Nota influencer chiamò “Mezza calzetta” infermiera del Cup: deve risarcirla

Scarica PDF Stampa


L’influencer veneta Michela Morellato, nota per le sue battaglie controcorrente e che si descrive come «scrittrice, imprenditrice e opinionista politica», stavolta dovrà affrontare le conseguenze delle sue parole, forse un tantino avventate.


Dopo aver rivolto insulti a un’infermiera dell’ospedale San Bortolo di Vicenza, definendola «mezzacalzetta», «incompetente» e «mela marcia tra gli uffici pubblici» sia al Cup che su Facebook, Morellato è stata condannata a pagare 3.000 euro di risarcimento danni e 2.000 euro di spese legali. La sentenza, pubblicata recentemente dalla Cassazione, rende definitiva la condanna.


Il Tribunale di Vicenza aveva già emesso nei suoi confronti una condanna per indennizzare la parte civile, confermata poi dalla Corte d’Appello di Venezia che ha stabilito la prescrizione per l’accusa di diffamazione aggravata.


Morellato, che da quasi vent’anni si batte per denunciare soprusi, era stata precedentemente bandita (e successivamente riammessa) dalla base Usa di Vicenza per aver scattato delle foto, un gesto che le era costato un’accusa di spionaggio. Nel 2020 aveva accusato Amedeo Goria di molestie sessuali.

AddText 07 01 09.27.59

Scrivi un commento

Accedi per poter inserire un commento