Soffri di cefalea cronica? Forse hai diritto a una pensione di 287 euro

Scarica PDF Stampa

Con la legge 81/2020, la cefalea cronica è stata riconosciuta come patologia invalidante, rientrante nelle malattie sociali. Di conseguenza, chi ne soffre (in Italia sono circa 8 milioni di persone) può ottenere una percentuale di disabilità e il maturare dei presupposti per la Legge 104, con relativo assegno di invalidità civile di 287 euro al mese.

La diagnosi

Per poter sfociare in una condizione di disabilità riconosciuta, la cefalea cronica deve essere però diagnosticata da uno specialista accreditato per la diagnosi/cura delle cefalee e accertata per almeno un anno, trascorso il quale il professionista potrà attestare la condizione invalidante.

La cefalea cronica è considerata invalidante quando si esprime nelle seguenti forme: emicrania continua, cefalea cronica quotidiana anche senza l’assunzione di analgesici cefalea cronica a grappolo, emicrania cronica frequente, cefalea nevralgiforme unilaterale di durata breve che comporta l’arrossamento e lacrimazione oculare.

La domanda

Per fare domanda è necessario seguire il normale iter dell’invalidità civile: prima bisogna inviare un certificato telematico del proprio medico curante all’Inps dove si attesta la condizione.

Dopodiché si potrà procedere con la presentazione della domanda di invalidità civile all’Inps, dove una commissione medica provvederà a effettuare le opportune valutazioni, stabilendo una percentuale di gravità. A seconda di tale percentuale, si potrà ottenere o meno la pensione di invalidità di 287 euro al mese per 12 mensilità.

Il limite di reddito personale annuo che consente di aver diritto alla prestazione è pari a 4.931,29 euro.

Autore: Alessio Biondino

Prendersi cura di chi cura in famiglia
FORMATO CARTACEO
Il Manuale dei Caregiver familiari “Ti salverò da ogni malinconia, perché sei un essere speciale, ed io avrò cura di te”.Franco Battiato Il presente volume si occupa a tutto tondo del caregiver familiare, per offrire al lettore una specifica e completa caratterizzazione sul piano culturale, sociale, giuridico ed economico di “colui che quotidianamente si prende cura” delle persone care non autosufficienti. Questo significa farlo uscire dalle quinte e parallelamente riconoscerne il ruolo complesso ed articolato, che gli autori intendono agevolare e supportare rispondendo ai suoi diversi bisogni e diritti di conoscenza, informazione e comunicazione. Nel testo vengono pertanto illustrati i benefici di legge già in atto e quelli probabili futuri (tutele previdenziali e sostegno economico). Inoltre, vengono fornite informazioni clinico-assistenziali di base mirate all’acquisizione e allo sviluppo di abilità e comportamenti specifici per la gestione dei problemi legati alla non autonomia. Da ultimo, per rispondere all’esigenza di inclusione ed empowerment, sono stati messi a disposizione i riferimenti di servizi interattivi online, dedicati al contatto, alla condivisione e all’amicizia tra coloro che stanno sperimentando la stessa sofferenza. Il messaggio finale è che senza il caregiver familiare di certo tutto sarebbe più difficile.   Franco PesaresiÈ Direttore dell’Azienda servizi alla persona ASP AMBITO 9 di Jesi (AN). È membro di “Network Non Autosufficienza” (NNA) che realizza annualmente il “Rapporto sulla non autosufficienza in Italia” ed è autore di numerose pubblicazioni fra le quali il volume Quanto costa l’RSA (Maggioli Editore). Blog: https://francopesaresi.blogspot.com/ a cura di Franco Pesaresi | Maggioli Editore 2021
23.75 €