Esame Citologico Espettorato: cellule neoplastiche, siderociti e asbesto

Esame Citologico Espettorato cellule neoplastiche, siderociti e asbesto
Esame Citologico Espettorato cellule neoplastiche, siderociti e asbesto

In questo articolo spiegheremo a cosa serve, cosa è l’esame citologico dell’espettorato e come si esegue la procedura corretta per raccoglierlo.


Vuoi essere sempre aggiornato con i nostri migliori contenuti? 
Iscriviti alla nostra Newsletter! Tranquillo, niente spam!

Anche noi odiamo la pubblicità invasiva: ogni settimana i migliori contenuti e articoli scientifici che abbiamo scritto per voi. In più tanti contenuti esclusivi che stiamo preparando per gli abbonati alla newsletter come interviste, podcast, estratti gratuiti dai libri, ecc…

Iscrizione newsletter


A cosa serve l’esame citologico dell’espettorato?

L’esame citologico dell’espettorato è un esame di laboratorio che studia la natura delle cellule che vengono veicolate e trasportate dal muco denso chiamato catarro, escreato o espettorato, e che rappresentano i tessuti cellulari delle vie respiratorie.

In particolare, al sospetto clinico, possono essere ricercate cellule neoplastiche, segni di asbestosi, una malattia polmonare cronica conseguente all’inalazione di fibre di amianto (o asbesto) o la ricerca di siderociti, macrofagi che inglobano ferro (Fe), segno tipico di possibile siderosi, una malattia polmonare dovuta a continua inalazione di metalli pesanti tipici dei minatori nelle miniere di ferro, negli operai delle acciaierie e nei saldatori. Un test positivo giustifica sicuramente una serie di esami più approfonditi come un’ecografia o una TAC.

Come raccogliere il campione per un esame citologico dell’espettorato

L’espettorato va raccolto all’interno di un contenitore a bocca larga, sterile, pre-riempito di un conservante o fissativo che non deve essere assolutamente gettato a meno di invalidare l’esame. Il contenitore va aperto solo al momento della raccolta delle urine. Il liquido al suo interno è infiammabile, maneggiare con cura.

Per una corretta identificazione del paziente, è necessario consegnare i contenitori con nome, cognome e dati sensibili del paziente.

È preferibile che il campione venga consegnato il mattino stesso in cui viene raccolto, se ciò non fosse possibile è possibile conservarlo in frigorifero per 24h, al massimo

L’esame standard si basa sulla raccolta di uno o più campioni, generalmente tre: in questo caso, ogni campione va raccolto una volta al giorno, per i tre giorni, in un contenitore diverso. Il paziente dovrà essere educato alla corretta procedura di raccolta dell’espettorato. La procedura per l’esame citologico dell’espettorato è semplice ma un possibile errore può compromettere tutto il test:

  1. se la tosse non fosse produttiva, il catarro è scarso, chiedere al medico di base la prescrizione, nei due giorni precedenti, di mucolitici;
  2. la mattina appena svegli, eseguire gargarismi e igiene orale esclusivamente con acqua, escludere collutori e dentifricio;
  3. aprire il contenitore senza toccare i bordi del tappo o del contenitore per evitarne la contaminazione;
  4. provocare l’espulsione di espettorato con colpi di tosse all’interno del contenitore;
  5. chiudere il contenitore; se necessario scrivere il numero progressivo di raccolta (esempio 1 per il primo giorno, 2 per il secondo, ecc…), e i dati del paziente sul contenitore;
  6. consegnare entro poche ore al laboratorio o all’infermiere, se impossibilitati conservare il campione in un luogo fresco, a temperatura ambiente e lontano da fonti di luce;
  7. ripetere ogni giorno la stessa procedura per il numero di prescrizioni (un campione, tre campioni, ecc…);
  8. se presente, compilare la scheda anamnestica al momento della consegna o al proprio domicilio e allegarla ai campioni;
L\'infermiere

L\'infermiere

Marilena Montalti, Cristina Fabbri, 2020, Maggioli Editore

Il manuale, giunto alla X edizione, costituisce un completo e indispensabile strumento di preparazione sia ai concorsi pubblici sia all’esercizio della professione di infermiere. Con un taglio teorico-pratico affronta in modo ampio ed esaustivo tutte le problematiche presenti. La prima...



L’esecuzione corretta della procedura di raccolta dell’espettorato è fondamentale per avere un campione valido. La procedura è molto semplice ma va eseguita nei dettagli per non inficiare l’esame ed essere costretti, con ulteriori costi personali in termini di tempo e soldi, a ripeterlo più volte.

Autore: Dario Tobruk (Profilo Linkedin)

Leggi anche:

Esame Citologico Urinario e procedura di raccolta delle urine

Condividi
Infermiere di Unità Coronarica e Cardiologia, Master in Tecniche ecocardiografiche (UniCattolica). Web Content Editor medico-scientifico, iscritto al Master in Giornalismo e Comunicazione istituzionale della scienza. Nel 2016, in collaborazione con la casa editrice Maggioli, ha fondato DimensioneInfermiere.it.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO