FNOPI: ‘Vanno assunti gli infermieri precari in prima linea contro il Covid’

Scarica PDF Stampa

Sono stati reclutati con contratti a tempo, in piena pandemia, per far fronte alla dura battaglia contro il Coronavirus. Ma ora, dopo i tanti ‘grazie’ ricevuti nel fantomatico periodo degli ‘eroi’, rischiano di ricevere un ingiusto ‘arrivederci e grazie’.

Contratti flessibili

Trattasi degli infermieri che sono stati assunti con contratti flessibili negli ultimi due anni, ma che ora rischiano di non vedere concretizzarsi il tanto sperato rinnovo contrattuale; e ciò nonostante la carenza di infermieri che sta letteralmente massacrando il nostro SSN (e non solo).

FNOPI in linea con FIASO

La Federazione nazionale degli ordini degli infermieri (Fnopi), attraverso la presidente Barbara Mangiacavalli, si è espressa chiaramente in favore della proposta fatta al Governo dalla Fiaso (Federazione delle aziende sanitarie e ospedaliere): stabilizzare, prima che scadano i termini della loro chiamata in servizio per l’emergenza Covid, i professionisti in oggetto.

‘Assumere i precari’

“Gli infermieri chiamati in servizio in prima linea contro la pandemia e per dare supporto anche ai malati non Covid sono decine di migliaia e ha ragione Fiaso quando sottolinea la necessita’ di assumere chi è stato reclutato come precario e ora rischia di non poter più lavorare con il Ssn, pur avendo dimostrato su campo la sua essenzialità nell’assistenza, anche a rischio della propria salute: gli infermieri sono i più colpiti da Covid con quasi 118mila contagi da inizio pandemia e decine e decine di decessi” afferma la presidente Mangiacavalli.

‘Quasi 35.000 infermieri’

Che conclude: “Nella lettera di Fiaso, si indica che oltre agli altri professionisti tra i precari ci sono quasi 35mila infermieri. Un numero elevatissimo se solo si pensa che fino al 2019 ce ne erano già circa 15mila, il 33% di tutti quelli censiti dalla Ragioneria generale dello Stato e il più alto numero in assoluto nel pubblico impiego.

Eppure la carenza di infermieri si è fatta e si fa sentire e le stesse Regioni cercano i nostri professionisti per assistere non solo negli ospedali, ma soprattutto sul territorio, in quella domiciliarità e prossimità che sono le caratteristiche portanti per la sanità anche del Pnrr e che dovrebbero essere il modello di assistenza di domani, oggi però quasi del tutto assenti.

Domiciliarità e prossimità che sono caratteristiche proprie della professione infermieristica. Daremo quindi tutto il nostro supporto all’iniziativa di Fiaso”.

Autore: Alessio Biondino

Stiamo per importare infermieri da Cuba?

Tag