Delibera sul Super OSS annullata, battaglie legali all’orizzonte?

Scarica PDF Stampa

È di pochi giorni fa la notizia dell’annullamento, da parte del Tar, della scellerata delibera sui ‘Super OSS’ del Veneto (VEDI), che praticamente voleva produrre un cospicuo numero di ‘pseudo infermieri’ a basso prezzo.

Eppure, nonostante il chiaro abuso della professione infermieristica (art. 348 c.p.) e a una evidente non uniformità all’accordo Stato-Regioni del 16 gennaio 2003, l’Assessore Lanzarin ha difeso tenacemente la delibera da lei fortemente voluta e ha minacciato battaglia legale.

Lanzarin: “Ci rivolgeremo al Consiglio di Stato”

Queste le sue parole: “Le ordinanze non indicano in nessun modo né le ragioni di illegittimità del provvedimento né tantomeno il danno che deriverebbe a carico degli infermieri da un mero intervento di formazione complementare qual è quello previsto dalla delibera impugnata.

Non é stato in alcun modo considerato lo stato di emergenza che in tema di personale affligge le case di riposo e che é stato fatto presente in udienza dalla Regione, anche evidenziando come alcune strutture devono per questo motivo trasferire alcuni ospiti in ospedale.

Per questa emergenza la Regione ha insistito per l’avvio della formazione facendo presente che in ogni momento c’è lo spazio per il confronto con tutte le rappresentanze per arricchire il percorso e condividere le soluzioni.

Questa sospensiva ci blocca finché non conosceremo il merito della decisione: una situazione che rischia di mandare a monte la nostra programmazione. A questo punto non resta che rivolgersi al Consiglio di Stato”.

De Palma (Nursing Up): “Al peggio non c’è mai fine”

In un nuovo comunicato, il presidente nazionale del sindacato di categoria Nursing Up si è espresso sulla questione: “Al peggio non c’è mai fine, è davvero il caso di dirlo” ha dichiarato De Palma.

Che ha continuato: “E come è accaduto di recente, nel nostro schizofrenico sistema sanitario, dove 21 Regioni mettono inopinatamente in atto, 21 modus operandi diametralmente opposti tra loro, ad una buona notizia ne segue un’altra poco edificante.

Prendiamo atto, con grande rammarico, che determinati esponenti della pubblica amministrazione perseverano nei loro atteggiamenti di incomprensibile indifferenza e chiusura.

“Palese incoerenza e criticità della Delibera”

Tutto questo forse solo per non ammettere di aver sbagliato!

Avevamo appena avuto il tempo di gioire per la sentenza del Tar Veneto che, subito dopo quella del Consiglio di Stato, sulla medesima lunghezza d’onda, ha ritenuto di bloccare la ormai fin troppo celebre Delibera 305 del 16 marzo 2021, quella con cui la Regione del Governatore Zaia pretendeva, indebitamente, con un mero corso di formazione on line e poco più, di sostituire gli infermieri nella maggior parte delle loro tipiche funzioni, utilizzando per far questo, udite udite, operatori socio sanitari.

Sin dal primo momento in cui è stato approvato questo Decreto abbiamo urlato ai quattro venti il nostro dissenso, manifestando la palese incoerenza e criticità della Delibera, dal momento che nessun operatore socio sanitario possiede le conoscenze e l’esperienza per  assumere, anche solo in parte, la responsabilità di funzioni tipiche dei laureati in infermieristica.

Nemmeno il tempo di prendere atto della sentenza del Tar, che leggiamo le dichiarazioni dell’assessore Manuela Lanzarin, che continua a difendere a spada tratta la Delibera da lei fortemente voluta e promette addirittura battaglia legale.

“Un Super OSS con funzioni speciali”

L’assessore, lo apprendiamo in queste ore, annuncia niente di meno l’intenzione di volersi nuovamente rivolgere alla giustizia per difendere un progetto che, a suo modo di vedere, avrebbe risolto in gran parte l’annosa problematica della carenza cronica di personale.

Apprendiamo che la Lanzarin non solo difende la Delibera in questione, ma nella sostanza, sostiene di aver fatto bene ad aver pensato di istituire un corso per formare ‘Super Oss’ con funzioni speciali, tanto speciali da poter pensare che potessero sopperire alla carenza infermieristica.

“Sbagliare è umano, perseverare è diabolico”

Non posso credere a ciò che leggo. Sbagliare è umano, perseverare è addirittura diabolico. La Lanzarin sostiene che in alcun modo la figura degli infermieri sarebbe risultata danneggiata dal provvedimento, come invece noi sindacato di categoria e gli ordini professionali abbiamo sin dal primo momento sottolineato con forza.

La Lanzarin continua a difendere un progetto assurdo, che a nostro parere non porterebbe a nulla di buono e che delegittima di fatto gli infermieri.

Siamo di fronte ancora una volta al ridicolo e pericoloso tentativo di voler mettere toppe a buchi di per sé già profondi, non facendo altro che peggiorare la situazione, con il rischio di trasformarli in vere e proprie voragini.

Via il vincolo di esclusività!

In definitiva, stante la carenza cronica di infermieri nella quale rischiamo di affogare ogni giorno come in un mare in tempesta, a questo punto sarebbe molto meglio, invece di inventarci progetti ‘singolari’ come questo, di attivare da subito la libera professione per gli infermieri dipendenti, che così potrebbero sostenere immediatamente le strutture private che sono in sofferenza.

Potrebbero farlo dopo aver svolto il loro regolare servizio presso gli ospedali pubblici, come da tempo è possibile fare per i medici, garantendo in tal modo sia le esigenze delle strutture pubbliche che, beninteso al di fuori del loro orario ordinario, anche dei quelle private.

Per come la vediamo noi, questa è l’unica strada percorribile per sopperire concretamente all’emorragia di personale che interessa la Regione, alla quale deve comunque aggiungersi un coerente, continuativo e capillare piano di assunzioni, necessario se  si vuole affrontare in modo sereno il prossimo futuro”.

Autore: Alessio Biondino

“Se gli infermieri fuggono dalle case di riposo un motivo ci sarà”

Tag