Gli infermieri hanno detto no al primario di Brescia accusato di omicidio

Gli infermieri hanno detto no al primario di Brescia accusato di omicidio
Gli infermieri hanno detto no al primario di Brescia accusato di omicidio

Due infermieri hanno detto no al medico di Brescia accusato di aver somministrato farmaci letali per due pazienti e poi lo hanno denunciato. Questo è quello che emerge dalle ricostruzioni dell’accusa. Il giudice di Brescia, che ha firmato l’arresto per il primario del pronto soccorso, scrive “proprio la conoscenza e il meccanismo di azione e delle condizioni di impiego del Midarine” un bloccante neuromuscolare ad azione depolarizzante di breve durata, usato in anestesia come miorilassante, che se non seguito da una rapida intubazione orotracheale può portare ad arresto respiratorio e morte del pazienteavevano letteralmente sconvolto l’infermiere tanto da indurlo a rifiutare di darvi corso – come scritto negli esposti del 23 aprile e del primo maggio – e analoga condotta era tenuta pure da un altro infermiere, verosimilmente la notte tra il 22 e il 23 marzo”.

Gli infermieri hanno detto no

Nel racconto dell’infermiere, il medico accusato di omicidio lo avrebbe intimato di somministrargli quel farmaco, ma l’infermiere ben sapeva che “paralizzava i muscoli respiratori e gli altri muscoli scheletrici, senza effetti sullo stato di coscienza, la cui dispensazione avrebbe provocato la morte per soffocamento, in assenza di intubazione”,

Intubazione esclusa nel paziente per le condizioni troppo critiche. Ricordiamo che i fatti avvennero durante la prima ondata Covid, dove i posti in terapia intensiva erano selezionati solo per determinati casi. Del resto come commenta il magistrato, “come risulta dalle dichiarazioni dei sanitari in servizio nell’unità di emergenza, durante la prima ondata della pandemia la tragica scarsità delle risorse a disposizione – in termini di posti letto, macchinari per la rianimazione, caschi, maschere e bombole a ossigeno – imponevano drammaticamente di ‘centellinare’ anche e soprattutto le procedure di rianimazione”.

La denuncia dell’infermiere

Dopo la morte del paziente, alla mattina del 23 marzo, uno dei due infermieri scatta una foto che consegnerà alle indagini: una foto delle due fiale di Midarine nel cestino dei rifiuti speciali.

In seguito si confronta con il collega: “Volevo chiederti se a te Mosca ha mai chiesto di fare del Midarin ai pazienti che stanno morendo in Pronto Soccorso”. “Scusami, ma qua non so cosa pensare perché ad alcuni è sembrata normale questa cosa tanto che me lo hanno raccontato. Comunque me l’aveva chiesto al telefono quando avevamo fatto la notte insieme”. Nelle note del giudice, dalla chat risalta “il tono di sincero sconcerto, incredulità, sdegno, frammisti a preoccupazione per le possibili conseguenze di una denuncia dell’accaduto”.

Fonte: Agi.it

Per approfondire:

La responsabilità dell'infermiere e le sue competenze

La responsabilità dell'infermiere e le sue competenze

Bugnoli Stefano, 2014, Maggioli Editore

Dal 2011 è aperto, pur con mille contraddizioni, un tavolo congiunto tra Ministero e Regioni con l'obiettivo dichiarato di individuare nuove competenze e responsabilità per l'infermiere nell'area specialistica, così da avere a breve un nuovo importante elemento innovativo nella...



Condividi

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO