10 cose che gli europei pensano della gestione Covid da parte dell’Europa

Cosa ne pensano i cittadini europei della gestione Covid-19 da parte dell'Europa_
Cosa ne pensano i cittadini europei della gestione Covid-19 da parte dell'Europa_

L’Europa vuole sapere cosa ne pensano i suoi cittadini e commissiona periodicamente dei sondaggi per rilevare il polso della situazione riguardo ai temi di un argomento caro al popolo europeo. Uno dei più sentiti è ancora il Covid-19, la pandemia e le ripercussioni sociali ed economiche sugli stati e la vita delle persone.

Vedi anche la gallery:

 

Cosa ne pensano i cittadini europei della gestione Covid-19 da parte dell’Europa?

L’Eurobarometro fornisce i dati rilevanti sull’opinione pubblica su argomenti chiave all’ordine del giorno. Per la prima sessione plenaria del 2021, sono disponibili i dati rilevanti dell’indagine di Gennaio.

#1 Necessarie maggiori competenze

Secondo il terzo sondaggio speciale del PE sugli atteggiamenti e le opinioni dei cittadini europei nel corso della pandemia COVID-19, il 38% degli intervistati è a favore dell’UE, ma non nel modo in cui è stato realizzato fino ad ora. In totale, circa sei intervistati su dieci si dichiarano a favore dell’UE. Due terzi degli intervistati concordano sul fatto che “l’UE dovrebbe avere maggiori competenze per affrontare crisi come la pandemia di Coronavirus”.

#2 Strategia sulle vaccinazioni

I cittadini desiderano che in tutti gli Stati membri dell’UE vi sia una strategia globale sulle vaccinazioni COVID-19 e che queste siano disponibili e sufficienti come massima priorità dell’UE nella lotta contro il Coronavirus.

#3 Crisi sociale e occupazionale nella pandemia

Più di un terzo degli intervistati all’ultima indagine del PE in tempi di COVID-19 afferma che la pandemia ha già avuto un impatto sul proprio reddito personale . Un quinto degli intervistati afferma di aver subito disoccupazione o disoccupazione parziale dall’inizio della pandemia.

#4 Le donne nella pandemia

Le donne sembrano aver pagato più conseguenze in termine di perdita di reddito, difficoltà a pagare bollette e prestiti bancari. Lo stato emotivo delle donne è anche influenzato in modo più negativo rispetto agli uomini con più donne che riferiscono sentimenti di incertezza, impotenza e paura.

Outcome  infermieristici: documentare e fare ricerca

Outcome infermieristici: documentare e fare ricerca

Giorgio Magon - Alessandra Milani, 2015, Maggioli Editore

Documentare correttamente in sanità è fondamentale per l’assistenza clinica multidisciplinare, la ricerca scientifica traslazionale e la gestione manageriale, le tre componenti base dell’efficienza di un ospedale moderno. Questo volume, che tratta la documentazione del...



#5 Qualità del lavoro

Un recente sondaggio Ipsos in 28 paesi rivela che la maggior parte degli adulti occupati riferisce di aver subito notevoli interruzioni legate al lavoro con un impatto negativo sul loro benessere durante la crisi della corona. Il 44% degli intervistati riferisce di lavorare in orari non convenzionali, come la mattina molto presto o la sera tardi.

#6 Politica estera

Due terzi degli europei (66%) sono a favore di una politica estera comune dei 27 Stati membri dell’UE. Inoltre, quasi tre quarti dei cittadini dell’UE (75%) sono favorevoli a una politica di difesa e sicurezza comune tra gli Stati membri dell’UE.

#7 Priorità alla salute

La salute pubblica è la massima priorità di spesa per gli intervistati in 18 paesi.

#8 Soluzione alla crisi

I cittadini continuano a vedere l’UE come parte della soluzione a questa crisi : due terzi degli intervistati (66%) concordano sul fatto che l’UE dovrebbe avere maggiori competenze per affrontare crisi come la pandemia di Coronavirus. Solo un quarto (25%) non è d’accordo con questa affermazione.

#9 Più soldi

La maggioranza assoluta degli europei continua a chiedere un budget dell’UE più ampio per combattere COVID-19: il 54% degli europei ritiene che l’UE dovrebbe avere maggiori mezzi finanziari per poter superare le conseguenze della pandemia di Coronavirus.

#10 Ordine di priorità degli altri interventi

Più della metà degli intervistati (54%) afferma che la salute pubblica dovrebbe essere una priorità di spesa per il bilancio dell’UE, seguita dalla ripresa economica e nuove opportunità per le imprese (42%), dai cambiamenti climatici e dalla protezione ambientale (37%) e dall’occupazione e affari (35%).

Leggi anche:

Quando finirà la pandemia Covid? Gli scenari possibili e alcune previsioni

 

Condividi

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO