Sanità Italiana al 4° posto nel mondo ma non è tutto ora ciò che luccica.

Sanità italiana al 4° posto secondo Bloomberg
Sanità italiana al 4° posto secondo Bloomberg

L’agenzia di rating internazionale Bloomberg ha premiato la nostra sanità italiana attestandola al 4° posto nel mondo e seconda in Europa dopo la Spagna. Che dire un Sistema Sanitario Nazionale efficiente quello italiano che pare meriti di essere premiato.

Italia su, Uk e Usa giù

Continua a perdere posizioni il modello americano basato su sistemi sanitari assicurativi, la cui inefficienza è costata, nonostante le misure di welfare introdotte con l’ “Obamacare”, la discesa agli inferi del 54° posto, insieme a Bulgaria, Russia e Azerbaijan.

Nonostante le poderose importazioni di giovani infermieri italiani, il NHS, il corrispettivo inglese del nostro SSN continua a perdere posizioni , piazzandosi al 35° posto.

Non è tutto oro ciò che luccica

Potremmo soffermarci fino a qui e batterci le spalle a vicenda per compiacerci dei risultati della sanità italiana, eppure come i colleghi del Sole24Ore sorge automatica la domanda che spalanca il vaso di Pandora:

Come è possibile che sia migliorata l’efficienza della nostra sanità italiana nonostante i tagli alla spesa, la carenza di personale, l’emergenza territoriale degli anziani, la questione Meridionale?

Perché la suddetta classifica premia le nazioni in base ad un rapporto semplicistico, ovvero correlando l’aspettativa di vita (tra le più alte al mondo) con la spesa sanitaria italiana pro capite (tra le più basse in Europa).

Non dipende solo dalla sanità italiana

Aspettativa di vita che dipende da diversi fattori non analizzati dalla classifica e comunque poco influenzati dall’efficienza della sanità, come l’alimentazione, il supporto sociale e famigliare e persino il profilo genetico di un popolo. Ricordiamo le popolazioni dell’entroterra sardo notoriamente ultracentenarie.

Lo conferma Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe: «La classifica Bloomberg misura esclusivamente l’efficienza dei sistemi sanitari mettendo in relazione l’aspettativa di vita con la spesa pro-capite, sovrastimando la qualità del nostro Ssn, sia perché la longevità dipende soprattutto da altre determinanti della salute, sia perché la riduzione della spesa sanitaria ci ha permesso di scalare la classifica».

Quindi?

Come migliorare l’efficienza reale del nostro sistema sanitario nazionale? Per Cartabellotta non bisogna concentrarsi sulle classifiche ma sui punti di forza e debolezza consegnati all’Italia e agli altri paesi da agenzie internazionali: «bisogna guardare al modello di analisi messo in piedi dall’Ocse, che non elabora classifica ma identifica punti di forza e di debolezza per consentire ai singoli Paesi di impostare azioni di miglioramento».

Per sapere tutto sulla sanità italiana:

Manuale critico di sanità pubblica

Manuale critico di sanità pubblica

Francesco Calamo-Specchia, 2015, Maggioli Editore

Qual è il contesto complessivo in cui si inquadrano i problemi della Sa- nità pubblica? Quali sono questi problemi, e a quali situazioni ritrovabili in quel contesto è possibile collegarli? Come si può agire per risolverli? Quali azioni generali e più...



Per migliorare ci vogliono infermieri

Le politiche sanitarie consigliate per migliorare il nostro SSN sono la valorizzazione e l’adeguamento del personale sanitario, iniziative di prevenzione e riduzione del gap Nord e Sud.

Tutte manovre in cui gli infermieri potrebbero figurare come la chiave di svolta verso un sistema sanitario più efficiente. In base ai consigli dell’Ocse possiamo presupporre che per migliorare il nostro SSN bisogna assumere infermieri, sopratutto al Sud e utilizzare questo capitale umano sul territorio con azioni di assistenza ed educazione ai cittadini. 

Semplice.

Autore: Dario Tobruk

 

Leggi anche:

Il Futuro della Sanità in Italia è in pericolo, mancato turn-over e corruzione le cause.

Condividi
Infermiere di Unità Coronarica presso ASST Garda, frequenta il Master in Tecniche ecocardiografiche presso UniCattolica di Brescia. Tra i molti interessi, ha una certa vocazione per tutto ciò che viene percorso da "corrente elettrica": computer, macchine, internet. Da grande, nel futuro, spera di curare i cyborg.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO