Stop obbligo vaccinale per i sanitari, sì alle mascherine in ospedali e RSA

Scarica PDF Stampa

Da oggi, 1 Novembre 2022, l’obbligo vaccinale contro il Covid non esiste più per medici, infermieri e per gli altri operatori sanitari. Il personale “no vax” o semplicemente dubbioso circa l’immunizzazione forzata contro il Sars-Cov2 sarà quindi gradualmente reintegrato.

Si è fatta anche chiarezza, dopo i dubbi dei giorni scorsi (VEDI), circa l’utilizzo delle mascherine nei luoghi di cura: queste rimarranno obbligatorie nelle strutture ospedaliere e nelle RSA almeno fino al prossimo 31 dicembre.

Ciò è riportato in un unico decreto legge che riunisce i primi provvedimenti decisi dal Consiglio dei Ministri in materia di Covid, riforma della giustizia (rinviata al 30 dicembre) e anche contrasto ai “rave party” (reclusione fino a 6 anni e multe fino a 10.000 euro). 

“È un decreto che per me ha anche valore simbolico ha precisato la presidente Meloni in conferenza stampa, riferendosi soprattutto alla questione ergastolo ostativo, “la cui abolizione era tra le richieste contenute nei ‘papelli’ delle mafie”.

Di sicuro, il progressivo reintegro del personale non vaccinato e addirittura “no vax” sta facendo storcere il naso al mondo scientifico. Cartabellotta (Fondazione Gimbe) definisce queste “sanatorie” per i no vax come “un’amnistia anti-scientifica e diseducativa”.

Giuseppe Remuzzi, direttore dell’Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri e ordinario di Nefrologia all’Università degli Studi di Milano, ha dichiarato che chi è no vax non dovrebbe operare in campo sanitario, perché i vaccini sono il più grande strumento che abbiamo per combattere le malattie”.

Anche Matteo Bassetti, direttore della Clinica di malattie infettive del Policlinico San Martino di Genova, è stato piuttosto duro nei confronti dei sanitari non vaccinati: “Io più che non farli lavorare li manderei a rifare il corso di malattie infettive e immunologia”.

Eppure il neo Ministro della Salute, Orazio Schillaci, non ha dubbi: il reintegro dei sanitari ‘ribelli’ avviene ora “perché il quadro epidemiologico è mutato, in particolare dai dati si vede che impatto su ospedali è limitato e c’è diminuzione contagi e stabilizzazione occupazione ospedali”.

Ma non solo: “A ciò si aggiunge la carenza del personale medico: quindi aver rimesso a lavorare questi medici non vaccinati serve a contrastare la carenza e garantire il diritto alla salute” conclude il Ministro.
FORMATO CARTACEO
Guida al monitoraggio in Area Critica Il monitoraggio è probabilmente l’attività che impegna maggiormente l’infermiere qualunque sia l’area intensiva in cui opera.Non può esistere area critica senza monitoraggio intensivo, che non serve tanto per curare quanto per fornire indicazioni necessarie ad agevolare la decisione assistenziale, clinica e diagnostico-terapeutica, perché rilevando continuamente i dati si possono ridurre rischi o complicanze cliniche.Il monitoraggio intensivo, spesso condotto con strumenti sofisticati, è una guida formidabile per infermieri e medici nella cura dei loro malati. La letteratura conferma infatti che gli eventi avversi, persino il peggiore e infausto, l’arresto cardiocircolatorio, non sono improvvisi ma solitamente vengono preannunciati dal peggioramento dei parametri vitali fin dalle 6-8 ore precedenti.Il monitoraggio è quindi l’attività “salvavita” che permette di fare la differenza nel riconoscere precocemente l’evento avverso e migliorare i risultati finali in termini di morbilità e mortalità.Riconosciuto come fondamentale, in questo contesto, il ruolo dell’infermiere, per precisione, accuratezza, abilità nell’uso della strumentazione, conoscenza e interpretazione dei parametri rilevati, questo volume è rivolto al professionista esperto, che mette alla prova nelle sue conoscenze e aggiorna nel suo lavoro quotidiano, fornendo interessanti spunti di riflessione, ma anche al “novizio”, a cui permette di comprendere e di utilizzare al meglio le modalità di monitoraggio.   A cura di:Gian Domenico Giusti, Infermiere presso Azienda Ospedaliero Universitaria di Perugia in UTI (Unità di Terapia Intensiva). Dottore Magistrale in Scienze Infermieristiche ed Ostetriche. Master I livello in Infermieristica in anestesia e terapia intensiva. Professore a contratto Università degli Studi di Perugia. Autore di numerose pubblicazioni su riviste italiane ed internazionali. Membro del Comitato Direttivo Aniarti.Maria Benetton, Infermiera presso Azienda ULSS 9 di Treviso. Tutor Corso di laurea in Infermieristica e Professore a contratto Università degli Studi di Padova. Direttore della rivista “SCENARIO. Il nursing nella sopravvivenza”. Autore di numerose pubblicazioni su riviste italiane. Membro del Comitato Direttivo Aniarti. a cura di Gian Domenico Giusti e Maria Benetton | Maggioli Editore 2015
14.25 €