Una poesia per ringraziare il personale del centro trasfusionale

È deceduto nei giorni scorsi il signor Angelo, un paziente della Medicina trasfusionale dell’ospedale di Lucca. E per ringraziare il personale sanitario, che ha seguito con attenzione e amorevolezza il proprio congiunto, la figlia ha fatto avere alla struttura una poesia e una donazione in memoria di suo padre.

Ed ora quei versi, protetti da un quadro, sono affissi lì, nella sala d’attesa dell’ambulatorio del Servizio Trasfusionale e tutti possono leggerli. In essi viene evidenziato come il merito di medici e infermieri sia anche e soprattutto quello di rendere il meno pesante possibile ai pazienti quella che è una “avventura dolorosa”.

Fino in fondo il centro di trasfusione vicino ti è stato

e con amore niente ti ha negato

noi lo vogliamo ringraziare

si legge nella lirica, che si conclude con un vero e proprio appello alla donazione del sangue, un “bene prezioso”:

“Donare il sangue è

una grande missione

che va fatta con passione… 

il sangue che con amore viene donato servirà 

per aiutare una persona a trovare pace e serenità”.

La poesia in memoria del signor Angelo. Fonte: Azienda Usl Toscana Nord Ovest

Il direttore della struttura, Rosaria Bonini, ha così commentato (VEDI) quel dono che con ogni probabilità rimarrà a lungo su quella parete e nei cuori di chi ha assistito/curato il signor Angelo: “Questa toccante testimonianza di gratitudine ha commosso tutto il nostro personale ed è la conferma di come sia importante che tra paziente e operatori sanitari si crei un rapporto di fiducia e di collaborazione.

Angelo era una persona rispettosa e positiva e il suo costante apprezzamento per il nostro lavoro ci ha sempre inorgoglito. Ringrazio i suoi familiari anche per l’appello alla donazione perché, ormai è noto, il sangue non è riproducibile in laboratorio ma è indispensabile alla vita umana.

Effettuare una donazione, di sangue intero oppure dei suoi componenti separati, è molto importante per garantirne una continua disponibilità, con scorte adeguate e di qualsiasi gruppo sanguigno. Donare è, inoltre, semplice e sicuro”.

Il personale del Medicina trasfusionale dell’Ospedale di Lucca. Fonte: Azienda Usl Toscana Nord Ovest

Autore: Alessio Biondino

INAIL: gli infermieri sono i lavoratori che muoiono di più

Condividi
Infermiere di Emodinamica presso il Policlinico Umberto I di Roma e Redattore per Dimensione Infermiere (Maggioli Editore). Autore della raccolta di racconti "La suocera sul petto e altre storie vere" (Ianieri Edizioni, 2018), del romanzo "Buonanotte madame" (0111 Edizioni, 2014) e coautore del manuale di divulgazione scientifica "Assistenza respiratoria domiciliare - il paziente adulto tracheostomizzato in ventilazione meccanica a lungo termine" (Ed. Universitalia, 2013).

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO