La storia di Beth: da bambina psicopatica a infermiera di successo

Dario Tobruk 01/06/22
Scarica PDF Stampa
La storia di Beth da bambina psicopatica a infermiera di successo 696x402 1
La storia di Beth da bambina psicopatica a infermiera di successo
Negli anni 80′ il caso di Beth Thomas, ritenuti da tutti come la “bimba psicopatica”, richiamò l’attenzione dei media a livello mondiale. Nella realtà, come si scopri con il tempo, la povera bambina fu vittima di traumi e abusi e ciò gli procurò dei disturbi mentali che gli valsero quell’appellativo tanto offensivo e la curiosità malsana del pubblico. Ma grazie al duro lavoro di un team di psicologi la bambina, oggi infermiera di successo, è riuscita a ritagliarsi un lieto fine da questa triste storia.

La bambina psicopatica che voleva accoltellare i genitori adottivi

È pacifico che la nostra prima parte dell’infanzia ci segnerà a vita, a ragione di ciò è fondamentale che almeno nelle prime fasi della vita, questo periodo sia il più emotivamente sano in famiglia. Quando questo non accade, i risultati sono spesso tragici. La madre di Beth Thomas perse la vita quando lei aveva appena un anno e l’affidamento al padre fu l’inizio della sua tragedia. Il padre infatti, abusò di lei e del fratello fino a quando non gli furono tolti dagli assistenti sociali e affidati ad un’altra coppia che non riusciva ad avere figli. Per loro, una coppia di cristiani praticanti, i due bambini furono un autentico dono. Tuttavia Beth iniziò da subito a manifestare segni di malattia mentale come quando raccontava al psicologo gli incubi in cui “un uomo cadeva sopra di lei e la feriva con una parte di sé” o dove affermava che avrebbe voluto pugnalare i genitori adottivi.

Il ricovero

Alla luce di questa situazione Beth fu ricoverata in un servizio di psichiatria dove le diagnosticarono un disturbo dell’attaccamento, un modello di comportamento tipico dell’età evolutiva che, se disfunzionale, può portare a enormi problemi relazionali, fino a casi estremi come quello di Beth che non solo non era in grado di relazionarsi con le altre persone ma che manifestava aggressività fino al desiderio di fare del male ai propri genitori adottivi. Solo un lungo lavoro relazionale da parte dei psicologi del centro in cui la bambina era ricoverata riuscì a garantirle un futuro sano e integrato in società. La strategia fu di rieducarla a mantenere le regole e le abitudini tipiche della società, con sempre meno rigidità.

Beth da bambina psicopatica a infermiera di successo

Il duro lavoro degli psicologi e della stessa Beth le valsero la capacità di adattarsi nella società, di controllare i suoi sentimenti e acquisire consapevolezza di sé e delle altre persone. Il caso, famoso nell’ambiente della psicologia, solleva ancora molti dubbi: la bambina è riuscita a vincere i suoi demoni o ha solo imparato a fingere e a controllare i propri impulsi? Alcuni terapeuti denunciano che il lavoro fatto sulla bambina si sia limitato solo sul comportamento esteriore e sulle loro conseguenze, senza indagare e trattare il dolore, il trauma e l’odio che la povera piccola ha covato per tutta la sua vita. Eppure, Beth Thomas oggi è un’infermiera di successo, amata dai colleghi e sempre sorridente, che tiene conferenze sui disturbi dell’attaccamento e a cui hanno dedicato film e documentari alla sua edificante e difficile storia. Il caso di Beth, da bambina psicopatica a infermiera di successo, può farci riflettere sull’importanza di un ambiente famigliare sereno dove i bambini possano crescere in salute e quanto gli infermieri possono contribuire a questo, soprattutto grazie alla crescita sul territorio degli Infermieri di famiglia che possono prenderle in carico e aiutarle in questo difficile percorso.

Autore: Dario Tobruk 

(seguimi anche su Linkedin – Facebook Instagram)

Cerchi un manuale per imparare a leggere e interpretare l’elettrocardiogramma in maniera semplice ed efficace?

ECG facile: dalle basi all’essenziale
FORMATO CARTACEO
ECG facile Quando un infermiere entra in un nuovo contesto lavorativo, viene investito da un’onda di gigantesche proporzioni di protocolli, nozioni, dinamiche, relazioni e migliaia di cose da sapere. Fortunatamente, però, la saggezza professionale insegna che le cose hanno, alla fine, sempre la stessa dinamica: prima è tutto difficile, poi diventa normale, e prima o poi le cose si faranno semplici. È un ciclo che si ripete. Quale che sia il reparto o il servizio, prima si affronterà la montagna e prima si potrà godere della vista incantevole dei picchi a fianco delle nuvole, e scendere a valle soddisfatti del cammino, pronti per la prossima sfida. L’interpretazione dell’elettrocardiogramma è una di queste sfide. Lo scopo di questo breve manuale è guidare il sanitario, per quanto sia possibile, verso il pendio più semplice da scalare, aiutandolo passo dopo passo ad acquisire gli strumenti per non cedere mai di fronte alle avversità. A differenza dei numerosi manuali di autoapprendimento all’interpretazione dell’ECG disponibili nelle librerie e sul mercato, questo testo non è stato pensato per medici, ma è scritto e pensato per il personale sanitario come l’infermiere o, se volete, il tecnico sanitario perfusionista o di radiologia, che ogni giorno si confrontano con questo meraviglioso strumento di indagine. Il manuale tra le vostre mani ha il solo scopo di farvi sviluppare un unico superpotere: saper discriminare un tracciato normale da uno patologico, sapere quando dovrete segnalarlo al medico, e possibilmente salvare la vita del paziente. Scusate se è poco! Dario Tobruk Infermiere di area critica, ha lavorato in Cardiologia e UTIC e si è specializzato in ambito cardiologico. Da sempre persegue l’obiettivo di occuparsi di informazione, divulgazione e comunicazione medico-scientifica. In collaborazione con la casa editrice Maggioli, ha fondato dimensioneinfermiere. it, che tuttora dirige. Dario Tobruk | Maggioli Editore 2021
14.00 €