Resilienza ed evoluzione: salvare il sistema sanitario grazie agli infermieri

Resilienza ed evoluzione salvare il sistema sanitario grazie agli infermieri
Resilienza ed evoluzione salvare il sistema sanitario grazie agli infermieri

Il mondo è globale, oggi più che mai. Siamo tutti, popoli e persone, intimamente connessi. E i fenomeni virali, purtroppo, non appartengono solo al mondo dei Nuovi media. La pandemia mondiale da cui non siamo ancora fuori ha già dimostrato che in un mondo senza confini, nessun focolaio è totalmente isolato dal resto del mondo.

Ogni nostra azione, in un contesto simile, influenza il sistema in cui operiamo e di conseguenza tutti gli altri. Inoltre, la crisi finanziaria e sanitaria dell’ultimo decennio ha influito negativamente sui conti economici statali e di conseguenza sui sistemi sanitari.

Resilienza ed evoluzione: come salvare il sistema sanitario grazie agli infermieri

A ragione di ciò abbiamo bisogno di introiettare la parola “resilienza” nel nostro vocabolario sanitario. La resilienza è la capacità di adattarsi ai continui cambiamenti che il mondo comporta. Un sistema sanitario efficiente e moderno necessita di personale che abbia queste caratteristiche: gli infermieri e il loro nursing rispondono perfettamente al profilo richiesto.

E il caso di riproporre il documento inascoltato dell’International Council of Nurses: “Gli infermieri offrono un importante contributo per lo sviluppo e il mantenimento della resilienza nei sistemi sanitari. Essi contribuiscono allo sviluppo dei servizi; alla supervisione e crescita degli altri membri del team; lavorano prendendo le parti dei pazienti, coloro che li assistono e le comunità; raccolgono dati e orientano lo sviluppo delle prove di efficacia“.

Professione infermiere: alle soglie del XXI secolo

Professione infermiere: alle soglie del XXI secolo

Caterina Galletti, Loredana Gamberoni, Giuseppe Marmo, Emma Martellotti, 2017, Maggioli Editore

La maggior parte dei libri di storia infermieristica si ferma alla prima metà del ventesimo secolo, trascurando di fatto situazioni, avvenimenti ed episodi accaduti in tempi a noi più vicini; si tratta di una lacuna da colmare perché proprio nel passaggio al nuovo millennio la professione...



Si chiedeva già allora agli infermieri di essere più presenti a livello politico e dirigenziale, indirizzare attraverso la propria vision le politiche delle aziende, dai budget ai bisogni della popolazione.

L’importanza della professione infermieristica a tutti i livelli del sistema sanitario, compresi quelli governativi e politici, è riconosciuta vitale per il rafforzamento dei sistemi sanitari – si legge -. Gli infermieri leader dovrebbero essere presenti a tutti i livelli del sistema sanitario al fine di partecipare alla costruzione di politiche sanitarie che siano basate sui bisogni della popolazione“.

La resilienza è il motore del cambiamento

“Non è la più forte delle specie che sopravvive, né la più intelligente, ma quella più reattiva ai cambiamenti.”

Charles Darwin

Il sistema sanitario, composto dall’energia e dall’impegno di centinaia di migliaia di operatori che si muovono in un’ampia rete di infrastrutture e tecnologie, è un organismo.

Un organismo che deve sopravvivere, che non può più fare a meno del contributo potenziale del nursing, che non può più permettersi il lusso di ignorare le competenze che, l’assistenza infermieristica e gli infermieri, hanno raggiunto dopo tante battaglie e tanto impegno.

E’ arrivato il momento di dimostrare chi siamo e cosa meritiamo di ricevere.

Obiettivo resilienza: la diatriba politica sugli infermieri ai vertici

Per questo troviamo indefinibili le recenti polemiche sul dirigente assistenziale che ha trovato nella diatriba tra medici e infermieri nuovi spunti di divisione.

Ed è per questo troviamo assurdo dover scegliere tra infermieri ai vertici o infermieri alla base ma con competenze avanzate “concesse”.

L’infermiere è consapevole di essere colonna portante del sistema sanitario. La sua competenza assistenziale e manageriale si basa su secoli di risposte a bisogni clinici, assistenziali e organizzativi. L’infermiere risponde alle necessità di tutti e da sempre.

Non potrà passare ancora tempo senza che questo duro allenamento non sfoci in una presa di coscienza collettiva della categoria che lotterà affinché gli venga riconosciuto il posto che gli spetta.

Non speriamo di certo che il processo avvenga senza ulteriori scontri ma, l’inevitabile processo di evoluzione di questo organismo chiamato “sanità” chiede agli infermieri, più di qualsiasi altra figura, di partecipare alla sua necessità di sopravvivenza.

Oggi più che mai, l’infermiere è pronto a rispondere anche a tutto questo, per il bene dei cittadini e di tutto il sistema sanitario nazionale.

Autore: Dario Tobruk (Profilo Linkedin)

Leggi anche:

Infermiere Dirigente: una panoramica sulla dirigenza infermieristica

Condividi
Infermiere di Unità Coronarica e Cardiologia, Master in Tecniche ecocardiografiche (UniCattolica). Web Content Editor medico-scientifico, iscritto al Master in Giornalismo e Comunicazione istituzionale della scienza. Nel 2016, in collaborazione con la casa editrice Maggioli, ha fondato DimensioneInfermiere.it.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO