“Super OSS bloccati? Il personale non c’è, la situazione è drammatica”

Dopo il Tar (VEDI), anche il Consiglio di Stato ha bloccato la scellerata proposta della Regione Veneto per far fronte alla gravissima carenza di personale infermieristico: creare dei ‘Super OSS’, ovvero degli Operatori Socio Sanitari con formazione complementare, teoricamente da affiancare agli infermieri.

Pseudo infermieri a basso prezzo

Già, ‘teoricamente’. Perché sappiamo tutti benissimo come sarebbe andata a finire: le aziende avrebbero riversato nelle corsie un mare di operatori a basso prezzo, utilizzandoli de facto come infermieri (e quindi abusanti la professione infermieristica); in nome di un’urgenza che, tra l’altro, è cronica da tempo immemore.

Lanzarin: “I super OSS erano la soluzione”

Amareggiata per questa seconda sonora sconfitta, l’assessore alla sanità veneta Manuela Lanzarin ha rilasciato queste dichiarazioni a Il Giornale di Vicenza: “Ho dato mandato alla mia struttura di analizzare la sentenza per avere un quadro giuridico.

Mi sembra, però, che nessuno stia capendo la gravità della situazione: l’assistenza sul territorio è a livelli critici. La situazione è drammatica. Noi avevamo proposto quel percorso formativo – corretto, trasparente e rispettoso della gerarchia nei confronti della figura dell’infermiere – per dare una risposta alla carenza di personale che è gravissima. Non è passato il messaggio di urgenza in cui ci troviamo”.

E ancora: “Il personale non c’è. Di qui la richiesta di un confronto con il Ministero della Salute perché, forse, non hanno la consapevolezza della situazione drammatica”.

Pd: “Ora basta con le soluzioni creative”

Anche il Pd che, insieme all’Opi veneto e alla Fnopi, aveva aspramente criticato la delibera della Regione, esulta dopo il Consiglio di Stato: “Finalmente è stata messa la parola fine alla delibera di sui ‘Super Oss’.

Ora si accantonino le soluzioni creative per risolvere il problema della carenza di personale, aumentando i corsi per Oss, gratuiti, e i posti per i corsi da infermiere. Non si può sopperire ad anni di programmazione sbagliata con proposte inadeguate che rischiano di peggiorare la situazione” ha dichiarato Anna Maria Bigon, consigliere regionale dem.

Autore: Alessio Biondino

‘Super OSS’ del Veneto, delibera sospesa dal Tar

Condividi
Infermiere di Emodinamica presso il Policlinico Umberto I di Roma e Redattore per Dimensione Infermiere (Maggioli Editore). Autore della raccolta di racconti "La suocera sul petto e altre storie vere" (Ianieri Edizioni, 2018), del romanzo "Buonanotte madame" (0111 Edizioni, 2014) e coautore del manuale di divulgazione scientifica "Assistenza respiratoria domiciliare - il paziente adulto tracheostomizzato in ventilazione meccanica a lungo termine" (Ed. Universitalia, 2013).

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO