Minacciarono i no vax sui social, infermiere sospese

Tutto nacque da un post social piuttosto pesante (e sicuramente evitabile) contro i no-vax, pubblicato da un’infermiera dipendente della Asl Toscana nord ovest alla fine del luglio scorso (VEDI).

‘Li bucherei decine di volte’

“Tra poco ce li troveremo in reparto e qualche sassolino dalla scarpa me lo voglio togliere… Sai bucare una decina di volte la solita vena facendo finta di non prenderla?

Ecco e poi mi verrà in mente altro, vedrai che le corse per montare i macchinari la sottoscritta non le farà più” scrisse la sanitaria. Arrivò presto il commento di una sua collega che peggiorò la situazione: “Io non faccio le corse per nessuno. Si arrangiassero pure, mi sono rotta e tanto pure”.

La Asl si dissociò subito

La pubblicazione di tali imbarazzanti pensieri fece imbufalire non poco i dirigenti della Asl e quelli dell’ospedale Versilia che, in un tempestivo comunicato, oltre a dissociarsi dalle dichiarazioni delle due sanitarie, ribadirono come il personale dell’azienda sanitaria in questione “presta cura e assistenza a tutti i cittadini, con professionalità e impegno, senza alcun tipo di distinzione, secondo i principi di universalità, uguaglianza ed equità che ispirano il sistema sanitario regionale e nazionale”.

Provvedimenti arrivati

Altresì, a seguito delle dichiarazioni social in oggetto, la dirigenza evidenziò come si stessero valutando eventuali provvedimenti da assumere nei confronti delle due dipendenti”.

Ebbene, a distanza tre mesi e mezzo tali provvedimenti sono arrivati: secondo quanto riportato da Il Tirreno, l’infermiera che ha scritto il post sarà sospesa dal lavoro senza retribuzione per circa un mese e mezzo mentre la sua collega, quella che ha risposto, non potrà tornare al lavoro per una decina di giorni.

Paziente morta dopo mix di Valium e Talofen, infermiere a processo

Condividi
Infermiere di Emodinamica presso il Policlinico Umberto I di Roma e Redattore per Dimensione Infermiere (Maggioli Editore). Autore della raccolta di racconti "La suocera sul petto e altre storie vere" (Ianieri Edizioni, 2018), del romanzo "Buonanotte madame" (0111 Edizioni, 2014) e coautore del manuale di divulgazione scientifica "Assistenza respiratoria domiciliare - il paziente adulto tracheostomizzato in ventilazione meccanica a lungo termine" (Ed. Universitalia, 2013).

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO