Schillaci: “Stiamo valutando interventi immediati per dare un segnale agli operatori sanitari”

Scarica PDF Stampa

Il neo Ministro della Salute Orazio Schillaci si è lasciato andare a nuove rassicurazioni per gli operatori sanitari (VEDI Adnkronos live): «Stiamo valutando se è possibile fare qualche intervento già subito» in Manovra col fine di «dare dei segnali» agli stanchi operatori sanitari del nostro SSN.

È dal suo insediamento che Schillaci annuncia di voler fare qualcosa di importante per gratificare i lavoratori della sanità (VEDI), che attendono fatti (e non solo chiacchiere) oramai da decenni. Sarà questa la volta buona? Avremo tutti presto di che gioire?

Ci sarà, altresì, un’attenzione particolare per la professione infermieristica che è da sempre schiaffeggiata, ignorata, calpestata, presa per i fondelli, sfruttata, pagata da fame e abbandonata dalla politica? Ovviamente no: «Ribadisco però l’attenzione da parte mia e del ministero della Salute verso tutti gli operatori sanitari.

Siamo arrivati in un momento complesso dopo la pandemia, la guerra in Ucraina, la crisi energetica, però questo Governo ha stanziato per quest’anno 2,15 miliardi in più rispetto a quello preventivato.

C’è l’attenzione verso i problemi del Ssn che però sono annosi e vengono da dieci anni di definanziamento del Ssn, da una programmazione sbagliata nel numero di accessi alle Facoltà di Medicina» sottolinea il Ministro.

Che ad ogni occasione però riparte con le sue solite parabole sui medici, sulla medicina e sul numero chiuso, come se quest’ultimo fosse davvero il male della nostra sanità (in Italia mancano infermieri, non medici: VEDI).

Anche nell’incontro coi rappresentanti di medici e odontoiatri, infermieri, farmacisti, tecnici sanitari, professioni della riabilitazione e della prevenzione, chimici, fisici, veterinari, psicologi, assistenti sociali, ostetriche, biologi (VEDI), Schillaci ha dato piena disponibilità a un confronto col fine di ascoltare e capire le esigenze di chi opera nel Ssn.

«Con la volontà di incentivare chi per il Ssn ha dato e dà tanto, economicamente e non, aumentando motivazione e attrattività grazie anche a una migliore organizzazione del lavoro» si legge sul sito della Federazione Nazionale degli Ordini delle Professioni Infermieristiche.
Infermiere – Manuale per i concorsi e la formazione
FORMATO CARTACEO
L’infermiere Il manuale, giunto alla X edizione, costituisce un completo e indispensabile strumento di preparazione sia ai concorsi pubblici sia all’esercizio della professione di infermiere. Con un taglio teorico-pratico affronta in modo ampio ed esaustivo tutte le problematiche presenti. La prima parte concettuale ricostruisce l’organizzazione del mercato sanitario e affronta gli elementi tipici del processo di professionalizzazione dell’infermiere, a seguito delle novità della Legge Lorenzin n. 3/2018. La stessa parte evidenzia gli aspetti innovativi della professione avendo cura di offrire al lettore un’ampia panoramica sulle teorie del Nursing e l’utilizzo dei nuovi strumenti operativi. Al termine di ogni capitolo, test di verifica e risposte commentate permettono di verificare il grado di preparazione raggiunto e di allenarsi in vista delle prove concorsuali. La seconda parte applicativa prevede l’adozione di casi clinici quale strumento di attuazione della teoria alle procedure tipiche dell’assistenza infermieristica di base, specialistica e pre e post procedure diagnostiche, presentandosi come un validissimo supporto tecnico e metodologico all’esercizio della professione. Il manuale risulta essere uno strumento prezioso sia per lo studente sia per chi già opera nelle strutture sanitarie, in quanto offre al lettore la possibilità di valutare passo a passo le conoscenze acquisite attraverso la risoluzione dei test di verifica presenti alla fine di ogni capitolo e l’analisi motivata delle risposte. Nella sezione online su www.maggiolieditore.it, accessibile seguendo le istruzioni riportate in fondo al volume, saranno disponibili eventuali aggiornamenti normativi.   Cristina FabbriLaurea magistrale in Scienze infermieristiche e ostetriche. Laureata in Sociologia, Professore a contratto di Infermieristica, Università degli Studi di Bologna, corso di Laurea in Infermieristica-Cesena. Dirigente Professioni sanitarie Direzione Infermieristica e Tecnica Azienda USL Romagna, ambito Ravenna.Marilena MontaltiInfermiere, Dottoressa in Scienze infermieristiche e ostetriche. Master II livello in Ricerca clinica ed epidemiologia, prof. a.c. C. di Laurea in infermieristica, Università di Bologna. Responsabile Infermieristico Dipartimento Internistico, Azienda della Romagna Ambito di Rimini. Marilena Montalti, Cristina Fabbri | Maggioli Editore 2020
32.30 €