Il Ministro Schillaci: “Nei primi 100 giorni vorrei gratificare il personale sanitario”

Scarica PDF Stampa

Vi ricordate i continui ed accorati proclami dell’ex Ministro Speranza? Quelli del tipo è giunto il momento di grandi investimenti”, Abbiamo bisogno di più medici e più infermieri e abbiamo bisogno di trattarli meglio” e “dobbiamo mettere più risorse sul fondo sanitario nazionale”?

Ebbene… Col nuovo Governo, quello degli slogan in stile “la pacchia è finita”, la musica non sembra affatto cambiata. Il neo Ministro della Salute Orazio Schillaci, infatti, in questi giorni si è lasciato andare all’ennesima pseudo-promessa. Lo ha fatto durante un collegamento video ad un evento a Roma, che ha visto l’intervento anche del sottosegretario Gemmato.

“La pandemia nella sua tragicità ha messo la salute al centro dell’agenda politica ma anche economica e sociale, e oggi superata la fase emergenziale dobbiamo guardare oltre e lavorare per risolvere le criticità strutturali che l’emergenza ha portato alla luce” ha spiegato Schillaci.

Tutto ciò significa “ridurre le disparità territoriali nell’erogazione dei servizi, diminuire i tempi di attesa per l’erogazione di molte prestazioni, potenziare la prevenzione, rafforzare e valorizzare il personale del Ssn anche alla luce del potenziamento dell’assistenza territoriale”.

Ma non solo: per il Ministro è importante che l’attenzione sulla salute resti alta e che le risorse siano adeguate per raggiungere i traguardi di efficienza, consapevoli del difficile momento che il Paese sta vivendo con la crisi energetica che mette in difficoltà famiglie e imprese”.

Dopodiché Schillaci ha parlato dell’importanza di attuare il Piano nazionale della Prevenzione, che si sta mettendo insieme il nuovo Piano sull’antibiotico resistenza e che si deve approntare anche un nuovo Piano nazionale vaccinale.

E infine, rispondendo a una domanda sui primi provvedimenti che vorrebbe fare nei primi 100 giorni di Governo, il Ministro si è lasciato andare a un roboante: Vorrei che tutti gli operatori del Servizio sanitario nazionale che si sono sacrificati in questi 2 anni possano essere gratificati e poi agire sul Pnrr per trovare le soluzioni adeguate alle fragilità del sistema”.
Infermiere – Manuale per i concorsi e la formazione
FORMATO CARTACEO
L’infermiere Il manuale, giunto alla X edizione, costituisce un completo e indispensabile strumento di preparazione sia ai concorsi pubblici sia all’esercizio della professione di infermiere. Con un taglio teorico-pratico affronta in modo ampio ed esaustivo tutte le problematiche presenti. La prima parte concettuale ricostruisce l’organizzazione del mercato sanitario e affronta gli elementi tipici del processo di professionalizzazione dell’infermiere, a seguito delle novità della Legge Lorenzin n. 3/2018. La stessa parte evidenzia gli aspetti innovativi della professione avendo cura di offrire al lettore un’ampia panoramica sulle teorie del Nursing e l’utilizzo dei nuovi strumenti operativi. Al termine di ogni capitolo, test di verifica e risposte commentate permettono di verificare il grado di preparazione raggiunto e di allenarsi in vista delle prove concorsuali. La seconda parte applicativa prevede l’adozione di casi clinici quale strumento di attuazione della teoria alle procedure tipiche dell’assistenza infermieristica di base, specialistica e pre e post procedure diagnostiche, presentandosi come un validissimo supporto tecnico e metodologico all’esercizio della professione. Il manuale risulta essere uno strumento prezioso sia per lo studente sia per chi già opera nelle strutture sanitarie, in quanto offre al lettore la possibilità di valutare passo a passo le conoscenze acquisite attraverso la risoluzione dei test di verifica presenti alla fine di ogni capitolo e l’analisi motivata delle risposte. Nella sezione online su www.maggiolieditore.it, accessibile seguendo le istruzioni riportate in fondo al volume, saranno disponibili eventuali aggiornamenti normativi.   Cristina FabbriLaurea magistrale in Scienze infermieristiche e ostetriche. Laureata in Sociologia, Professore a contratto di Infermieristica, Università degli Studi di Bologna, corso di Laurea in Infermieristica-Cesena. Dirigente Professioni sanitarie Direzione Infermieristica e Tecnica Azienda USL Romagna, ambito Ravenna.Marilena MontaltiInfermiere, Dottoressa in Scienze infermieristiche e ostetriche. Master II livello in Ricerca clinica ed epidemiologia, prof. a.c. C. di Laurea in infermieristica, Università di Bologna. Responsabile Infermieristico Dipartimento Internistico, Azienda della Romagna Ambito di Rimini. Marilena Montalti, Cristina Fabbri | Maggioli Editore 2020
27.20 €