Studentessa infermiera violentata da infermiere durante il tirocinio

Redazione 28/10/22
Scarica PDF Stampa
Un infermiere del Policlinico Umberto I di Roma è accusato di essersi macchiato del crimine di violenza sessuale nei confronti di una studentessa tirocinante. Invitata la ragazza con l’inganno, ad entrare in uno sgabuzzino, il 55enne, dipendente in capo al reparto di Urologia del nosocomio, avrebbe abusato di lei nel silenzio della notte.

Grande indignazione per la comunità ospedaliera e universitaria, dove nella giornata di oggi, almeno 200 tra infermieri e studenti hanno promosso un presidio di fronte al Policlinico per manifestare il proprio sdegno per l’accaduto.
La denuncia dello stupro e l’indignazione Aiutatemi, mi hanno violentata in reparto” è il grido d’aiuto dell’aspirante infermiera rivolto al pronto soccorso dello stesso ospedale. Appena dopo lo stupro la ragazza, appena ventenne, ha immediatamente chiesto aiuto ai colleghi. Depositata la denuncia, gli agenti hanno da subito acquisito la cartella clinica. Le indagini secondo alcune fonti giornalistiche verranno chiuse in poco tempo con l’accusa di violenza sessuale per il presunto aggressore, l’infermiere 55enne, incaricato di fargli da tutor.

Gli investigatori e i commissari interni dell’ospedale hanno, la notte stessa del fatto, ispezionato lo stanzino dove, tra le lenzuola e le scope del reparto, è avvenuta l’aggressione, per ricercare tracce di DNA dell’eventuale predatore sessuale e incastrarlo alle sue responsabilità. Se fosse confermato il crimine.

Marta, la ragazza violentata, non sembra aver dubbi e ha indicato agli inquirenti il colpevole nella figura dell’infermiere esperto del reparto dove stava svolgendo il suo tirocinio.
I sospetti Sospeso dal servizio nel reparto di Urologia e denunciato dalla direzione del Policlinico Umberto I, l’infermiere non sembra aver mai avuto un’ottima reputazione tra colleghi: “Quell’uomo non mi è mai piaciuto – è la testimonianza di un collega – si comportava male, da che sappiamo noi è recidivo, aveva già commesso un fatto simile in passato“.

Eppure, nonostante la dubbia moralità dell’infermiere, il sospetto viene spontaneo a tutti: gli è stata affidata una giovane studentessa per formarla in tirocinio.

Le dichiarazioni fatte dai studenti e raccolte dall’inserto romano de Repubblica.it riformulano queste domande: “La nostra collega non è stata tutelata. Siamo di Medicina, operatori sanitari, infermieri. Tutti qui per lei“, dicono i presenti al presidio organizzato.

Tutela nel nostro posto di studio, esigiamo che sia un posto sicuro dove studentesse e studenti possano svolgere i propri studi. È chiaro che è già successo? Non deve più accadere” è la sacrosanta richiesta degli studenti che adesso non si sentono più al sicuro tra i corridoi dove fino a qualche ora prima pensavano solo ad imparare la professione.
Studentessa infermiera violentata da infermiere durante il tirocinio 2 1
La reazione del Policlinico e di OPI Roma Non si fa attendere la reazione dell’Umberto I in una nota licenziata appena in giornata: “Quanto accaduto è gravissimo ed intollerabile perché oltre ad aver colpito in modo ignobile una giovane donna in servizio perché tirocinante della sua futura professione, colpisce e diffama un’intera categoria di operatori. Lavoratori della sanità che quotidianamente all’interno dei reparti del nostro ospedale si impegnano per la cura delle persone e non per atti di violenza contro le donne“. Sempre secondo la nota, l’ospedale affiancherà la ragazza durante il suo percorso giudiziario e si presenterà, a sostegno della giovane, anche come parte lesa.

Anche il Presidente dell’OPI di Roma, Maurizio Zenga, manifesta solidarietà alla “studentessa del corso di laurea in Infermieristica, vittima di uno stupro di cui sarebbe responsabile un infermiere dello stesso ospedale.“, continua Zenga, che si associa all’indignazione e promette provvedimenti in caso di conferma del reato: “La nostra sgomenta e piena solidarietà alla vittima. L’Ordine rileva che episodi come questo non sono solo violazioni gravissime del diritto, ma anche un vero insulto ai valori propri e specifici della Professione, e alla sua deontologia professionale: siamo pronti a prendere tutti i provvedimenti del caso per quanto di nostra competenza”.

L’Ordine provinciale è in attesa di maggiori delucidazioni da parte degli inquirenti, ma valuta da subito di costituirsi parte civile a fianco della studentessa e conclude nelle parole del presidente: “Certo è particolarmente atroce pensare che possa essere accaduto mentre la vittima era impegnata nel suo percorso di futura infermiera e chi avrebbe dovuto formarla con la propria esperienza abbia abusato di lei. Tutta la nostra comunità professionale ne è dolorosamente scossa e colpita”.
Infermiere – Manuale per i concorsi e la formazione
FORMATO CARTACEO
L’infermiere Il manuale, giunto alla X edizione, costituisce un completo e indispensabile strumento di preparazione sia ai concorsi pubblici sia all’esercizio della professione di infermiere. Con un taglio teorico-pratico affronta in modo ampio ed esaustivo tutte le problematiche presenti. La prima parte concettuale ricostruisce l’organizzazione del mercato sanitario e affronta gli elementi tipici del processo di professionalizzazione dell’infermiere, a seguito delle novità della Legge Lorenzin n. 3/2018. La stessa parte evidenzia gli aspetti innovativi della professione avendo cura di offrire al lettore un’ampia panoramica sulle teorie del Nursing e l’utilizzo dei nuovi strumenti operativi. Al termine di ogni capitolo, test di verifica e risposte commentate permettono di verificare il grado di preparazione raggiunto e di allenarsi in vista delle prove concorsuali. La seconda parte applicativa prevede l’adozione di casi clinici quale strumento di attuazione della teoria alle procedure tipiche dell’assistenza infermieristica di base, specialistica e pre e post procedure diagnostiche, presentandosi come un validissimo supporto tecnico e metodologico all’esercizio della professione. Il manuale risulta essere uno strumento prezioso sia per lo studente sia per chi già opera nelle strutture sanitarie, in quanto offre al lettore la possibilità di valutare passo a passo le conoscenze acquisite attraverso la risoluzione dei test di verifica presenti alla fine di ogni capitolo e l’analisi motivata delle risposte. Nella sezione online su www.maggiolieditore.it, accessibile seguendo le istruzioni riportate in fondo al volume, saranno disponibili eventuali aggiornamenti normativi.   Cristina FabbriLaurea magistrale in Scienze infermieristiche e ostetriche. Laureata in Sociologia, Professore a contratto di Infermieristica, Università degli Studi di Bologna, corso di Laurea in Infermieristica-Cesena. Dirigente Professioni sanitarie Direzione Infermieristica e Tecnica Azienda USL Romagna, ambito Ravenna.Marilena MontaltiInfermiere, Dottoressa in Scienze infermieristiche e ostetriche. Master II livello in Ricerca clinica ed epidemiologia, prof. a.c. C. di Laurea in infermieristica, Università di Bologna. Responsabile Infermieristico Dipartimento Internistico, Azienda della Romagna Ambito di Rimini. Marilena Montalti, Cristina Fabbri | Maggioli Editore 2020
32.30 €
Redazione