembra che si ritorni inesorabilmente indietro di 40 anni o più: le sue colleghe infermiere sembrano disorientate, quasi rimbambite, ignoranti e vengono inevitabilmente “sgridate” dai coordinatori e dai medici; devono costantemente “sbrigarsi perché è arrivato il Dottore”, appaiono come insicure professionalmente, sempre e comunque in attesa di direttive da parte di chi ne sa di più.

E secondo voi, gli autori potevano astenersi dal ricreare l’immancabile e scontato flirt tra infermiera e medico…? Ovviamente no. Attendiamo le nuove puntate così da poter esprimere un giudizio più completo, ma… Se è vero che il buongiorno si vede dal mattino, per gli infermieri c’è poco da stare allegri. 

Ancora una volta.

FNOPI al Senato: “Quello dell’infermiere è un lavoro usurante!”

Tag