Infermieri demansionati, respinto in Appello il ricorso dell’Azienda: vanno risarciti

Scarica PDF Stampa


È successo ancora una volta: la giurisprudenza ha confermato che l’infermiere, professionista laureato, proprio non può essere obbligato a svilirsi professionalmente espletando compiti e mansioni non in linea con la sua figura a causa della cronica, studiata e istituzionalizzata carenza di personale OSS.


Stavolta è stato il turno della Corte di Appello di Messina, che ha rigettato i ricorsi presentati dall’Azienda Ospedaliera Papardo contro le numerose sentenze riguardo il personale infermieristico, stanco di essere utilizzato come factotum di reparto e di svolgere mansioni domestico-alberghiere.


A comunicarlo è stata la Uil, in una nota stampa a firma del segretario generale Livio Andronico e del segretario organizzativo Maurizio Celona: «Queste straordinarie sentenze oltre a valorizzare sempre di più la professionalità dell’Infermiere, condanna ancora una volta l’azienda Ospedaliera Papardo, a risarcire il personale infermieristico ricorrente, per il danno alla professione per anni subito.


Questa è una vittoria storica, che rende giustizia al personale Infermieristico, che per tantissimo tempo è stato costretto a causa di mancanza in organico del personale OSS, a svolgere attività tecnico alberghiere, riconosciute demansionanti anche dalla Corte D’appello di Messina.


La Uil-Fpl, a seguito di tale sentenza, invita il personale Infermieristico di tutte le aziende sanitarie di Messina, che a oggi, non hanno mai presentato ricorso, ad avvalersi della Uil-Fpl, attraverso i rappresentanti sindacali aziendali, per avviare le procedure giudiziarie assistiti gratuitamente dall’avvocato Oreste Puglisi, legale della UILFPL di Messina».

AddText 03 14 10.29.10

Alessio Biondino

Scrivi un commento

Accedi per poter inserire un commento