Arezzo, infermiera ‘detective’ sventa furto

Aveva in mano un portafogli da donna e si aggirava con fare sospetto all’interno dello spogliatoio riservato al personale del distretto socio-sanitario di Montevarchi. È per questo motivo che lo scorso martedì un’infermiera, notando lo sconosciuto e spaventandosi, ha subito capito la situazione.

Denuncia provvidenziale

Sentendosi scoperto, il soggetto è subito fuggito dai locali della Asl facendo perdere le proprie tracce e abbandonando la refurtiva, ma… L’allarme dato dall’operatrice sanitaria, che ha avvisato tempestivamente i Carabinieri, è stato fondamentale: le pattuglie della Stazione di Montevarchi, grazie alla descrizione dettagliata fornita dalla donna  e alle immagini riprese dal circuito di videosorveglianza, hanno presto individuato il malvivente.

Il ladro aveva perso tutto

Trattasi di un pregiudicato di origini campane che da tempo vive in Valdarno, rintracciato dalla forze dell’ordine nel giro di qualche ora presso la stazione della cittadina. Il ladro non era più in possesso del corpo del reato (il portafogli) e non aveva fatto in tempo nemmeno ad appropriarsi né dei contanti riposti al suo interno.

Tentato furto aggravato

I militari, però, lo hanno comunque identificato e hanno constatato che aveva ancora indosso gli indumenti compatibili con quelli indossati dal malvivente che aveva tentato il colpo al distretto socio-sanitario. Per questo motivo, come riportato da QuiNewsArezzo (VEDI) il soggetto è stato denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Arezzo per tentato furto aggravato.

Autore: Alessio Biondino

Infermiere minacciato: “Fingi di farmi il vaccino e dammi il certificato”

Condividi
Infermiere di Emodinamica presso il Policlinico Umberto I di Roma e Redattore per Dimensione Infermiere (Maggioli Editore). Autore della raccolta di racconti "La suocera sul petto e altre storie vere" (Ianieri Edizioni, 2018), del romanzo "Buonanotte madame" (0111 Edizioni, 2014) e coautore del manuale di divulgazione scientifica "Assistenza respiratoria domiciliare - il paziente adulto tracheostomizzato in ventilazione meccanica a lungo termine" (Ed. Universitalia, 2013).

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO